Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Lightworks e gli sviluppatori che non capiscono nulla di opensource
#1
Ho scritto una settimana fa questo articolo, che spiega perchè, secondo me, gli sviluppatori di lightworks non abbiano capito assolutamente nulla del mondo open.
Vorrei la vostra opinioneIdea
http://italiaunix.com/index.html/_/itali...ource-r931
Cita messaggio
#2
(21-11-2012, 09:35 )Kronos Ha scritto: Ho scritto una settimana fa questo articolo, che spiega perchè, secondo me, gli sviluppatori di lightworks non abbiano capito assolutamente nulla del mondo open.
Vorrei la vostra opinioneIdea
http://italiaunix.com/index.html/_/itali...ource-r931

Io non sono del tuo parere.

Sperando che la storia dell'open non sia stata solo una trovata pubblicitaria, io penso che non ci sia nulla di male in questo.

Innanzi tutto è una software house che sta passando dal closed ad open, e sicuramente non è facile come approccio.
In secondo luogo dubito che il 100% del software sarà open. Magari lo sarà al 90%, ma poi c'è quel 10% di proprietà intellettuale che sicuramente vorranno mantenere chiusa (e non vedo che male ci sarebbe, ci sono delle proprietà intellettuali che possono realmente avvantaggiare la concorrenza).

Ricordiamo che lo stesso approccio è usato da google con Android, che lo rende open solo dopo che ha finito di lavorarci e in più mantiene qualche riga di codice chiusa.

Virtualbox è un altro sempio. E' opensource al 99%, ma poi c'è il pacchetto "extpack" di Oracle che aggiunge funzionalità che è gratuito ma si deve installare a parte.... e così via...

Secondo me quindi il lavoro che stanno facendo quelli di Lightworks è quello di analizzare il codice e mettere da una parte quello che possono rendere open, e quello che hanno intenzione di tenere closed.

Senza contare che dovranno riscrivere un po di codice per renderlo compatibile con linux.

Altra cosa, magari prima di renderlo open vogliono solo fare in modo che come punto di partenza questo software sia uguale, come funzionalità, a quello che c'è su windows, in modo da avere due versioni identiche.
Dopodichè sarà da qui che la community partirà per i miglioramenti, cosi questi verranno integrati poi anche nella versione windows con le stesse tempistiche.
Penso quindi che sia una questione di allineamenti di versioni e pulizia del lavoro.


Aspettiamo fiduciosi! Smile
Cita messaggio
#3
Ciao,
secondo me stanno agendo per il meglio. Non vedo il motivo di rilasciare i codici sorgenti di un programma ancora in fase embrionale e rischiare di incasinarsi ricevendo migliaia di proposte o critiche. Trovo giusto che agiscano come meglio credano in quanto il progetto è autofinanziato.

Enzo
Occhio per occhio ed il mondo diventa cieco (Gandhi)
Quando hai fatto ciò che basta non toccar se no si guasta.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)