Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Partizione windows 7
#1
Wink 
Mi preme innanzi tutto congratularmi con il Prof. Cantaro per l'enorme e prezioso lavoro che continua a proporci sul suo sito.
Il mio problema è questo: ho acquistato un computer ACER nuovo con installato W7. Non ho ancora installato nulla di importante, ho già eseguito disco di ripristino e immagine di sistema.Tramite disco "live" già masterizzato e pefettamente funzionante vorrei partizionare il disco per installare "Ubuntu Plus 7" . Ma il disco risulta già con quattro partizioni NTFS (massimo consentito) come da prospetto:
Disco base 465,76 GB --
1° - Semplice di base 15,00 GB - integro (Partizione di ripristino)
2° - System reserved 100 MB NTFS - integro, (Sistema,attivo, partizione primaria) disponibilità 100%
3° - Acer (CSmile 76,03 GB NTFS integro (Avvio, file di paging, partizione primaria) disponibilità 62%
4° - DATA (DSmile 374,63 GB - NTFS integro (Partizione primaria) dispponibilità 100%
Poichè le prime due partizioni sono intoccabili, la terza comprende il S.O. come è possibile ricavare dalla quarta lo spazio per installare UBUNTU? Se clicco sulla 4° parte col destro mi si avverte che esistono già 4 parti, limite massimo possibile e non vorrei tentare strade ignote con rischio di farmi del male!
Sono fiducioso nei suoi suggerimenti; suppongo che potrà essere interessante anche per altri lettori.
Ne approfitto per chiedere ancora: quando avrò sistemato questo mio problema, gli eventuali software che volessi installare (ma non i lavori conseguenti), sono da salvare sul (CSmile per windows e su partizione di "UBUNTU" per ubuntu, oppure su "DATI" in entrambi i casi?
Ancora un forte ringraziamento a tutti
Cita messaggio
#2
Dovresti, innanzitutto, "trasformare" la tua Partizione D (quella denominata "Data") da "Primaria" a "Logica" (quel che accadrà, in pratica, è che tale Partizione verrà circondata da una Partizione Estesa e totalmente inclusa dentro essa). Da quel momento, il BIOS rileverà (per il conteggio delle Partizioni) le 3 Partizioni Primarie che hai lasciato intoccate e la Partizione Estesa: 4 Partizioni in tutto, dunque. A quel punto, potrai ridurre la Partizione Logica D e creare nello spazio ricavato sia la Partizione di SWAP che ti serve avere per usare UBUNTU sia le Partizioni (o ROOT e HOME... o solamente la ROOT, se così preferisci) in cui installare UBUNTU.

AGGIUNTA: rammenta, PRIMA di effettuare il ridimensionamento della tua Partizione Logica D, di far le due seguenti cose (nell'ordine):
1) effettua uno scandisk approfondito della tua Partizione D;
2) effettua una bella deframmentazione della tua Partizione D.
Solo dopo aver fatto queste due cose, procedi a ridimensionar la Partizione.
Cita messaggio
#3

Ciao.
Intanto devi procedere come ti ha detto Monsee, ovvero trasformare la partizione primaria in logica; diventerà contemporaneamente logica ed estesa. Così all'interno della partizione estesa potrai avere diverse partizioni logiche; Ubuntu può essere installato (e funziona perfettamente) in una partizione logica. Io lo faccio lavorare su una partizione logica (ho un Acer Aspire 9412).
Quindi salva tutti i tuoi dati presenti su D, fai lo Scandisk e il Defrag, così non rischi di avere (non ce ne dovrebbero essere) cluster rovinati e tutti i tuoi dati all'inizio della partizione estesa D.
Adesso riduci la partizione logica D di circa 40GB lasciandola col file system NTFS (Ubuntu la legge e ci lavora tranquillamente), ti servirà come parte comune per salvare i dati. I software è meglio installarli nelle partizioni del sistema operativo a cui si riferiscono.
La parte estesa che rimane (la parte finale che dovrebbe essere in grigio) la puoi dividere: circa 35GB formattata in ext4 con punto di mount "/" e la restante (almeno pari alla quantità di RAM) in linux-swap.
Quando installi Ubuntu (ti consiglio di utilizzare le Remix di Antonio), scegli manualmente dove installare il sistema operativo indicandogli la partizione logica formattata in ext4.
In calce un link sulle partizioni. Se vuoi quando hai le partizioni pronte, fai una "foto" e allegala.

Il tutto salvo le opportune correzioni che vorranno scriverti Monsee o Antonio.

Ciao


http://www.istitutomajorana.it/index.php...&Itemid=33
 Trasferito sul Nuovo Forum [img]images/smilies/blush.gif[/img]
Cita messaggio
#4
Non c'è alcunché da "correggere", Giuscassr... Ottima esposizione. Smile
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#5
(17-08-2011, 17:42 )monsee Ha scritto: Non c'è alcunché da "correggere", Giuscassr... Ottima esposizione. Smile



Molte grazie!
 Trasferito sul Nuovo Forum [img]images/smilies/blush.gif[/img]
Cita messaggio
#6
Vi ringrazio per la premura e la precisione della risposta. Ho cercato di seguire i suggerimenti arrivando ad una partizione come da allegato, di cui mi darete il vostro parere. L'unico problema è che nella finestra di GParted, appare la colonna - MONTA - all'inizio della schermata di GParted, poi quando legge il disco, la colonna sparisce,nè nelle finestre che si aprono cliccando col destro sulle partizione non c'è la casella: - PUNTO DI MONTA-.
Potrei supporre che sia un difetto del disco ma al controllo effettuato scaricando il disco immagine, tutto era regolare, sia la dimensione che il numero di controllo. Che cosa ho combinato? C'è qualche soluzione?
Vi ringrazio ancora


Allegati Anteprime
   
Cita messaggio
#7
Naturalmente, la soluzione c'è (nel senso che è bene capire cos'è il "Punto di monta"... e che NON lo si può impostare tramite GParted... né con qualsivoglia altro programma consimile, bensì si può impostarlo DURANTE LA FASE DI INSTALLAZIONE del SO Linux che si sta installando).
Vedi, il fatto è che il Sistema Operativo (mi riferisco al Linux che si va a installare) DEVE sapere in quale Partizione vengon posizionate le sue varie componenti... intendo, per esempio, la ROOT, la HOME, etc...
Chiariamo subito che, affinché il Sistema Operativo risulti funzionante, è INDISPENSABILE che, durante l'impostazione dei parametri di installazione, venga specificata qual'è la Partizione di ROOT (quella che vien denominata, in gergo tecnico, col simbolo slash [ovvero: / ]) e la Partizione di SWAP (che, se già esiste, vien riconosciuta automaticamente dall'Installer del Sistema, per cui non serve specificarla). Se non vengon specificate altre Partizioni (né HOME né altro), allora, tutte le Partizioni suddette verranno automaticamente installate dentro alla Partizione di ROOT.
Naturalmente, si può anche specificare (sempre, quando si impostano i parametri di installazione!) dove posizionare -eventualmente- la partizione HOME e/o la Partizione VAR, etc...
Di norma (ammesso che la Partizione di SWAP esista già e, dunque, non la si debba creare appositamente), chi utilizza Linux crea DUE Partizioni: la Partizione di ROOT (che è quella "di Sistema") e la Partizione HOME (che è quella dove si conservan le cartelle dell'Utente (Documenti, etc...) nonché tutte le sue Personalizzazioni.
Questo, perché, quando poi si andrà a far l'Upgrade (da una versione a quella successiva) del proprio Sistema Operativo Linux, sarà possibile non perdere i propri dati semplicemente NON-formattando la Partizione HOME (se la cartella HOME fosse interna alla partizione di ROOT, naturalmente, formattando la ROOT si perderebbero tutti i propri dati). Col sistema ROOT+HOME, si ha una Partizione HOME separata da quella di ROOT e (dentro la partizione di ROOT) c'è un COLLEGAMENTO (che sembra una cartella, ma è soltanto un link diretto alla Partizione HOME) che consente di accedere alla HOME, senza ritardi, ogniqualvolta lo si voglia.
Il prof. Cantaro, in linea generale, raccomanda di creare (oltre alla Partizione di SWAP, naturalmente [posto che essa non esista già]) solo la Partizione di ROOT.
Questo, perché suppone che l'installazione di UBUNTU avvenga su di un PC nel quale si trova installato già Windows. Sicché, dato che Linux riconosce i file-system di Windows e vi sa accedere senza particolari problemi, si può anche "salvare" i propri dati e le proprie personalizzazioni "ricopiando" (prima di effettuare l'Upgrade del sistema operativo) la propria cartella HOME nella Partizione Dati di Windows e poi "ripristinando" tale cartella (ossia, sovrascrivendo quella che sarà stata creata con l'Upgrade) DOPO l'avvenuto Upgrade del Sistema Operativo.
Questo, se ci si pensa, serve egregiamente a risparmiare spazio.
Ma vale soltanto laddove si abbia, sul medesimo PC, sia Windows che UBUNTU.
Non vale laddove sul PC si abbia il solo UBUNTU: in questo caso, creare anche una Partizione HOME è cosa -in generale- altamente auspicabile.

