Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Migliorare l'accessibilità ai social-networks
#1
Tra i contenuti e le funzionalità: audioblog e audiodescrizioni di immagini ed eventi.

Nella rete sembra essere più semplice abbattere quelle barriere strutturali che spesso rendono la vita più difficile a chi è ipovedente o non vedente e così finalmente il web è diventato accessibile a tutti. Basta rivoluzionare l’oggetto da condividere, non più immagini, ma audio: questa l’idea di base di FreeRumble, il primo social network che attraverso la condivisione di questi file audio rende possibile l’interazione anche a coloro che hanno problemi di vista più o meno gravi.

Presentato nei giorni scorsi il progetto è nato durante l’eruzione del vulcano islandese avvenuta lo scorso anno, un po’ per caso, da un file Mp3 inviato, per mancanza di tempo, al posto di un comunicato stampa.

Con FreeRumble viene rimossa una delle tante barriere che ostacolano la piena inclusione dei non vedenti nella società: è un luogo pienamente accessibile da cui attingere e nel quale versare i propri contributi di pensiero. È un luogo partecipativo e libero, aperto a tutti e nel quale sono annullate le limitazioni collegate alla disabilità.

I CONTENUTI - Alcuni contenuti specifici di questo social network sono: documentazioni sonore di eventi ed avvenimenti di interesse generale e audioblog aperti a tutti. Tra i servizi offerti anche la possibilità di inserire file audio che descrivono immagini di Facebook o che raccontano esperienze di vita. Ma non è tutto, il progetto è dedicato anche al mondo della scuola. Gli alunni interessati, infatti, potranno richiedere, ad esempio, riassunti di libri di testo non disponibili sul web. Infine, ci sarà anche la possibilità di inserire la descrizione di opere artistiche internazionali, consentendo ai non vedenti di avere a portata di click un museo virtuale con la descrizione di ogni quadro, chiesa, statua o altro monumento.

La sezione Rumblesecret raccoglie i messaggi privati degli utenti ed è accessibili tramite password, in Rumblepedia, invece, si trovano tutti i contenuti, ordinati per popolarità e lingua. Per consultare gli audioblog degli utenti, invece, bisogna consultare la sezione Channels.

COME FUNZIONA – Sostanzialmente, come un normale social network: ci si iscrive e si crea un account e, invece di iniziare a scrivere, si inizia a registrare. La grafica è piuttosto semplice, senza tanti fronzoli, come d’altronde giusto per un social network pensato con tali funzionalità d’inclusione. L’unica pecca potrebbero essere problematiche nell’ascolto dell’audio a seconda del browser utilizzato: potrebbe essere richiesta l’installazione di Quicktime.


INFO:
www.freerumble.com



Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)