Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
GNU/Linux sul desktop? ormai è morto!
#1
mi ha spiazzato questo commento rilascaito da Miguel de Icaza,
responsabile tra l'altro di Mono, e fondatore del progetto Gnome.non penso affatto che sia possibile una affermazione del genere o pelomeno me la sarei aspettata da Stallman che un pò ci ha abituati ad affermazioni così radicali.
sono assolutamente convinto che il fenomeno linux come uso desktop stia invece avanzando, basta pensare a come il mondo closed source si stia avvicinando a GNU/Linux, fino a poco tempo fa Skype su linux ce lo sognavamo...
è assolutamnte vero che windows che viene venduto (anzi concesso in licenza!) con la maggior parte dei pc è ancora nella maggior parte delle macchine e che mac è scelto da chi fa un certo tipo di lavori (dai se si un utente desktop che te ne fai di un mac?), ma io credo che la libertà di scelta sia l'arma vincente di GNU/Linux. esempio: ok autocad, ma se chi ne fa uso provasse ad usare Librecad? o chi usa photoshop sfruttasse gimp e simili? se ci fosse maggiore informazione di tali programmi e loro sistemi ospitanti forse nella gestione dell'economia di una piccola azienda conterebbe eccome.
come si può pensare di rinunciare alla libertà di rimaneggiare un software, rimediare ai bug, ridistribuirlo e tutto ciò che prevede la "politica" di chi crede nell'open source?
mi sento di dire che a dispetto della sua diffusione di nicchia (non scarsa diffusione!) è questo sistema il migliore sotto tutti i punti di vista (concreto e concettuale), altro che morto, perchè è fatto per passione e non per denaro.
cosa ne pensate?
Cita messaggio
#2
Citazione:e che mac è scelto da chi fa un certo tipo di lavori (dai se si un utente desktop che te ne fai di un mac?)
tipo??? a me non risulta già da anni eeeh....te pensa che le assistenze proprio su dei mac in ambito domestico sono persino in aumento eheh e infatti chi continua solo a vedere i pc commette un errore perché le assistenze mac fatte bene sono rare ahahah...la vendita di mac anche portatili non è certo a livelli così da nicchia come invece una volta...è prediletto anche in ambito domestico per dei concetti quasi sempre di stabilità...ottimizzazione elevata tra hw e os e quindi improbabile trovare qualcosa che si "inceppi" durante l'uso....poi c'è chi lo sceglie anche x il macosx stesso.....in qualsiasi caso ti potrei dire che fino a qualche anno fa...periodo ancora di snow leopard molti prodotti adobe per mac non erano ancora stati convertiti a 64bit...con notevole disappunto anche di molti professionisti costretti a usare le versioni a 32 (con relativi problemi a gestire file di una certa dimensione di giga e giga)....ci mise una vita adobe a farle e il terrore che nemmeno volesse proporle c'era tutto!!! ...tanto che alla fine chi si era scocciato si è comprato una workstation normale e ci ha montato i medesimi adobe a 64 per win64!!!
Attualmente c'è ancora il terrore che apple decida di smettere con la sua produzione business....e le proposte poi rimandate e non mantenute sui nuovi mac pro fanno credere in tale senso....e c'è già chi si sta preparando a migrazioni su server o workstation di marca (tipo hp, ibm, dell ecc) sia con win che con linux.

Tornando in topic non lo credo nemmeno io che sia morto come desktop....di norma chi lancia tali dichiarazioni estreme lo fa quasi per esorgizzare il caso peggiore....per me c'è ancora molto su cui sperare...certo è vero che c'è molto interesse nel campo embedded per linux sia come kernel che come gui...e molti sono stati i miglioramenti di queste volte ad una leggerezza ma con "eleganza" e quindi un minimalista bello da vedere e funzionale....nel contempo è anche vero che molte soluzioni applicate in tali campi sono state anche scelte per un kernel generico nei normali pc....del resto se va da dio su un sistema minimale perché non sfruttarlo anche su un sistema più pompato??? in effetti mi trovo d'accordo procedere con una tipologia leggera e una pesante non ha molto senso...quella leggera a maggior ragione può servire ovunque. Forse il discorso di Miguel de Icaza è rapportato a questo....ossia il concetto di desktop visto come sistema pesante non ha più senso di esistere...sarebbe più conveniente optare solo per quello leggero in qualsiasi uso....poi in verità la disquisizione reale è molto più tecnica ci sono accuse verso api non compatibili e altre situazioni che uno svecchiamento del kernel di linux hanno portato a delle scelte diverse e non ha accontentato alcuni sviluppatori che forse hanno scelto di migrare su altre piattaforme *nix.

