Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
A me che piace sperimentare
#1
Ho sentito parlare bene di Peppermint come di una distro leggerissima e adatta ai netbook e lo voglio proprio provare, ovvio in modalità live. Riporterò poi le mie impressioni. Batterà in leggerezza il già ottimo Majonix? Only time will tell... [img]images/smilies/huh.gif[/img][img]images/smilies/huh.gif[/img]
 
Cita messaggio
#2
Se è relativo alle nostre soluzioni dei vari progetti , ognuno di noi  3  (Dukko, Teo ed Io da il meglio di se stesso senza sentire  alcun bisogno di farne una competizione)  , la leggerezza in soluzioni  native come tali è poi funzione vincolata anche al peso del software che l' utente utilizza normalmente , se vuoi mantenere anche in peper le stesse versioni pesanti ma complete e valide su pc ben dotato , la gara di velocità è belle che finita . A stroncarti le risorse disponibile ci pensa il software anche se per il solo SO le risorse disponibili  sono abbondantemente sufficenti
Possiamo ed è quello che ognuno di noi fa , cercare di renderti l' ambiente di lavoro proposto , più piacevole e nei limiti del possibile più semplice da gestire . Non siamo abituati ne ai miracoli , ne a far del nostro lavoro , motivo   di possibili ma poco utili competizioni , alle quali almeno per quanto  mi riguarda preferisco un rapporto più semplice e limpido di collaborazione qualora fosse necessaria.

 
Cita messaggio
#3
Pace, mister.[img]images/smilies/arrendo.gif[/img]. Nessuno ha tirato in ballo competizioni tra di voi e mi scuso se forse tra le righe del mio post si percepisce proprio questo. Mi rendo perfettamente conto che dietro ogni distro, ogni novità, si cela il vostro lavoro, che non è sicuramente cosa semplice e facile. Io, che non so nemmeno da che parte si comincia a scrivere un kernel, vi ammiro per questo. Senza distinzione alcuna. Il fatto è che ogni distribuzione ha peculiarità che la diversificano da altre, questo stimola la mia curiosità, e la voglia di provare è lì a un passo.

Ed ora, a proposito...
Confermo ciò che si dice a proposito di questa distro: minimale, leggera, adatta a pc datati e/o netbook. Sto scrivendo usando Vim da terminale, con Sistema Operativo Peppermint installato su pendrive a modalità persistente. Tempo di caricamento: 40 secondi circa. Tempo di spegnimento: < 10 secondi. Chi si aspetta un ricco ventaglio di programmi rimarrà deluso in un primo momento: nemmeno la presenza di Abiword e Gnumeric per creare/visualizzare i files di writer-word e calc-excel. Ma questo perchè Peppermint presuppone un utilizzo intenso del software 'on the cloud': ha già installato a menu un collegamento a Calendar e Drive, quest'ultimo permette di caricare e lì eventualmente modificare i propri documenti di Office (io già uso GoogleDrive come backup online per i miei documenti e credetemi, è uno spettacolo). Per il ritocco fotografico abbiamo Photo editor, che lavora (occorre dirlo?) online. Il wifi è stato riconosciuto subito e mi sono ritrovato speedy sul Forum Majo'. Per il momento, insomma, solo rose. Se qualche spina c'è (a parte quella dell'alimentatore[img]images/smilies/sad.gif[/img]) salterà fuori magari più avanti... Mi aggiorno.  
 
Cita messaggio
#4
La spina sta nel fatto che le applicazioni cloud consumano risorse come le applicazioni installate, con l'unica eccezione dello spazio utilizzato sull'hard disk del tuo computer. Processore e Ram saranno sfruttate dalla web app come o più delle applicazioni installate.
Cita messaggio
#5
Sarà... devo ancora provare a lavorare con un applicativo cloud che non sia il solito GoogleDrive. Quando avrò maturato un po' di esperienza in questo settore riporterò le mie impressioni.
 
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)