Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Non esistono computer vecchi
#1
A Treviso, due consiglieri di opposte idee politiche uniti per la diffusione del software open source

 

 
Windows XP Professional 32 bit - Pentium IV 2,66 GHz - 1 GB RAM;
Xubuntu 12.04 32 bit - Pentium IV 2,40 GHz - 512 MB RAM
Cita messaggio
#2
Ottima inziativa, speriamo che anche altri prendano esempio, sopratutto quando si tratta di spendere soldi pubblici, cioe i nostri soldi.
Giuseppe
Cita messaggio
#3
Lodevole iniziativa....però sembrano la "strana coppia"....anche se ex....uno è del pdl e l'altro di sel....un po' come peppone e don camillo insomma ahahah [img]images/smilies/sad.gif[/img] ....a parte questo il titolo al progetto che hanno scelto "non esistono computer vecchi" potrebbe anche fuorviare....più che a una iniziativa per il passaggio a software open free sembra più legato ad una iniziativa per inquinare meno (di sicuro è il secondo motivo)....e visto che uno dei due individui è pure di legambiente è sicuro che il nome è stato scelto da lui eheheh......in realtà anche per linux esistono ormai dei limiti hardware....e personalmente non farei più fede ad un hardware più vecchio di 10 anni....infatti io ho smesso di rivalutare qualsiasi cosa single core al di sotto dei 2Ghz reali...con meno di 1Gb di ram e con meno di 500Gb di hdd e che abbia almeno una sk video con gpu reale compatibile con le DX9 (in pratica dai 128Mb di vram in su)....e quindi parliamo di un pc grosso modo del 2004/2005...appunto di circa 10 anni fa....questo indipendentemente che sia portatile o fisso....anzi con in portatili visto il loro uso in movimento a volte anche "solo" vecchi di 5 anni sono ridotti peggio di una vecchia Punto usata!!!! [img]images/smilies/sad.gif[/img]
Per altro qui parliamo di un riuso in ambito PA o altri enti pubblici...quindi non potranno essere pc datati poco stabili...ma andranno riverificate tutte le componentistiche....forse se il riuso viene pensato per dei lab educativi dove non esistono fondi (es. scuole primarie o medie) allora diciamo che la sicurezza della stabilità al 100% viene un po' meno...in pratica basta che funzionino e che siano effettivamente gestibili in senso di uso, quindi con hardware non certo troppo limitato ma appunto come dicevo prima non oltre i 10 anni.
Cita messaggio
#4
Iniziative del genere sono lodevoli, qualunque colore abbiano.

per Singolarity:
I computer vecchi esistono ma, come le persone, non è detto che per questo vadano buttati via. Può darsi che abbiano (entrambi) ancora molto da dare...
Se proprio ve ne dovete disfare, mandateli a me che so cosa farne (vedi foto)

     

 

 

 

 

 
Cita messaggio
#5
mau_africano ....ma per cosa vuoi i pc vecchi??? per inquinare ancora di più l'africa e altri paesi del terzo mondo da rifiuti tecnologici??? già gliene mandiano troppi di e-waste
http://www.foxnews.com/tech/2014/03/06/w...nightmare/
.....gli fate assistenza in loco oppure spedite solo là e chi si è visto si è visto??.....conosco chi si adopera per fargli una assistenza in loco e istruisce nell'autoriparazione alcuni del posto....che poi vari sono pure laureati ne che perché siano africani debbano per forza essere poco istruiti...in molti casi lo sono più di noi.....e ti posso dire che alcuni laureati proprio nord africani ad alcune associazioni che portano pc vecchi là...gli hanno detto di tenerseli....che se vogliono davvero fare una opera buona...i pc servono recenti per competere in un buon sviluppo industriale...altrimenti resteranno sempre indietro con tecnologia vecchia.
Sono molto più favorevole per quei paesi in via di sviluppo a proposte come olpc: http://it.wikipedia.org/wiki/One_Laptop_per_Child
Cita messaggio
#6
son d'accordo con giuseppe. Speriamo che anche altri accolgano l'iniziativa e sopratutto non sperperino i nostri soldi, quelli pubblici, che ribadisco, son quelli che paghiamo noi Italiani con le TASSE
Citazione: io sono quello che sono per merito di ciò che siamo tutti (Linux)
 
Cita messaggio
#7
(28-04-2014, 20:49 )'Singolarity' Ha scritto: mau_africano ....ma per cosa vuoi i pc vecchi??? per inquinare ancora di più l'africa e altri paesi del terzo mondo da rifiuti tecnologici??? già gliene mandiano troppi di e-waste
http://www.foxnews.com/tech/2014/03/06/w...nightmare/
.....gli fate assistenza in loco oppure spedite solo là e chi si è visto si è visto??.....conosco chi si adopera per fargli una assistenza in loco e istruisce nell'autoriparazione alcuni del posto....che poi vari sono pure laureati ne che perché siano africani debbano per forza essere poco istruiti...in molti casi lo sono più di noi.....e ti posso dire che alcuni laureati proprio nord africani ad alcune associazioni che portano pc vecchi là...gli hanno detto di tenerseli....che se vogliono davvero fare una opera buona...i pc servono recenti per competere in un buon sviluppo industriale...altrimenti resteranno sempre indietro con tecnologia vecchia.
Sono molto più favorevole per quei paesi in via di sviluppo a proposte come olpc: http://it.wikipedia.org/wiki/One_Laptop_per_Child

