Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
La differenza tra comprendere e giustificare, o come Ubuntu ti prende per il c...
#1
Tongue 
Huh Leggendo questo articolo,non ho ben capito,gli sviluppatori di ubuntu sceglierebbero x prime-impostazioni x i table-pc?Huh
Cita messaggio
#2
Sì, è cosa ultra-nota: da anni, oramai, lo sviluppo di UBUNTU (ciò è un po' meno vero se parliamo delle moltissime "derivate", inclusi Xubuntu e Kubuntu... ma di "derivate" di UBUNTU -diverse fra loro- ce ne saranno quasi un centinaio) volge decisamentea privilegiare il marketing sopra ogni cosa, puntando decisamente verso il settore "tablet-PC" (prima, anche verso i netbook, ma ora più decisamente verso i tablet). Ne ho avuto la chiara percezione (della tendenza secca a privilegiare l'aspetto marketing, intendo, a scapito della filosofia GNU/Linux, quando installai -e subito abbandonai- UBUNTU 8.10).
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#3
(15-10-2011, 17:39 )monsee Ha scritto: Sì, è cosa ultra-nota: da anni, oramai, lo sviluppo di UBUNTU (ciò è un po' meno vero se parliamo delle moltissime "derivate", inclusi Xubuntu e Kubuntu... ma di "derivate" di UBUNTU -diverse fra loro- ce ne saranno quasi un centinaio) volge decisamentea privilegiare il marketing sopra ogni cosa, puntando decisamente verso il settore "tablet-PC" (prima, anche verso i netbook, ma ora più decisamente verso i tablet). Ne ho avuto la chiara percezione (della tendenza secca a privilegiare l'aspetto marketing, intendo, a scapito della filosofia GNU/Linux, quando installai -e subito abbandonai- UBUNTU 8.10).

Canonical guarda al futuro con realismo , e da lavoro regolarmente e pure ben stipendiato a migliaia di dipendenti, senza lilleri non si lallera , i costi per la ricerca sono alti e non bastano certo gli oboli di qualche anima generosa se si vuole che linux non rimanga fermo al palo , è necessario anche finanziarsi attraverso i rami commerciali. Nessuna delle licenze gpl poi dice di distribuire a gratis , anzi pone l' accento sull' opportunità di chiedere il giusto compenso per il proprio lavoro , OpenSource non significa tutto gratis , ma completo dei sorgenti con il quale è stato realizzato.
Stalman la distribuzione di cui si cura , non la regala e non te la fa scaricare liberamente , alla faccia di tutte le sue contorte filosofie. E FreeSoftFundation senza i finanziamenti a fondo perduto dei grandi gruppi industriali , neppure esistebbe .

Cita messaggio
#4
Nessuno vuol negare a chi si occupa di GNU/Linux (o di BSD o di altro Sistema Operativo) di guadagnarci sopra. Ci mancherebbe altro.
Ma andare a scopiazzare criteri di Marketing per intero "calibrati" per fornire vantaggio a ditte quali Microsoft, Oracle e Apple non è -a parer mio,- per chi vuole affermarsi in un Mercato oggi loro, saggia politica commerciale... Se tali criteri son buoni, significa che prevarranno loro. Se -come scommetton GNU/Linux, BSD e similari- son sbagliati, il primo a annaspare sarà chi ha il "fiato" più corto (e dubito che Canonical abbia più risorse a sua disposizione -sul piano economico/commerciale- di quelle a disposizione di Società quali Microsoft, Oracle o Apple)... Insomma, io mi auguro di sbagliarmi, ma son vari anni che mi sono convinto che probabilmente gli ...UNTU son, per GNU/Linux, una sorta di "vicolo cieco" (o, al massimo, un percorso accidentato e non-fruttuoso), laddove GNU/Linux in generale, al fianco di BSD, è verosimilmente destinato a vincere la sfida (e penso pure che il Mac -come SO- potrebbe rivelarsi, in un prossimo futuro, un "osso" duro da rodere quanto e più di quel che non appare adesso Windows, sul Mercato: difetta in "libertà" -in libertà per l'Utente, specialmente,- questo è sicuro. Ma è fatto bene veramente ed è decisamente stabile, il che -alla lunga- paga).
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#5
Per ora mi tengo il mio Ubuntu ma se in futuro quel che prospettate si avvererà state sicuri che busso alla vostra porta, vi indico le capacià del mio pc e voi, se siete così gentili come lo siete stati finora, mi indicherete quale "distro" utilizzare, tanto se sono riuscito a capire i meccanismi di Ubuntu da quel che dice monsee non dovrebbe essere difficile apprendere altre distribuzioni gratuite di Linux; mi sbaglio monsee?
P.S. con questo non voglio dire che le altre distro siano inferiori ad ubuntu solo che se ho avuto il coraggio di ricominciare da capo passando da Windows (che peraltro mi sta dando problemi su macchina virtuale con l'unico database che non riesco a far girare sul mio S.O.) ad Ubuntu sicuramente le difficoltà di passare ad altra distro non saranno le stesse!
Sconosco l'inglese e mi rifiuto di impararlo
Da solo avrò un'idea, in due potremmo averne tre, in tanti troveremo la soluzione migliore
Buona vita a tutti Heart
Cita messaggio
#6
Tongue 
(15-10-2011, 22:10 )francofait Ha scritto:
(15-10-2011, 17:39 )monsee Ha scritto:
OpenSource non significa tutto gratis , ma completo dei sorgenti con il quale è stato realizzato.
Stalman la distribuzione di cui si cura , non la regala e non te la fa scaricare liberamente , alla faccia di tutte le sue contorte filosofie. E FreeSoftFundation senza i finanziamenti a fondo perduto dei grandi gruppi industriali , neppure esistebbe .

Huh Esattamente,Stalman di quale progetti si cura piu'? Qual'e il sito (se' cè) dove si puo' informarsi degli sviluppi curati da Stalman? Huh
Thank!Idea
Cita messaggio
#7
nicolo74 Ha scritto:... non dovrebbe essere difficile apprendere altre distribuzioni gratuite di Linux; mi sbaglio monsee?
No, non sbagli affatto... beh, a parte poche eccezioni (ci saranno -al più- tre "distro" che son decisamente più "ardue" da imparare delle altre)... Per la quasi totalità delle "distro" GNU/Linux, imparare a usare il Sistema è molto facile e veloce (e poi, una volta capito come stan per davvero le cose, si inizia a "veder anche la foresta" e non più soltanto gli alberi... e, dal quel momento in poi, il cammino diventa per davvero facilissimo).
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#8
Tongue 
Wink Anchio sono "approdato" ad "ubuntu" passando da windows,piu'
precisamente con le guide del "Majorana",ed attraverso le spiegazioni
di "monsee" ho cominciato a scorgere la "mirabile" vastista' del panorama
GNU/Linux ,certamente come ogni campo ci deve essere anche il lato profittto x sostenere la ricerca-sviluppo,ma la varieta' delle applicazioni chè ti offre il mondo
GNU/Linux Sleepy potendolo scaricare è "Enorme" . (very,very,good!)
Idea Bye.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)