Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


//Removed by EUCookieLaw Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
[RISOLTO] Domanda forse...cretina ?
#1
Ciao a tutti del Bar. Sono un paio d'anni che grazie al postino del mio paesello mi sono avvicinato timidamente al mondo opensource ed oggi (grazie soprattutto al sito Majorana.it) sono diventato un maniaco (nel senso buono neh...?) di varie distribuzioni Linux. Son cosi' goloso che le vorrei provare tutte...e di notte, cosi' nessuno in famiglia mi disturba...eheheh. Arrivo alla domanda cretina Tongue
Ma alla fine di tutta questa bella favola (opensource) considerate le ore, gli sforzi, i sacrifici di chi programma, crea, prova eccetera...c'é qualcuno che ci guadagna sopra ? Intendo se Canonical, oppure anche altri...cosa ci guadagnano in termini di soldi a farci risparmiare a noi tutti utilizzatori, affamati di OS gratuiti, programmi, giochi e quant'altro opensource ? Me lo sono sempre chiesto.... Big Grin
Mi sembra troppo bello per essere vero tutto questo. Davide contro Golia...ma sotto sotto, ci sono interessi che non si vedono in superficie ?

grazie a chi vorrà dedicarmi una risposta!

(sono in crisi esistenziale, tra poco dubitero' dell'onestà di taluni ??? come nella canzone "...in questo mondo di ladri...")

Pinguinofelice
"Per farsi dei nemici non è necessario dichiarar guerra; basta dire quel che si pensa..." M.Luther King

 
Cita messaggio
#2
Non è una domanda cretina, è forse la domanda più ricorrente. Siamo così assuefatti al concetto che tutto DEVE avere un costo, che non riusciamo ad immaginare come sia possibile che qualcuno possa "regalare" qualcosa.
Ci sono vari modi di guadagnare, un colosso come Canonical guadagna dai comparti server, supporti, merchandising, contratti con case produttrici di hardware (DELL su tutte, ma anche altri).
Idem Red Hat (distro venduta con servers) che rilascia in opensource Fedora, Suse (servers a pagamento) Opensuse per l'opensource.

Diverso il discorso dei programmatori, molti lo fanno a tempo perso per la gloria, altri perché stipendiati da compagnie importanti (vedi sopra).

Comunque ho scalfito solamente la superficie dell'argomento, ma spero di averti chiarito un po la situazione Exclamation
Ogni fallimento avvicina sempre più alla meta... Arrendersi subito equivale a non provare affatto.

Il bisogno di conoscere e scoprire, è la fiamma che alimenta la fornace che è il cervello umano.
Cita messaggio
#3
Ha già risposto, con chiarezza, Franc.
Da parte mia, posso aggiungere che pure altri (non solo il mondo GNU-Linux) riescono a guadagnare -e hanno bilanci più che rispettabili!- pur senza far pagare quello che producono.
Ti faccio soltanto due esempi: i produttori di Opera Browser e la Mozilla Foundation (che -fra l'altro- produce Firefox, Seamonkey e Thunderbird). Si tratta, come ben vedi, di programmi scaricabili gratis dalla rete e utilizzabili (gratis) in maniera legale da parte di chiunque... il che non toglie che -per citar soltanto lei- la Mozilla Foundation abbia un bilancio (ampiamente in positivo) più che ragguardevole...

In fondo, se ci rifletti un poco, la soluzione è chiara:
1) ci sono molti modi di poter guadagnare anche senza far pagare il servizio o il prodotto offerto (chi usa Google non paga niente, ma resta il fatto che Google guadagna a palate!...); questo è vero sia nel mondo di GNU-Linux che al di fuori di esso;
2) c'è anche il concetto fondamentale che "migliorando la situazione di altri, finisci per migliorare anche la tua" (concetto tipico dell'opensource freeware): fornire un software gratis a chi vuol fare -putacaso- CAD, vuol dire aiutar lo sbocciare (e la crescita) di una nuova generazione di stilisti e di disegnatori... e, se la cosa ha abbastanza successo, significa avere -un domani- persone che terranno alto il "Made in Italy" (in Italia: il "Made in Altrove", in ogni altro Paese), il che migliorerà l'economia di tutti e, dunque, anche di chi ha 2regalato" il software e dei suoi discendenti...
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#4
Per quanto mi concerne, sono quasi 4 anni che lavoro 18 ore al giorno.

Il guadagno?

La soddisfazione!!!

Chi te lo fa fare?

La passione!!!

Fine messaggio.
Cita messaggio
#5
Noi tutti, qui, facciam quel che facciamo per pura e semplice passione. Si tratta, a ben guardare, di umanissima "voglia di aiutare gli altri".
Questo non toglie il fatto che le varie Ditte che si occupano di GNU-linux e di opensource (o che, semplicemente, rilascino prodotti freeware) lo faccian guadagnando e -a volte- guadagnando assai bene...
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#6
E' evidente che siamo tutti volontari e lavoriamo per spirito d'altruismo e voglia di crescere (nelle conoscenze) anche grazie agli altri. Credo che questa sia la vera grande forza del software libero: i tantissimi volontari che si danno, dannatamente, da fare, nei diversi settori di questo nuovo mondo. Ovviamente le società e chi ci campa, devono pur guadagnare. Peraltro il software libero prevede il guadagno ed anzi se lo si sfruttasse, si avrebbe una maggiore diffusione. Penso ad esempio al tecnico che ormai sta diventando tipo "pizzicagnolo", perdendo in professionalità. Il tecnico offrendo servizi e personalizzazioni di applicazioni libere, potrebbe riprendersi una professionalità, che va perdendo ogni giorno di più, senza ridurre i guadagni, anzi ...
Cita messaggio
#7
Perfettamente d'accordo, Antonio. Exclamation
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#8
Wink 
A questa interessante discussione,con "permesso" voglio aggiungere,x arricchire l'argomento
2 cose!Wink
1) Disse Henry.Ford " Il progresso si puo' definire tale solo sè una innovazione tecnologica
è usufruibile a tutti"
2)Vi allego la traduzione del discorso in occasione della consegna della laurea "ad honorem"
consegnata a.Richard.Stalman,a padova,il.24/09/2007,in ingegneria informatica.( ma' Stalman non è il "progenitore"del opensource?),,è lungo ma nè vale la pena!!!

[Immagine: http://www.istitutomajorana.it/forum/emo...oticons_13]
Comunque,tutte le persone come voi sono degne di ringrazziamenti!!!
E' anche di aiuti(ma questo è un'altro argomento)


Allegati
.odt   Stalman.Principi.odt (Dimensione: 41,22 KB / Download: 7)
Cita messaggio
#9
Caro Mario, in Italia se a qualche politico o amministratore pubblico offri milioni di euro di risparmio è un discorso .. se, invece, offri contratti da milioni di euro ... allora ... è un'altra cosa.
Cita messaggio
#10

Bilodiego
Cita messaggio


Vai al forum: