Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Apple e le tasse
#1
Rainbow 
Sarebbero miliardi i dollari su cui Cupertino eviterebbe di pagare le tasse ogni anno, investiti in un circuito sapiente di filiali e società sussidiarie

Continua

Cita messaggio
#2
idem fanno Google, Microsoft, Oracle.. solo per estare nel campo informatico. Poi in realtà TUTTE le multinazionali evadono/eludono così, con il beneplacido delle leggi e dei politici corrotti. Il tutto alla faccia nostra. Prova a non dichiarare 2 euro e ti arriva Equitalia a fare il recupero coattivo con tanto di pignoramenti e blocco del conto corrente.
Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Cita messaggio
#3
sono multinazionali possono prendere residente fiscali dove gli fa più comodo...di norma in paesi compiacenti...paradisi fiscali ecc...i quali a loro volta possono anche chiudere un occhio essendo multinazionali che producono parti vitali informatiche o hitech e che quindi generano miglioramenti in economia locale di tali stati...con relative agevolazioni...quindi molti di tali stati non disdegnano tali multinazionali come clienti per depositare i loro soldi.
Persino la stessa Canonical è registrata come impresa sull'isola di Man...nonostante ha sede a Londra...e questo perché l'isola di Man ha un regime fiscale appunto molto più "conveniente"....anzi probabilmente quasi assente. E' considerato un paradiso fiscale e per l'Italia è stata messa nella famosa lista nera.
Cita messaggio
#4
Proprio ieri mi è capitato di vedere un video inchiesta ... mi pare condotto da Report ... in cui si cercava di risalire agli introiti di una nota multinazionale: Amazon

Ebbene trattandosi di multinazionale ... come diceva Singolarity ... possono avere la residenza fiscale dove lo ritengono più opportuno e pagare li le tasse calcolate in base ai profitti.

Qualcuno però ha sollevato un dubbio: Se tu multinazionale di fatto operi sul territorio italiano con tanto di capannoni/magazzino per lo smercio e l'invio delle merci ... ed hai una sede fisica a milano con 200 dipendenti dove processi gli ordini e contatti i vari partner (editori per accordi sugli ebook e vari) perchè le tasse non dovresti pagarle in italia dal momento che è in italia che vendi i tuoi beni???

Domanda interessante dalla risposta evasiva ... quelli di Amazon sostengono di non riuscire a quantificare i proventi di ogni singola nazione ma hanno un bilancio complessivo societario ... ahahaha

Fatalità la residenza fiscale è Lussemburgo ... ma guarda un pò!
Cita messaggio
#5
http://www.ansa.it/ " Foxconn" in cina "apple iphone"
Cita messaggio
#6
tumbler si rischia che dove le multinazionali siano costrette a pagare relative tasse ulteriori (tipo volere anche della Francia e Germania nei confronti di Google e altre) queste poi si "vendichino" aumentando casomai di tot % i prezzi solo per quegli stati...tanto sanno bene che nell'epoca di internet qualsiasi utente potrebbe anche acquistare i loro prodotti online in altri stati a costi più contenuti...escludendo poi dazi doganali ma se rimaniamo all'interno della UE non vi sono....cosa si ottiene alla fine?? che se si procede in tale modo contro tutte le multinazionali il PIL dello stato diciamo "minaccioso" fa un bel tonfo quasi certamente!!! conclusioni..non conviene forzare troppo la mano...un po' si...ma non in modo totale.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)