Citazione:ok autocad, ma se chi ne fa uso provasse ad usare Librecad? o chi usa photoshop sfruttasse gimp e simili? se ci fosse maggiore informazione di tali programmi e loro sistemi ospitanti forse nella gestione dell'economia di una piccola azienda conterebbe eccome.
eeeeh mi sembra di ripetermi ma credo che forse non hai ben presente le varie operazioni che si eseguono nel gestire un'azienda in senso strumentale....la fai troppo semplice eheh....in verità anche l'uso di certi software o attrezzature specifiche è volto o obbligato perché se vi sono iterazioni esterne (direi al 90% dei casi) in particolare con la PA o altre aziende più grosse non si può decidere in modo personale di optare per il mondo open....uno ci potrebbe anche provare ma a suo rischio....l'ostacolo maggiore sono i formati dati...non esiste solo copyright sul tipo di software ma anche sul tipo di formati gestiti....e in verità creano più problemi al mondo open tali copyright chiusi sui formati piuttosto che il singolo software closed.....se la PA cambia e decide a sua volta di optare solo per software open e quindi formati open allora di rimando anche molte aziende lo faranno....idem se in certi campi si prediligano soluzioni diverse.....ma credimi in alcuni ambiti molto dettagliati c'è ben poco in cui spaziare come scelta.....ti faccio solo un esempio se io come azienda sono collegato ad un'altra grossa come commissione (mettiamo sia la fiat ...spariamola alta eheh) se la fiat mi invia i suoi dati in un certo formato usabile solo con un determinato software non è che io gli scrivo "sentite non è che me lo mandate in altro formato open che io non voglio spendere in licenze mostruose" ehm ehm...immaginati la risposta di fiat del tipo "riceviamo la sua richiesta ma noi procediamo solo con tali sistemi e dati se lei non in grado di fornirci assistenza in tale ambito la ringraziamo e arrivederci" ecco....decisamente si spera di non ricevere mai risposte simili...ma di solito un imprenditore savio nemmeno le farebbe certe domande eheh...fin troppo rischiose....proprio per questo ci si adatta a ciò che altri ti impongono...questo in molti settori business....anzi più si va nel dettaglio di particolari macchinari e più si tratta di dati tendenzialmente closed e anche rari da trattare con software alternativi...direi impossibile....tranne che uno nello specifico non si metta a riprogrammare qualcosa di adattabile (a volte è successo ma quasi solo in ambito di elettronica) anche nel mondo linux ma non certo per passione....a volte per comodità personali e spesso non certo divulgate per motivi anche di violazioni di brevetti.

Citazione:altro che morto, perchè è fatto per passione e non per denaro.
cosa ne pensate?
penso che non hai capito forse cosa volesse dire Miguel eheh...e credo che tu sia troppo idealista....guarda che molto dello sviluppo di linux inteso come kernel ma anche come gui varie (escludendo la gnome) la si deve ad aziende che hanno pagato e continuano a pagare tale sviluppo per loro interesse di guadagno...non dirmi che credi davvero che al 100% sia frutto di passione e tutti ci lavorino dietro a gratis??

Cmq eccoti altri link da leggere...persino una controrisposta di Torvalds a De Icaza:
http://www.ossblog.it/post/15819/linus-t...do-a-gnome
http://www.ossblog.it/post/15675/perche-...l-de-icaza
Cita messaggio
#3
Singolarity mi piaci perchè sei di poche parole Sad anche volendoti rispondere è un pò tardi Sad comunque questa news era già stata postata alcune settimane fa.
Cita messaggio
#4
(09-10-2012, 17:34 )Singolarity Ha scritto: tipo??? a me non risulta già da anni eeeh....

giusto un piccolo esempio: fotografo he una photoshop o grafico che usa mac.

