Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
[RISOLTO] Boot di Linux su USB pen: come fare ?
#1
Ciao a tutti

Possiedo un Netbook Acer sul quale è installato Windows 7: la mia intenzione è quella di affiancare Ubuntu (installato su una partizione a lui dedicata dell'hard-disk) utilizzabile SOLO se - prima del boot- si è inserita una penna USB che ne permetta l'avvio;
se tale chiavetta non viene inserita prima dell'accensione, il pc parte con Windows senza che nessuno si accorga dell'esistenza dell'altro sistema operativo.

Quest'operazione mi era perfettamente riuscita (con lo stesso identico hardware) con l'installazione di Mint 11 mesi orsono: purtroppo, non ricordo i passaggi effettuati e stavolta, per quanta buona volontà ci stia mettendo, non riesco a cavare un ragno dal buco .

Ecco come procedo.

Carico la live di Ubuntu (la vostra ottima versione plus), lancio il processo di installazione e ne seguo con attenzione tutti i facili ed intuitivi passaggi; la partizione di swap e quella dedicata a Linux esistono già da quando usavo Mint 11: seleziono la partizione in questione per l'installazione, decidendo di formattarla (ext4 con journaling) e per il bootloader seleziono la chiavetta da 2Gb (sdb) destinata allo scopo.

Ho provato ad usare chiavette diverse (anche formattate preventivamente in tutti i modi possibili ed immaginabili), sistemi operativi e/o versioni diverse (Ubuntu, Mint 11 ecc.): tutto però si blocca ogni volta irrimediabilmente col seguente messaggio:

Esecuzione di "grub-install/dev/sdbl" non riuscita. Questo è un errore fatale.
Si è verificato un errore e non è stato possibile installare il bootloader alla posizione specificata.


Dove sto sbagliando ?

Ringrazio tutti fin da ora per la pazienza ed il tempo che vorrete dedicarmi.

A presto.
Cita messaggio
#2
(13-02-2012, 19:35 )unga Ha scritto: Ciao a tutti

Possiedo un Netbook Acer sul quale è installato Windows 7: la mia intenzione è quella di affiancare Ubuntu (installato su una partizione a lui dedicata dell'hard-disk) utilizzabile SOLO se - prima del boot- si è inserita una penna USB che ne permetta l'avvio;
se tale chiavetta non viene inserita prima dell'accensione, il pc parte con Windows senza che nessuno si accorga dell'esistenza dell'altro sistema operativo.

Quest'operazione mi era perfettamente riuscita (con lo stesso identico hardware) con l'installazione di Mint 11 mesi orsono: purtroppo, non ricordo i passaggi effettuati e stavolta, per quanta buona volontà ci stia mettendo, non riesco a cavare un ragno dal buco .

Ecco come procedo.

Carico la live di Ubuntu (la vostra ottima versione plus), lancio il processo di installazione e ne seguo con attenzione tutti i facili ed intuitivi passaggi; la partizione di swap e quella dedicata a Linux esistono già da quando usavo Mint 11: seleziono la partizione in questione per l'installazione, decidendo di formattarla (ext4 con journaling) e per il bootloader seleziono la chiavetta da 2Gb (sdb) destinata allo scopo.

Ho provato ad usare chiavette diverse (anche formattate preventivamente in tutti i modi possibili ed immaginabili), sistemi operativi e/o versioni diverse (Ubuntu, Mint 11 ecc.): tutto però si blocca ogni volta irrimediabilmente col seguente messaggio:

Esecuzione di "grub-install/dev/sdbl" non riuscita. Questo è un errore fatale.
Si è verificato un errore e non è stato possibile installare il bootloader alla posizione specificata.


Dove sto sbagliando ?

Ringrazio tutti fin da ora per la pazienza ed il tempo che vorrete dedicarmi.

