Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


//Removed by EUCookieLaw Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Passaggio Ubuntu --> distro più Open
#1
Un saluto a tutti ragazzi , dopo solo 2 giorni di ubuntu , mi trovo davanti a un ardua scelta :

ubuntu o debian ?
se non sbaglio entrambi utilizzano APT e dunque sarei comodo con tutti e due , ma quale dei due ha una filosofia più Open ?

Magari può sembrare una stupidata , ma se devo usare un software libero , voglio usare quello " vero "
Non è la prima volta che leggo che Ubuntu non segue proprio bene la filosofia del software libero Angry

Quali sono i vostri pareri , pensate che sia pazzo a farmi certi problemi ? :huh2:
Cita messaggio
#2
Io ho il dual boot tra Mint (ubuntu vestito di verde) ed una debian testing ... diciamo che ubuntu è gia bello e pronto mentre sulla debian devi configurare qualcosina a mano ... preferisco il primo che tutto sommato mi pare abbastanza open Sad
Cita messaggio
#3
Ho tutte e due installate sul pc insieme ad altre distro. Ubuntu ti permette di installare anche software proprietario o con restrizioni (se installarlo o meno è una tua scelta) previo avviso.
Debian invece tenta di "bloccare" tali installazioni (prova a scaricare ed installare p. es. firefox).
E questo mi irrita. Capisco la filosofia, che non venga fornito nei repository software non open, ma sul mio pc sarò ben padrone di installarci quello che voglio se si tratta di software legalmente ottenuto.
Linux User # 207701 - Ubuntu User # 27508 - Chiave pubblica GPG
Cita messaggio
#4
Open sono open tutti e due per definizione, come lo sono quasi tutte le distro però è vero che che la differenza 'filosofica' c'è eccome.
Debian lavora veramente in un'ottica 'universale' ovvero per incontrare tutte le architetture e convivere con tutti i sistemi.

Ubuntu lavora per ubuntu, e quindi succede di vederla andare a battere strade esclusive da cui bene o male gli altri sono esclusi almeno per un periodo.
Basta pensare all'adozione precoce di grub2 o all'ancora poco chiara posizione presa nell'avvento dell'uefi: in entrambi i casi ha privilegiato la convivenza con windows a scapito di quella con gli altri linux.
Senza parlare dell'apparizione dei repo ppa che di fatto ne specializzano il software disponibile fino a differenziarlo da quello di debian.

Insomma, se la domanda è sulla 'filosofia', il problema secondo me non si pone proprio.
Poi, che ubuntu riesca a essere un sistema autosufficiente, funzionale e congruente è innegabile ma che riesca a starmi simpatica con questi chiari di luna, no.
[Immagine: http://pclinuxos.com/forum/avatars/Pengu...guitux.png] Parole !
Mai che se ne trovino due uguali !
Cita messaggio
#5
E Zafran ma tu hai esperienza e competenze per gestire al meglio una Debian ... io non ne avrei neanche il tempo di imparare ... ce l'ho in multiboot ma l'avvio davveri di rado
Cita messaggio
#6
Non conoscevo affatto questa limitazione di Debian ...

Io ero alla ricerca di una distro davvero open .. ho sentito parlare bene di red hat (e mi piace anche come ambiente grafico)

Volevo trovare un compromesso tra Open , facilità d'uso , richieste hardware (avendo un netbook sono costretto) e magari avere anche un ambiente grafico simile a unity


Ora cambio anche il nome del topic per non creare confusione
Cita messaggio
#7
@m3nhir
Firefox e thunderbird con debian esistono e bene da sempre.
Il fatto che da qualche anno si chiamino iceweasel e icedove, per quanto sia la cosa ridicola che tutti vediamo e patiamo, in realtà sono il segno concreto di quanto dicevo prima: in debian tutto deve essere accessibile e modificabile.
Punto.

@giorgiofolle
Debian non ha limitazioni.
Solo non mette il software proprietraio nei repo di base, lo mette nei repo non-free che basta abilitare nel sources-list per averlo disponibile.

@tumbler
SI stava parlando di 'filosofia', non di friendlità.
E comunque universale vuol dire cercare tutti, anche i meno capaci, compatibilmente con la possibilità di non perdere troppi pezzi per strada.
[Immagine: http://pclinuxos.com/forum/avatars/Pengu...guitux.png] Parole !
Mai che se ne trovino due uguali !
Cita messaggio
#8
(30-06-2013, 22:50 )giorgiofolle Ha scritto: Non conoscevo affatto questa limitazione di Debian ...

Io ero alla ricerca di una distro davvero open .. ho sentito parlare bene di red hat (e mi piace anche come ambiente grafico)

Volevo trovare un compromesso tra Open , facilità d'uso , richieste hardware (avendo un netbook sono costretto) e magari avere anche un ambiente grafico simile a unity


Ora cambio anche il nome del topic per non creare confusione

cosa intendi con la tua frase?
Cita messaggio
#9
Una distro che rispetti la vera e proprio filosofia sulla quale è stato basato il progetto GNU ..
A parer mio , Ubuntu , non rispetta in toto questi canoni , perchè prima è stata fondata la società e poi dietro è nata una community ... per me una delle distro che si avvicina di più al concetto di open è slackware ,dove la distro è nata direttamente dalla comunità che ci lavorava dietro
Ma posso dire anche fesserie sono nuovo in questo ambiente
Cita messaggio
#10
secondo me si, stai dicendo cose insensate. comunque niente ti vieta di fare nuove esperienze. io ad esempio uso pclinuxos dove dietro non c'è nessuna società commerciale ma solo una "comunità" piccola in italia ma abbastanza vasta in europa e negli states che senza nessun scopo di lucro cerca di mantenere una distribuzione free. se vuoi far parte sarai il benvenuto.
Cita messaggio


Vai al forum: