Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
[RISOLTO] Dividere hard-disk in due parti
#1
Abbiamo imparato tutto o quasi tutto su come si effettua il partizionamento di un disco-fisso, grazie alle guide presenti nel Forum e a software indispensabili, come GParted. Però ogni Guida era relativa a come si partiziona anche in più parti un disco-fisso diciamo "unico", ma se noi volessimo da un "unico" disco-fisso fisicamente parlando, creare due "dischi-fissi" in modo che all'avvio il pc ci chieda "quale disco vuoi avviare", si ptrebbe fare? E come? Ricordo che quando acquistai il mio attuale notebook, lo HDD di 640GB era diviso in due HDD, in uno c'era Win7 e l'altro era vuoto, poi ri-formattando Windows la nuova installazione produsse un unico HDD, forse io sbagliai qualcosa, ma ora dico come fare per avere un HDD come se fossero due, in uno ci metto Linux, in un altro un'altra Distro Linux [Windows proprio no, solo virtualizzato] oppure voglio tenerlo come dati. Spero di essermi spiegato bene, in pratica all'accensione del pc mi piacerebbe trovare:

HDD/1 Ubuntu
HDD/2 LinuxMint

[questo è solo un esempio]

[spero che questo argomento non sia già stato trattato anche se non ho trovato nulla in "cerca"]
Cita messaggio
#2
stai confondendo l'organizzazione fisica con quella logica: il disco è sempre e comunque uno solo, al più puoi dividerlo in partizioni. Per fare il multiboot dovrai usare un boot manager, ma certamente non potrai dire al BIOS di avere 2 dischi, per cui si avvierà comunque sempre a partire dalla partizione attiva.
Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Cita messaggio
#3
(04-01-2013, 17:53 )carlo.fenu Ha scritto: Abbiamo imparato tutto o quasi tutto su come si effettua il partizionamento di un disco-fisso, grazie alle guide presenti nel Forum e a software indispensabili, come GParted. Però ogni Guida era relativa a come si partiziona anche in più parti un disco-fisso diciamo "unico", ma se noi volessimo da un "unico" disco-fisso fisicamente parlando, creare due "dischi-fissi" in modo che all'avvio il pc ci chieda "quale disco vuoi avviare", si ptrebbe fare? E come? Ricordo che quando acquistai il mio attuale notebook, lo HDD di 640GB era diviso in due HDD, in uno c'era Win7 e l'altro era vuoto, poi ri-formattando Windows la nuova installazione produsse un unico HDD, forse io sbagliai qualcosa, ma ora dico come fare per avere un HDD come se fossero due, in uno ci metto Linux, in un altro un'altra Distro Linux [Windows proprio no, solo virtualizzato] oppure voglio tenerlo come dati. Spero di essermi spiegato bene, in pratica all'accensione del pc mi piacerebbe trovare:

HDD/1 Ubuntu
HDD/2 LinuxMint

[questo è solo un esempio]

[spero che questo argomento non sia già stato trattato anche se non ho trovato nulla in "cerca"]

Ciao, semplicissimo......con Gparted crei una nuova partizione dividendo l' unica che hai in 2. Le dimensioni le puoi decidere tu, io farei metà e metà. Il Primo Os lo installerai nella prima partizione ( sda ), il secondo nella seconda partizione ( sda1 ) con il GRUB in sda.
I Heart GNU\Linux and PC-BSD too !!!
Il fine NON giustifica i mezzi !!
Cita messaggio
#4
carlo.fenu Ha scritto:se noi volessimo da un "unico" disco-fisso fisicamente parlando, creare due "dischi-fissi" in modo che all'avvio il pc ci chieda "quale disco vuoi avviare", si ptrebbe fare?
No, non si può fare (come ha già chiarito BAT).
Ma si può partizionare e usar le partizioni così create per installarci dentro dei Sistemi Operativi o delle "distro" (come ha ben chiarito Teo).
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#5
Forse con una sega circolare.......scherzo ovviamente carlo.
Puoi - come ti hanno suggerito i miei predecessori - dividere in due (partizioni) l'hdd.
Quello che tu asserisci riguardo a windows da una parte e spazio vuoto dall'altra (classico partizionamento) altro non sono che due partizioni (per lo più primarie) di uno stesso disco.
Se alla scheda madre colleghi solo un HDD non potrà vederne due in nessun modo.
Scusa la curiosità ma perchè vorresti creare due hdd se con le partizioni logiche puoi crearne quante (o quasi) ne vuoi???
Cita messaggio
#6
(04-01-2013, 21:37 )tumbler Ha scritto: Scusa la curiosità ma perchè vorresti creare due hdd se con le partizioni logiche puoi crearne quante (o quasi) ne vuoi???

Perchè mi sono incartato cercando di usare Mint e Suse nello stesso HDD, sembrava andasse tutto bene, tant'è che ho ri-aperto una discussione che sembrava già chiusa in altro forum e giustamente me lo hanno fatto notare, a ragione. Comunque l'idea di teo non mi sembra male, mi sa che la provo. quello di creare due HDD da uno solo mi sembrava un'idea che potesse interessare anche altri utenti. Ciao


n.b.: anche a te, teo, ciao
Cita messaggio
#7
Apparte il fatto che quello che dice Teo (non me ne voglia) è impreciso in quanto la prima partizione semmai sarà sda1 e la seconda sda2 (sda è il Master Boot Record dell'hdd) ... comunque quello non è che un semplice partizionamento che genera due partizioni primarie di pari misura.
Se posso esprimermi credo che un partizionamento del genere sia sempre da sconsigliare in quanto non ha alcun senso installare un sistema operativo in una partizione da 200 GiB ad esempio (neanche windows ha bisogno di tutto quello spazio) - io solitamente nei miei hdd riservo 15 (max 20) GiB per la partizione assegnata alla root / - se si tratta di windows 50 (max 60) GiB - i sistemi li installo su partizione logica (escluso win ovviamente) tutte contenute all'interno di un'unica estesa - la swap anchessa nella medesima ad affiancare i sistemi - il resto dello spazio lo formatto in NTFS (se ho il dual boot) o EXT4 e lo uso come partizione dati )primaria ed a se stante) - se è troppo grande lo divido in due e mi faccio anche l'archivio - se è esageratamente grande la divido in tre e faccio magazzino ecc..... (chiaramente le primarie son massimo 4 dopo uso le logiche)
Se preferisci per i dualboot tra linux potresti riservarti 20-30 GiB per la /home (a me non alletta tanto l'idea) ... meglio avere tante partizioni piccole che due grandi ... se si corrompe il sistema o una partizione perdi tutto il contenuto se lo diversifichi riduci i danni.
Secondo me!
Cita messaggio
#8
esempio: un disco, quattro partizioni ( oppure di più se ne fai una estesa blablabla ) una per swap, una per buntu, una per mint, una per suse tutte con i loro loder nelle loro partizioni. installi GAG ed all'avvio gli dici con quale partire. ma perchè questo? il multiboot solito grub non funziona?
Cita messaggio
#9
Se il problema tuo, Carlo, sta nell'avvio di Mint e di OpenSuSE, andando ad installare il GRUB2 di Mint nella Partizione di root di Mint e il GRUB di OpenSuSE nella Partizione di root di OpenSuse... il tutto SENZA mai avviar né l'una né l'altra... e poi configurando e installando GAG sull'MBR, non avrai nessunissimo problema.
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#10
(04-01-2013, 22:21 )tumbler Ha scritto: Apparte il fatto che quello che dice Teo (non me ne voglia) è impreciso in quanto la prima partizione semmai sarà sda1 e la seconda sda2 (sda è il Master Boot Record dell'hdd) ... comunque quello non è che un semplice partizionamento che genera due partizioni primarie di pari misura.
Se posso esprimermi credo che un partizionamento del genere sia sempre da sconsigliare in quanto non ha alcun senso installare un sistema operativo in una partizione da 200 GiB ad esempio (neanche windows ha bisogno di tutto quello spazio) - io solitamente nei miei hdd riservo 15 (max 20) GiB per la partizione assegnata alla root / - se si tratta di windows 50 (max 60) GiB - i sistemi li installo su partizione logica (escluso win ovviamente) tutte contenute all'interno di un'unica estesa - la swap anchessa nella medesima ad affiancare i sistemi - il resto dello spazio lo formatto in NTFS (se ho il dual boot) o EXT4 e lo uso come partizione dati )primaria ed a se stante) - se è troppo grande lo divido in due e mi faccio anche l'archivio - se è esageratamente grande la divido in tre e faccio magazzino ecc..... (chiaramente le primarie son massimo 4 dopo uso le logiche)
Se preferisci per i dualboot tra linux potresti riservarti 20-30 GiB per la /home (a me non alletta tanto l'idea) ... meglio avere tante partizioni piccole che due grandi ... se si corrompe il sistema o una partizione perdi tutto il contenuto se lo diversifichi riduci i danni.
Secondo me!

Tumbler, il partizionamento avanzato che tu proponi HA sicuramente i suoi vantaggi e lo si può sempre fare, volendo, nella fase d' installazione dell OS.
Ma se non ho capito male, Carlo voleva ricreare la condizione originaria del suo PC, quando aveva installato WIN, ovvero con 2 partizioni........e poi non mi sembra il caso d' andare a complicargli la vita in questo momento In cui ha appena appreso la differenza tra partizioni e dischi fissi.........

P.S. OpenSuse, se non ricordo male, dovrebbe avere LILO Setup ( Il gestore di sistemi operativi ) come scelta, oltre al MBR, da selezionare in fase d' installazione. Quindi, installando prima LinuxMint e dopo OpenSuse, selezionando LILO setup al posto del MBR, non dovrebbe avere problemi, ovvero, all' accensione del PC, LILO setup gli permetterebbe la scelta del OS da avviare...o sbaglio ?
I Heart GNU\Linux and PC-BSD too !!!
Il fine NON giustifica i mezzi !!
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)