Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Linux Lite per chi comincia da zero, basata su ubuntu
#1
Basata sulla Ubuntu 12.04 LTS con Xfce di default sembra pensata per restare leggera e ha già varie apps di maggior uso preinstallate tra le quali: GParted, LibreOffice Writer, LibreOffice Calc, XFBurn CD/DVD Burner, VLC Media Player, Firefox Web Browser con Flash, OpenJDK Java v6, Mumble Voice Chat, Thunderbird Email, XChat IRC Client, Gimp Image Editor, Leafpad Text Editor, Xarchiver.....una distro proprio volta a semplificare al massimo il lavoro di un neo utente linux che decide di provarci....coloro che la stanno sviluppando di certo hanno pensato ad un sistema leggero (dal nome stesso anche lite, poi la scelta di Xfce) e quindi anche per pc vecchi infatti i requisiti minimi dichiarati sono:
cpu 700 MHz+
Ram 512 MiB+
Hdd 5GB+
VGA 1024x768
Lettore CD/DVD e/o USB.

http://sourceforge.net/projects/linuxlite/

Un po' di screenshot: http://www.linuxdistrocommunity.com/scre.../index.php
Cita messaggio
#2
Bella notizia, davvero. speriam che le persone se ne accorgano (specie chi sta arrivando a GNU/Linux adesso). Una maggior semplicità d'apprendimento d'uso, comunque sia, è un grande merito.
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#3
E' sempre il solito discorso: una distro in più è un bene o un male? Generalmente lo trovo un bene, ma dall'altra parte c'è sempre lo "spreco" di risorse che avrebbero potuto collaborare ad un progetto già esistente.

Onestamente non vedo in Linux Lite grandi differenze dal Xubuntu, o perlomeno le differenze sembrano limitate a due righe di apt-get. Anche dagli screenshot sembra Xubuntu con lo sfondo cambiato.
Per di più non hanno un sito degno di tal nome, la wiki non esiste e se ad un principiante capita qualche problema dovrà appoggiarsi ai forum di Ubuntu o xubuntu o a forum di supporto esterno tipo il nostro.
Io la sconsiglierei ad un principiante. Se cerca una distro leggera della famiglia *buntu lo indirizzerei su xubuntu, lubuntu o bodhi.
a dieci anni il mondo è fantasia, a vent'anni possibilità, a trenta speranza. A quaranta è riflessione, a cinquanta... vi saprò dire.
Cita messaggio
#4
chi rilascia in rete derivate personalizzate non costituisce difatto nessuno spreco di risorse , anzi rende disponibile un' istallazione ubuntu già pronta e personalizzata per chi ha i suoi stessi possibili problemi .
Per ricreare l' iso del SO dopo averlo personalizzato a puntino per le proprie esigenza hardware e di lavoro , non c' è alcun bisogno di sprecare risorse , bastano pochi clic di mouse con remastersys e no più di un' ora di attesa perchè faccia tutto da se il SO.
Cita messaggio
#5
Su questo sono d'accordo francofait, tuttavia questo vale se la distro ha ragione di essere. Per quel che ho potuto vedere Linux Lite è al 99,5% una Xubuntu pura e semplice.
I vantaggi quindi sono pochi, ma chi decidesse di installarla per sfruttare eventualmente quel poco di differenze, deve almeno essere consapevole che non potrà contare su una rete di supporto specifica e dovrà appoggiarsi ai forum di altre distro simili.
a dieci anni il mondo è fantasia, a vent'anni possibilità, a trenta speranza. A quaranta è riflessione, a cinquanta... vi saprò dire.
Cita messaggio
#6
è un non problema , le derivate si avvalgono praticamente tutte , del supporto diretto delle repositri di ubuntu , non utilizzano repository propri , al limite sono già parte intengrata in PPA che sono comunque repositry della communiti .
Di norma poi finiscono per essere molto più stabili e sicure delle iso originali , iniziando dallo stesso dvd installazione dell' istituto majorana , nonostante sia stato creato pressochè in concomitanza con il primo rilascio ufficiale di ubunto . Di repositri PPA ne fà largo impiego .
Linux Lite può contare su una base che al momento attuale rispetto a 8 mesi fa è stata rivista aggiornata più volte e liberata da una parte consistente dei suoi problemi residui iniziali.
Cita messaggio
#7
Singolarity, grazie per la segnalazioneExclamation

È xubuntu a tutti gli effetti solo con qualcosa in più già installato , che per il principiante non conoscendo le applicazioni aggiuntive necessarie è comodo e utile trovarsele già pronte, per il supporto informativo sono gli stessi canali di xubuntu.Come avviene per
Voyager,che uso, questa versione c'è anche a 64bit.
Bilodiego
Cita messaggio
#8
La distro che ho scaricato è in inglese. E' possibile modificare la lingua di sistema in Italiano ?
Se si in che modo ?

Grazie in anticipo per l'aiuto.
 
Cita messaggio
#9
tramite il supporto lingue , che in tutte le derivate xubuntu-xfce è posto nel gestore delle impostazioni.

La procedura installazione è comunque quella originale di Ubuntu e derivate , tutte nessuna  al momento esclusa   ed inizia sempre e comunque con la selezione della lingua .

 

 
Cita messaggio
#10
Ho fatto l'installazione seguendo la procedura ed indicando l'italiano come lingua ma alla fine di tutto risulta essere ininglese.
Ho cercato di cambiare il tutto attraverso il menù di supporto linguaggio ma anche una volta installato il pack italiano non mi permette di attivarlo perchè non lo rende selezionabile.
Ho cercato su internet delle soluzioni ma continuo ad avere il medesimo problema.
Cosa potete consigliarmi ?


 
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)