(09-10-2012, 17:34 )Singolarity Ha scritto: te pensa che le assistenze proprio su dei mac in ambito domestico sono persino in aumento eheh e infatti chi continua solo a vedere i pc commette un errore perché le assistenze mac fatte bene sono rare ahahah...

a me se il computer non si sfascia ogni tanto non mi sento a mio agio.

(09-10-2012, 17:34 )Singolarity Ha scritto: è prediletto anche in ambito domestico per dei concetti quasi sempre di stabilità...ottimizzazione elevata tra hw e os e quindi improbabile trovare qualcosa che si "inceppi" durante l'uso....

come sopra...

(09-10-2012, 17:34 )Singolarity Ha scritto: la vendita di mac anche portatili non è certo a livelli così da nicchia come invece una volta...


per me è sempre troppo "radical chic"


(09-10-2012, 17:34 )Singolarity Ha scritto: non hai ben presente le varie operazioni che si eseguono nel gestire un'azienda in senso strumentale....la fai troppo semplice eheh....


mi riferifo a piccole aziende, come il citato fotografo od al negozio di abbigliamento che mantiene magazzino e contabilità e situazioni simili, ti sei decisamente allargato in quello che crivi dopo:

(09-10-2012, 17:34 )Singolarity Ha scritto: in verità anche l'uso di certi software o attrezzature specifiche è volto o obbligato perché se vi sono iterazioni esterne (direi al 90% dei casi) in particolare con la PA o altre aziende più grosse non si può decidere in modo personale di optare per il mondo open....uno ci potrebbe anche provare ma a suo rischio....l'ostacolo maggiore sono i formati dati...non esiste solo copyright sul tipo di software ma anche sul tipo di formati gestiti....e in verità creano più problemi al mondo open tali copyright chiusi sui formati piuttosto che il singolo software closed.....se la PA cambia e decide a sua volta di optare solo per software open e quindi formati open allora di rimando anche molte aziende lo faranno....idem se in certi campi si prediligano soluzioni diverse.....ma credimi in alcuni ambiti molto dettagliati c'è ben poco in cui spaziare come scelta.....ti faccio solo un esempio se io come azienda sono collegato ad un'altra grossa come commissione (mettiamo sia la fiat ...spariamola alta eheh) se la fiat mi invia i suoi dati in un certo formato usabile solo con un determinato software non è che io gli scrivo "sentite non è che me lo mandate in altro formato open che io non voglio spendere in licenze mostruose" ehm ehm...immaginati la risposta di fiat del tipo "riceviamo la sua richiesta ma noi procediamo solo con tali sistemi e dati se lei non in grado di fornirci assistenza in tale ambito la ringraziamo e arrivederci" ecco....decisamente si spera di non ricevere mai risposte simili...ma di solito un imprenditore savio nemmeno le farebbe certe domande eheh...fin troppo rischiose....proprio per questo ci si adatta a ciò che altri ti impongono...questo in molti settori business....anzi più si va nel dettaglio di particolari macchinari e più si tratta di dati tendenzialmente closed e anche rari da trattare con software alternativi...direi impossibile....tranne che uno nello specifico non si metta a riprogrammare qualcosa di adattabile (a volte è successo ma quasi solo in ambito di elettronica) anche nel mondo linux ma non certo per passione....a volte per comodità personali e spesso non certo divulgate per motivi anche di violazioni di brevetti.


(09-10-2012, 17:34 )Singolarity Ha scritto: penso che non hai capito forse cosa volesse dire Miguel eheh...


forse sei tu che non hai capito che ho preso spunto da una frase estrapolata da un contesto, per crere il topic.


(09-10-2012, 17:34 )Singolarity Ha scritto: e credo che tu sia troppo idealista....

e che ci sarebbe di male? meglio che essere cinici...


(09-10-2012, 17:34 )Singolarity Ha scritto: guarda che molto dello sviluppo di linux inteso come kernel ma anche come gui varie (escludendo la gnome) la si deve ad aziende che hanno pagato e continuano a pagare tale sviluppo per loro interesse di guadagno...non dirmi che credi davvero che al 100% sia frutto di passione e tutti ci lavorino dietro a gratis??

ovviamente i riferivo a distribuzioni indipendenti, non sponsorizzate da canonical, red hat et similia.
Cita messaggio
#5
(09-10-2012, 22:18 )procton771 Ha scritto: comunque questa news era già stata postata alcune settimane fa

come già detto prendo spunto da una frase
Cita messaggio
#6
forse sei tu che non hai capito che ho preso spunto da una frase estrapolata da un contesto, per crere il topic.


