Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Installazione nuovo OS: dubbi su partizionamento e GRUB
#1
Attualmente sul mio hardisk c'è la situazione che potete vedere nello screenshot di GParted.
http://imageshack.us/photo/my-images/444...01304.png/
Siccome dovrei installare Manjaro al posto di Ubuntu avrei intenzione di procedere come segue, utilizzando sempre GParted:
1) Formattare la partizione contenente Ubuntu.
2) Ampliare la partizione per Linux di circa 10 GB e ridurre la partizione di Windows XP.
3) Suddividere la partizione Linux in questo modo: 15 GB per la root, 3 GB per la swap e 7 GB per la home.
Visto che il numero di partizioni aumenterà vorrei capire in che modo procedere affinché GRUB riconosca la nuova disposizione e il nuovo OS, considerando anche che vorrei installare il nuovo GRUB 2 al posto del vecchio 1.99.
Ho già consultato le vostre guide sulle partizioni e anche quelle di altri siti ma non sono state sufficienti per chiarirmi le idee. Quindi chiedo a voi se potete dissipare i miei dubbi...
Grazie
Cita messaggio
#2
ciao, ho guardato la tua immagine e letto quanto vuoi fare. ricordandoti prima di ridurre win di fare un defrag magari ripetendolo, vedo che sul tuo è gia presente una partizione estesa. ora facendo quanto tu vuoi, arriveresti a cinque partizioni e questo non è possibile. per impostare dovresti una volta formattato, allargare la partizione estesa ed al suo interno creare le partizioni logiche per root/home/swap. al termine ti troverai una primaria contenente win ed una estesa contenente partizioni logiche per root/home/swap/archivio/works. buon lavoro
Cita messaggio
#3
(24-04-2013, 12:00 )dxgiusti Ha scritto: ricordandoti prima di ridurre win di fare un defrag magari ripetendolo
deframmentare 2 o più volte di seguito con lo stesso deframmentatore non serve a niente;
deframmentare 2 o più volte di seguito con deframmentatori diversi, oltre a non servire a niente, usura anche l'hard disk ed inoltre l'unica deframmentazione che avrà effetto è l'ultima, vanificando quelle precedenti.
Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Cita messaggio
#4
(24-04-2013, 13:37 )BAT Ha scritto:
(24-04-2013, 12:00 )dxgiusti Ha scritto: ricordandoti prima di ridurre win di fare un defrag magari ripetendolo
deframmentare 2 o più volte di seguito con lo stesso deframmentatore non serve a niente;
deframmentare 2 o più volte di seguito con deframmentatori diversi, oltre a non servire a niente, usura anche l'hard disk ed inoltre l'unica deframmentazione che avrà effetto è l'ultima, vanificando quelle precedenti.

da te imparo sempre. avevo letto da altri ma ora so cosa dire. ciao bat
Cita messaggio
#5
(24-04-2013, 13:40 )dxgiusti Ha scritto: da te imparo sempre. avevo letto da altri ma ora so cosa dire. ciao bat
bravo!
il fatto è che questa cosa lo avevo detto anche agli altri, solo che non hanno voluto sentirci. A questo punto spiego rapidamente perché viene consigliato deframmentare quando si ridimensionano le partizioni e perché è inutile deframmentare 2 (o più) volte di seguito.

Perché si consiglia la deframmentazione (e prima ancora lo scandisk):
perché se i file sono deframmentati nel caso di rimpicciolimento verranno spostati più rapidamente dal gestore di partizioni, che non è costretto a saltellare da una sezione del disco all'altra.

Perché non bisogna deframmentare più volte di seguito con lo stesso deframmentatore:
una volta effettuata una "passata" un file o è già deframmentato, ossia scritto su più blocchi consecutivi, oppure non lo è; pochi file sfuggiranno alla deframmenazione (teoricamente nessuno): se ripeti la deframmentazione non otterrai alcun vantaggio.

Perché non bisogna deframmentare più volte di seguito con deframmentatori diversi:
ogni deframmentatore ha i suoi metodi per riallocare i file su disco; fondamentalmente tutti devono scrivere ciascun file su blocchi numerati in modo consecutivo, poi ogni deframmentatore sceglie se lasciare spazio libero tra un file e l'altro e quanto lasciarne. Questo significa che se usi il deframmentatore A che lascia 100 blocchi vuoti dopo ogni file, poi B che non ne lascia affatto, poi C che lascia 200 blocchi, alla fine la deframmentazione effettiva è solo l'ultima, quella fatta da C. Tutte quelle precedenti hanno solo fatto lavorare l'hard disk inutilmente.