Riassumendo, dunque: il "punto di monta" di una data Partizione vien impostato durante l'installazione del Sistema Operativo che quella Partizione andrà ad usare. NON è, dunque, una caratteristica "intrinseca" della Partizione (com'è ad esempio, il porre una Partizione come "Attiva" [ovvero: di "boot"]), bensì una caratteristica che vale soltanto per quel Sistema Operativo che UTILIZZA quella specifica Partizione.
Ecco perché, usando GParted (o programmi consimili) NON si può impostare il "punto di monta": perché il programma utilizzato (GParted o quel che è) non è in grado di impostare le basi dell'avvio del Sistema Operativo.

In sostanza, dunque, è NEL CORSO delle IMPOSTAZIONI che l'Utente fornisce per l'installazione dell'intero Sistema che vengono indicati anche i "punti di mount" (non prima, non dopo, non in altro caso). devi indicare il "punto di mount". perciò, nella prima parte del processi di installazione di UBUNTU. precisamente, quando si tratterà di indicare come vuoi venga usato l'Hard Disk (ossia, se vuoi che venda interamente formattato [perdendo TUTTI i dati!... cosa che NON ti consiglio], o preferisci venga usata una o più delle Partizioni già esistenti... o, ancora, se preferisci (così scelgo sempre di fare io) effettuare una "partizionamento personalizzato"...

Per inciso: il "punto di monta" della Partizione di ROOT è sempre indicato dal simbolo:
/
Invece, il "punto di monta" della Partizione HOME è sempre indicato da:
/home
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#8
Rimango ancora stupito per la rapidità delle risposte e per la loro precisione. Forse sono io che sono un po' handiappato ma, una volta fatte le partizioni come da precedente allegato, tentando di installare UBUNTU mi appare(dopo la scelta della lingua) la finestra "!Allocazione spazio su disco" con le diverse colonne (questa volta c'è anche -MONTA-) ma completamente vuote. Se clicco INSTALLA mi esce fuori l'avviso "non è stato definito alcun file system di Root. - Correggere questo problema dal menù di partizionamento".
A questo punto mi sento tagliato fuori, ma sono un testardo e voglio arrivare alla conclusione con il vostro prezioso aiuto
Cita messaggio
#9
NON devi assolutamente sentirti "tagliato fuori", specie adesso che sei solo a un capello dalla tua vittoria...
Il messaggio che t'è apparso ("non è stato definito alcun file system di Root"), significa che NON hai impostato alcun file-system (invece, è indispensabile scegliere che file-system si desidera usare) per la tua Partizione di ROOT.
Quindi, per superar lo scoglio, dovrebbe bastar che tu scelga quale file-system vuoi venga impiegato per la formattazione.
E la scelta è assai semplice: devi selezionare il file-system denominato ext4. Si tratta di un file-system tipico delle moderne "distro" Linux e, dunque, tipico di UBUNTU.
Una volta che avrai impostato il file-system (scegli l'ext4, come ho scritto sopra), la procedura di installazione dovrebbe continuare (a meno che tu non abbia altre Partizioni per le quali non hai selezionato alcun file-system [se così fosse, sappi che per la Partizione Home -ammesso tu l'abbia- va bene scegliere l'ext4... Soltanto per la Partizione di SWAP bisogna scegliere il file-system "linux-swap"... o "swap", adesso onestamente non rammento... ma sono certo che la parola swap c'è di sicuro]).
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#10
Mi sa che 'si perde' nell'assegnare il punto di muount (/)
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)