(09-10-2012, 17:34 )Singolarity Ha scritto: e credo che tu sia troppo idealista....

ovviamente i riferivo a distribuzioni indipendenti, non sponsorizzate da canonical, red hat et similia.
[/quote]

L' unica distribuzione , considerabile e definibile tale il cui sviluppo prosegue da sempre per puro hobbi senza alcun lucro da parte di chi partecipa al suo sviluppo è da sempre Debian . Tutte le altre sono come minimo sponsorizzate , le derivate non fanno testo anche se almeno le più note sono comunque progetti sponsorizzati da grandi gruppi commerciali , sono solo personalizzazioni di varia natura di una fra le realmente poche effettive grandi distribuzioni , ne condividono i server repository e di proprio aggiungono poco e nulla , sono giustamente messe in rete per essere utiliti ha chi si trova ad avere le identiche esigenze di chi le crea , chiunque partendo da una base già esistente può creasi e ridistribuire una propria soluzione , generare l' iso del SO dopo averlo ottimizzato in funzione dell' esigenza , non è un problema che richiede lauree , ne tempi linghi , le utility per farlo con pochi clic di mause , al resto pensa da se il SO stesso ,ci sono .
Cita messaggio
#7
sandro m. Ha scritto:giusto un piccolo esempio: fotografo he una photoshop o grafico che usa mac.
beh se oggi lab fotografici o grafici usano ancora un mac ppc c'è da preoccuparsi seriamente!! eheh perché primo non è più supportato da apple dalla 10.5 ossia da leopard (e i 64bit full apple li ha imposti solo dalla 10.6 ossia da snow leopard)....secondo se sono ancora con un powermac G4/G5 vuoldire che sono costretti solo perché hanno altri macchinari di stampa automatica che sicuramente non sono recenti e sono compatibili solo con quel tipo di mac ppc...però parliamo di roba di 7-10 anni fa eeeeh....e non so quanto mi senta sicuro se fossi nei loro panni di imprenditore a continuare con tale attrezzatura eheheh....anche perché te lo posso dire con certezza anche tali macchinari di stampa proprietari sono ormai "estinti" e questo significa manutenzione impossibile e anche sostituzione di altri pezzi introvabili!!! ...posso dirti che ho proprio un amico che ripara mac e credimi trattiene ogni pezzo sano dei vecchi powermac G5 dismessi se gli capitano...gli sono utili come il pane eheheh
Ti posso quindi dire che alcuni di loro usano ancora i macintel (per via di manualità migliore con il macosx ormai) e diciamo che hanno riscontrato anche nuove problematiche causate da apple eheh...altri invece hanno optato anche per workstation normali con win64.