A presto.
sdbl non esiste , l' ultimo carattere identifica il numero della partizione , per cui può solo essere carattere numerico

grub-install /dev/sdb # per avviare da chiavetta il bootloader va collocato sul suo masterboot record , non sulla sua partizione di sistema , che oltretutto sulla chiavetta il SO non è neppure installato , quindi non è partizione di sistema

Inoltre se non vuoi che altri possano avviare il tuo SO , non è affatto sufficente avere su chiavetta il solo bootloader , per avviarlo uguamente basta un cdrom installazione linux qualunque e dal prompt della sua console di avvio dare il comando : linux root=/dev/sdb1
Se invece installi creando una partizione /boot sulla chiavetta , il discorso cambia radicalmente , in /boot l' installazione mette proprio il kernel , e senza quello , allora si che senza chiavetta non lo potrà mai avviare nessuno .
Se la chiavetta è l' unico scopo per cui la usi , non è il caso di formattarla ext4 , in /boot il SO accede in sola lettura e solo al momento dell' avvio del SO , quindi non è oggetto di possibili frammentazioni di alcun genere , che oltretutto su chiavetta neppur si pongono come problema , un leggerissimo e classico ext2 permette l' avvio molto più rapido
Cita messaggio
#3
Ciao!
Sei stato davvero gentilissimo a rispondere con tanta prontezza!

Non ho particolari pretese di privacy; semplicemente, mia moglie usa solo Windows e non vorrei complicarle la vita ponendola dinanzi a schermate o scelte strane (e nelle sue mani potenzialmente pericolose) quando utilizza il netbook:ecco il perchè del ricorso alla chiavetta quando mi serve il pc.
Grazie al tuo intervento comincio ad avere le idee un po' più chiare, ma essendo praticamente digiuno di Linux, vorrei approfittare ancora della tua disponibilità...
In fase di installazione di Ubuntu, devo preparare/settare/configurare in modo particolare la usb pen? Posso inserirla nel pc fin dall'avvio della live? Devo formattarla o gestirla preventivamente con qualche software specifico?
Perdona la raffica di domande, ma sono un ignoramus completo in materia di S.O. Linux e partendo praticamente da zero, vado accompagnato passo per passo.

Nel frattempo, mille grazie ancora per la pazienza ed i suggerimenti!
Claudio
Cita messaggio
#4
(13-02-2012, 21:05 )unga Ha scritto: Ciao!
Sei stato davvero gentilissimo a rispondere con tanta prontezza!

Non ho particolari pretese di privacy; semplicemente, mia moglie usa solo Windows e non vorrei complicarle la vita ponendola dinanzi a schermate o scelte strane (e nelle sue mani potenzialmente pericolose) quando utilizza il netbook:ecco il perchè del ricorso alla chiavetta quando mi serve il pc.
Grazie al tuo intervento comincio ad avere le idee un po' più chiare, ma essendo praticamente digiuno di Linux, vorrei approfittare ancora della tua disponibilità...
In fase di installazione di Ubuntu, devo preparare/settare/configurare in modo particolare la usb pen? Posso inserirla nel pc fin dall'avvio della live? Devo formattarla o gestirla preventivamente con qualche software specifico?
Perdona la raffica di domande, ma sono un ignoramus completo in materia di S.O. Linux e partendo praticamente da zero, vado accompagnato passo per passo.

Nel frattempo, mille grazie ancora per la pazienza ed i suggerimenti!
Claudio

Formattata , per forza di cose , come qualunque unità disco . la formatti ext 2 perchè ntfs e fs microsoft nel kernel di linux vengono compilati come moduli , quindi il kernel finche il SO no è stato caricato non li può gestire.
Puoi fare tutto direttamente dalla procedura installazione linux stessa .
Se ti senti più sicuro preparando la chiavetta prima di avviare la procedura installazione , lo fai comunque da linux in livemode con gparted, regolarmente presente anche da livemode ubuntu
Cita messaggio
#5
Ce l'ho fatta !!! Smile
In sintesi, il problema risiedeva nella chiavetta dentro la quale avevo combinato diversi pasticci: flag inappropriate, partizioni strane ecc...
Ho dato una bella ripulita con GParted, creando una sola partizione con file system ext2 e senza flag alcuna, ho avviato il processo di installazione di Mint e ho infine selezionato la mia usb pen per la creazione del bootloader: tutto liscio !!! Blush

Grazie mille davvero per il tempo e la pazienza che hai voluto dedicarmi Rolleyes !!!
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)