 

Mi rendo conto che siamo abituati a vedere molte porcate, combinate in giro per il mondo in nome di alti ideali, ma esistono anche persone e piccole associazioni che di queste cose non ne fanno.
Lavoro per il CESVIUM (Centro di Sviluppo Umano onlus) di Viareggio (LU) e coordino i progetti di sviluppo per il Burkina Faso.
Ho scelto questa piccola associazione perchè è molto concreta, non ha spese per uffici, fuoristrada, segretarie, ecc. e tutto quello che gli associati raccolgono (donazioni, offerte, finanziamenti ma anche materiali come PC usati, vecchie macchine per cucire, biciclette...TRATTORI e affini...) viene speso o usato in modo diretto, senza intermediari. Siamo tutti volontari. E siamo tutti riconoscenti nei confronti di chi, spontaneamente, offre un consiglio o un aiuto di qualunque genere. 

I vecchi PC che riutilizziamo li portiamo in loco, li installiamo (compresi i pannelli solari per l'alimentazione), facciamo assistenza e formazione, e quando un PC non è più riparabile CE LO RIPORTIAMO A CASA.

Per quanto riguarda le iniziative che mi hai segnalato, sono tutte lodevoli, ma non tutte sono adatte per la realtà in cui opero. Di laptop supereconomici ne ho visti alcuni a Ouagadougou (la capitale) ma nessuno funzionante. Non sono progettati per resistere a condizioni estreme (afflusso incessante di polvere, temperature di oltre 50°, urti continui e maltrattamenti vari...).
Se poi parliamo di laureati e competere in sviluppo industriale... sono entrambe cose che nella Regione del Nord non esistono. Magari potessi trovare qualcuno da istruire per la manutenzione delle macchine ! Per ora sono riusciti ad imparare come sostituire una spina, e per persone analfabete è già qualcosa !

Scusate lo sfogo, ma quando gli sforzi sono tanti, le difficoltà da superare incessanti, e alla fine si riescono ad ottenere piccoli importanti risultati... non fa piacere essere accomunati ad altre, spiacevoli e dannose realtà.
Buona giornata a tutti
maurizio

 
Cita messaggio
#8
Infatti ti ho posto domande non accuse....lieto di sapere ora il nome dell'associazione e soprattutto che i "rottami" vengano riportati a casa quando diventano inutilizzabile al 100%...era proprio quello che volevo sentire. Vi terrò a mente...anche se io sono Romagna.

Citazione:Non sono progettati per resistere a condizioni estreme (afflusso incessante di polvere, temperature di oltre 50°, urti continui e maltrattamenti vari...).

questo è un vero problema per quelle zone....poco si addicono sistemi che hanno dissipazioni passive o molto basse per quelle temperature estreme ambientali come appunto i portatili o anche alcuni piccoli box....ma con i pc vecchi come fate??? aggiungete ventole??....filtri contro la polvere tendono a riscaldare internamente...davvero sono curioso che sistema avete adottato??
Cita messaggio
#9
Citazione:davvero sono curioso che sistema avete adottato??
I filtri invece che alle macchine li mettiamo a porte e finestre, per la dissipazione ho provato con spessori per far circolare aria anche sotto l PC, piano di appoggio a griglia e un ventilatore a fianco (alta tecnologia, come vedi !!!) [img]images/smilies/exclamation.gif[/img]

Ma ti assicuro che quando si passano i 50° e l'aria viene dal deserto non c'è proprio nulla da fare, se non usare i pc a turnazione. Ora sono in contatto con Informatici senza Frontiere, vediamo se fra tutti possiamo inventare qualcosa.
Nel frattempo, se mi finanziano, vorrei prendere un paio di questi
[Immagine: http://media.gadgetblog.it/S/SH9/SH93.jpg]

 http://media.gadgetblog.it/S/SH9/SH93.jpg

o qualcosa di simile, visto che DOUDOULINUX si può eseguire su HD esterno (almeno quando vado all'asilo dai bimbi più piccoli sono più tranquillo).

Altro che laptop, mi ci vorrebbero una dozzina di questi
[Immagine: http://notebookitalia.it/images/stories/...0_v100.jpg]
sempre che sia esatto quello che dichiarano come temperatura d'uso (-20° +60°). Mi sa che di questi, usati, ce ne siano pochi in giro...
Ho avuto problemi ultimamente con un vecchio COMPAQ, non riuscivo a connetterlo (via cavo, naturalmente) ma tutto sembrava in ordine (HW, settaggi, driver...) e alla fine era un nido di insetti negli alloggiamenti del pc !! Me lo trovi un manuale che preveda cose del genere ?

un saluto a tutti (x SINGOLARITY romagnolo di pianura o di monte ?)
mau

 
Cita messaggio
#10
eh, mi sa che i notebook rugged di seconda mano non li trovi,li usano nei cantieri, sulle piattaforme petrolifere, i militari... tutta gente che di problemi economici non ne ha ma mai che regalassero qualcosa; per me quando li dismettono se li fregano e chi se'è visto s'è visto
Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)