Per quanto riguarda i piccoli negozi non usano nemmeno loro software generici come credi....anzi lo fanno di rado...se fanno parte di un franchising per niente!!! per il resto anche altri ho visto che usano software specifici legati al mondo del loro lavoro...e a conferma dai diretti interessati .....perché la domanda gliel'ho posta....mi hanno risposto a grandi linee che tali software sono così "comodi" nella gestione specifica di quello che devono fare che sostituirli con uno open generico gli farebbe perdere tempo....vuoi un esempio più mirato?? prendo le edicole che per altro proprio in sti anni si stanno informatizzando sempre più...usano di preferenza solo due tipi di software specifici e sono inforiv e geriv (entrambi closed ovviamente) se ne usano uno generico non possono collegarsi con il distributore locale o provinciale...e oltre ad avere una gestione clienti e magazzino generica hanno una serie di funzioni specifiche legate al mondo dell'editoria e alle singole esigenze proprio di vendita e resa di riviste attraverso identificazione di codici a barre.
Ufficialmente sarebbe possibile crearne uno open equivalente?? ah certo ma a meno che non te lo programmi da solo da zero per il resto nessuno lo farebbe (per via del tempo e difficoltà)...tieni poi conto che le ditte che producono i software citati sopra si prendono anche cura di mantenere aggiornato un db di tali riviste quotidianamente nei loro server (infatti poi richiedono una specie di canone per l'accesso anche a questo)...tale db dovresti creartelo da solo in caso di un software open immettendo ogni singola rivista e tutti i dati che la riguardano....e parliamo ormai di migliaia di riviste...molte con nomi simili...se poi ci metti anche le straniere (vendute in zone turistiche) non finisci più.
Vuoi che ti parli di un'altra piccola attività come un "semplice" tabacchi??? anche questo è messo "bene" eheheh non parliamo del sistema sisal che deve essere "blindato" e non collegato ad altro!!! eheh addirittura ti posso dire che ufficialmente non si ha nemmeno il diritto di toccare il loro router già preimpostato e manco gli addetti telecom possono eheh....però anche in queste attività per la loro gestione non usano software generici di magazzino.
Vuoi che ti parli di una semplice officina che ripara auto??? anche qui ...software abbastanza blindati dalle case madri delle varie auto o di singoli componenti elettronici...in particolare se sei un centro autorizzato...tipo per risistemare tutto il parco pc di una officina autorizzata bosch (presente le centraline??) ecco ho dovuto chiamare il supporto in germania e fortuna che parlava un italiano stentato (quando gli ho detto che parlavo anche inglese si è rifiutata dicendomi che parlava benissimo it_liaNuuuu jaaa ahahah ooooh grosso modo come il mio gaelico!!! Sad )...per farmi dire il nuovo seriale (rigenerato ogni volta exnovo da un loro algoritmo) del software specifico che dovevo reinstallare...per altro tutto certificato tramite chiavi elettroniche!!! Si si ce lo vedrei bene questo con roba open eheh soprattutto credere che bosch renderebbe pubblici molti dei suoi settaggi ahahah

Quindi ti torno a dire che in base alle tue proposte non sai esattamente come siano strutturati davvero tali software ne le attrezzature informatiche di queste aziende piccole o grandi che siano....e ne parli in senso generico per tua supposizione....quindi in coloro che dicono "basta gimp...basta librecad o libreoffice ecc"...in realtà presumono che il livello di uso sia similare a quello domestico...ma non lo è nemmeno per le piccole aziende...ogni caso andrebbe studiato a valutato a parte....qualche attività sicuramente potrebbe adattarsi ma sono casi che vanno visti singolarmente.

sandro m. Ha scritto:a me se il computer non si sfascia ogni tanto non mi sento a mio agio.
si sfascia anche il mac credimi eheheh di solito in senso hardware e per la maggiore hdd e ram....secondariamente la sk video ma di rado.
A livello software è molto raro ....però se incappi in una app fatta male i sintomi nel macosx sono strani...nel senso che tu non ci crederai ma è meno protetto internamente di quanto non lo sia lo stesso win che invece anche per bugs terzi è sempre prevenuto e ti blocca tutto con un bel BSOD eheh che molti non lo sanno non ha un significato di tilt ma proprio di protezione hw e anche dell'os stesso.
Tanto per darti un assaggio di una procedura generica che va fatta sul macosx "inceppato":
http://www.tuttologia.com/tutorial/mac-o...gnosi.html
Come vedi è molto oltre un semplice recovery di win da consolle di ripristino o da dvd install.

sandro m. Ha scritto:e che ci sarebbe di male? meglio che essere cinici...
si ma se il tuo idealismo parte per la tangente con idee fantasiose non è produttivo...un bel momento devi tornare con i piedi per terra e se vuoi davvero modificare qualcosa non puoi farlo in senso astratto...lo devi fare in senso pratico...altrimenti saremmo tutti dei gran politici eheheh ops...invece per proporre prima devi guardare attentamente quindi metterci le mani come si dice.

@procton771
l'importante non è solo rispondermi...ma anche leggere cosa scrivo...è sempre frutto di lavoro sul campo e non sul sentito dire...quindi cerco solo di "aggiornare" alcune convinzioni di chi non lavora in tale campo Smile sorriso originale
Cita messaggio
#8
(10-10-2012, 16:35 )Singolarity Ha scritto: @procton771
l'importante non è solo rispondermi...ma anche leggere cosa scrivo...è sempre frutto di lavoro sul campo e non sul sentito dire...quindi cerco solo di "aggiornare" alcune convinzioni di chi non lavora in tale campo Smile sorriso originale

Mai messo in dubbio la tua profonda conoscenza nel campo informatico, anzi per me è sempre un piacere leggerti.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)