Tutto questo ovviamente vale solo per gli hard disk meccanici a piatti magnetici, non per gli SSD che non hanno bisogno di deframmentazione.
Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Cita messaggio
#6
(24-04-2013, 12:00 )dxgiusti Ha scritto: ciao, ho guardato la tua immagine e letto quanto vuoi fare. ricordandoti prima di ridurre win di fare un defrag magari ripetendolo, vedo che sul tuo è gia presente una partizione estesa. ora facendo quanto tu vuoi, arriveresti a cinque partizioni e questo non è possibile. per impostare dovresti una volta formattato, allargare la partizione estesa ed al suo interno creare le partizioni logiche per root/home/swap. al termine ti troverai una primaria contenente win ed una estesa contenente partizioni logiche per root/home/swap/archivio/works. buon lavoro

Ma come prestazioni e funzionalità cambia qualcosa tra mettere un OS in una partizione primaria o in una logica?
Cita messaggio
#7
(24-04-2013, 13:54 )BAT Ha scritto:
(24-04-2013, 13:40 )dxgiusti Ha scritto: da te imparo sempre. avevo letto da altri ma ora so cosa dire. ciao bat
bravo!
il fatto è che questa cosa lo avevo detto anche agli altri, solo che non hanno voluto sentirci. A questo punto spiego rapidamente perché viene consigliato deframmentare quando si ridimensionano le partizioni e perché è inutile deframmentare 2 (o più) volte di seguito.

Perché si consiglia la deframmentazione (e prima ancora lo scandisk):
perché se i file sono deframmentati nel caso di rimpicciolimento verranno spostati più rapidamente dal gestore di partizioni, che non è costretto a saltellare da una sezione del disco all'altra.

Perché non bisogna deframmentare più volte di seguito con lo stesso deframmentatore:
una volta effettuata una "passata" un file o è già deframmentato, ossia scritto su più blocchi consecutivi, oppure non lo è; pochi file sfuggiranno alla deframmenazione (teoricamente nessuno): se ripeti la deframmentazione non otterrai alcun vantaggio.

Perché non bisogna deframmentare più volte di seguito con deframmentatori diversi:
ogni deframmentatore ha i suoi metodi per riallocare i file su disco; fondamentalmente tutti devono scrivere ciascun file su blocchi numerati in modo consecutivo, poi ogni deframmentatore sceglie se lasciare spazio libero tra un file e l'altro e quanto lasciarne. Questo significa che se usi il deframmentatore A che lascia 100 blocchi vuoti dopo ogni file, poi B che non ne lascia affatto, poi C che lascia 200 blocchi, alla fine la deframmentazione effettiva è solo l'ultima, quella fatta da C. Tutte quelle precedenti hanno solo fatto lavorare l'hard disk inutilmente.

Tutto questo ovviamente vale solo per gli hard disk meccanici a piatti magnetici, non per gli SSD che non hanno bisogno di deframmentazione.

Per la deframmentazione da alcuni anni uso Auslogics Disk Defrag e già sapevo più o meno queste cose, anche se non in modo così dettagliato, e comunque ricordarlo male non fa, grazie.
Cita messaggio
#8
no, per ubu primaria o logica è la stessa cosa.
Cita messaggio
#9
(24-04-2013, 19:39 )dxgiusti Ha scritto: no, per ubu primaria o logica è la stessa cosa.

L'OS che devo installare non è Ubuntu ma Manjaro, ma presumo sia lo stesso, sempre di Linux si tratta.
Per quel che riguarda GRUB, devo modificare qualcosa o avverrà tutto in modo automatico con l'installazione del nuovo OS?
Cita messaggio
#10
mi spiace ma non conosco Manjaro, vedo che è una rolling e questo mi aggrada. purtroppo il fatto che sia un "linux" non vuol dire nulla sul fatto dell'avvio in dual boot, io esempio sul mio per ubu e pclinux ho installato ( con soddisfazione ) gag in quanto i due sistemi non si parlano ( intendo all'avvio ). seguirò con attenzione questo post per vederne gli sviluppi e sopratutto per sapere come ti troverai con Manjaro. ciao
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)