Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Chakra Archimedes 2012.5
#1
Eccola: http://www.lffl.org/2012/05/rilasciato-c...01205.html
Cita messaggio
#2
L'ho installata.... un pò complicata, se non trovi il programma che ti interessa devi usare i repository CCR compilando il tutto sul PC.
Da questo aspetto mi ricorda freebsd.
Però sembra veloce, KDE quasi non si sente ed il sistema è reattivo, comunque non sò se la terrò per molto.

Bye
Cita messaggio
#3
Le distro derivate prosperano in quantità industriale, dovrebbero sfruttare la loro creatività in tutt'altro modo secondo me.
Cita messaggio
#4
(20-05-2012, 19:38 )procton771 Ha scritto: Le distro derivate prosperano in quantità industriale, dovrebbero sfruttare la loro creatività in tutt'altro modo secondo me.

Hai ragione, hanno scordato l'obiettivo: poche ma buone. Exclamation
Cita messaggio
#5
Mi associo ..
Cita messaggio
#6
In questo caso usare la derivata per me è stato quasi un obbligo: archlinux dalla quale deriva chakra viene fornita senza DM e quindi bisogna fare tutto da terminale, compreso la creazione di un X11 funzionante.

bye
Cita messaggio
#7
Chiedere a GNU/Linux di "ridurre il numero delle derivate (di qualsivoglia "distro")" è un po' come chiedere a un pittore di cavarsi uno -a scelta- dei suoi propri (2) occhi.
Non è semplicemente INUTILE: è anche oltremodo stupido, perchè va direttamente contro tutti i fondamenti (anche ideali) sui quali poggia l'intero universo GNU/Linux.
La naturale -imprescindibile e anche ineliminabile- sua "biodiversità" è la ragione vera (e basilare) del valore e della forza di GNU/Linux.
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#8
(21-05-2012, 12:29 )monsee Ha scritto: Chiedere a GNU/Linux di "ridurre il numero delle derivate (di qualsivoglia "distro")" è un po' come chiedere a un pittore di cavarsi uno -a scelta- dei suoi propri (2) occhi.
Non è semplicemente INUTILE: è anche oltremodo stupido, perchè va direttamente contro tutti i fondamenti (anche ideali) sui quali poggia l'intero universo GNU/Linux.
La naturale -imprescindibile e anche ineliminabile- sua "biodiversità" è la ragione vera (e basilare) del valore e della forza di GNU/Linux.

L'artista non è colui che da una cosa esistente ne modifica a suo piacimento, ma è chi dal nulla riesce a creare quello che aveva in mente, in tutte queste distro non vedo nulla di sostantivo, un tema o delle opzioni messe in modo diverso non mi entusiasmano, sarebbe più interessante se il supporto di una distro prevedesse anche un parco di software creati da loro stessi con un loro reposity.
Cita messaggio
#9
Bè diciamo che ormai con tutti i tools a disposizione, praticamente chiunque può creare (o meglio derivare) una distro. Chi lo fa dovrebbe chiedersi se sta effettivamente impiegando tempo e fatica per dare un apporto utile alla community linuxiana o se sta sfornando qualcosa di ridondante ed inutile.
Premesso che la "biodiversità" sottolineata da Monsee è molto importante, perdere tempo a reinventare la ruota potrebbe essere uno sforzo inutile che sottrae forze ad altri progetti più "meritevoli".
a dieci anni il mondo è fantasia, a vent'anni possibilità, a trenta speranza. A quaranta è riflessione, a cinquanta... vi saprò dire.
Cita messaggio
#10
Differenziare è produttivo... Inflazionare è ridondante.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)