Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
[RISOLTO] Home separata per 5 utenti
#1
Buongiorno a tutti, mi sono appena iscritto; conosco ubuntu da alcuni anni, lo uso dalla 10.04 in poi.
Nick pacioccone perchè sono completamente autodidatta e senza conoscenze informatiche.
La domanda:
ho un notebook con installato Ubuntu 12.04. Su di esso ho fatto di tutto (dopo che mia figlia lo annegò nell'acqua... windows non è più partito, nè è stato possibile reinstallarlo, neanche dopo la pulizia interna...ubuntu invece, dopo aver inserito il live cd è partito al primo colpo!, da allora ubuntu è diventato il sistema di tutti i miei pc a fianco di windows); ora vorrei installare la versione 14.04 con la home separata, ma ho un dubbio: con gparted è sufficiente creare una partizione home, che potrà poi essere utilizzata dai 5 utenti (compreso amm.re) o bisogna procedere diversamente?
Questo semplicemente per avere un sistema pulito, e, quando uscirà il 16.04, poterlo reinstallare formattando solo la partizione /root.
Come capirete dalle mie domande, sono ancora abbastanza confuso, ma con le guide manuali al partizionamento manuale sono convinto di farcela. Inoltre consideriamo che lavoro su un "cadavere resuscitato da Ubuntu", quindi gli eventuali danni non sarebbero così grossi.
Aggiungo che ho proceduto a fare backup su disco esterno con la funzione base di ubuntu (impostazioni di sistema---->backup) e ho anche salvato le cartelle home di tutti gli utenti (compresi i file nascosti).
Grazie in anticipo per le eventuali risposte.
 

 

 
Cita messaggio
#2
ciao, guarda:
http://www.istitutomajorana.it/files/com...untu_2.htm
la parte dedicata ad altro. quando avrai fatto la / come spiegato invece di continuare con installa, vai sull'altra partizione e riesegui scegliendo /home. buon lavoro
Cita messaggio
#3
ottimo aver già realizzato il backup dati ... pratica che molti sottovalutano.

La partizione /home non va fatta da gparted ... o meglio la partizione la fai con gparted ma il montaggio (ovvero l'assegnazione) di /home la fai nel processo di installazione ... all'interno della /home son contenute tutte le configurazioni dell'utente/i (ache piu di uno) ... ovvero avrai tante sotto cartelle quanti sono gli utenti ... es.

/root/home/utente1 - /root/home/utente2 - /root/home/utente3 etc etc...

Se l'idea è quella di fare una /home per preservare i dati in vista della reinstallazione di un sistema piu aggiornato (ubu 16.04) non mi pare una buona idea.

Quando vorrai cambiare sistema sarà sufficiente salvare tutti i dati degli utenti e quelle due o tre cartelle dei programmi che si intedono riavere sul nuovo sistema ... salvare le configurazioni di programmi con versione abbondantemente aggiornate non è per niente produttivo anzi ... è causa di malfunzionamenti.
Cita messaggio
#4
Ciao e grazie per le risposte.
Il problema nasce dal fatto che i 4 utenti normali usano il pc per i loro interessi, salvando ciascuno documenti e dati.
Per quanto mi riguarda è il mio pc ufficiale, e lo uso per qualsiasi cosa, anche per le cose più delicate.
Nel corso degli anni si è sovraccaricato di programmi inutili e cianfrusaglie varie.
La nuova installazione dovrebbe essere rivolta a mettere ordine nelle cose.
Sono capitato per caso sul discorso della /home separata e mi ha attirato, poichè vorrebbe dire non dover copiare manualmente dati e altre cose considerate importanti, e per evitare un backup che, per sua natura, è rivolto alla restaurazione di tutti i documenti (magari a me interessa una specifica cartella tra un anno, e ritrovarla nei numerosi file creati dal sistema automatico di backup è azzardato, anche se considero il backup indispensabile - scusa l'apparente contraddizione -; aggiungo che non ho mai avuto, pur usando computer a livello casalingo dal 1986, la necessità di andare a recuperare un backup vecchio, ma la prudenza non è mai troppa). L'ideale sarebbe un hd esterno quale unica fonte per i salvataggi, ma il notebook è comodo proprio perchè lo puoi usare in quasi qualsiasi condizione di comodità e velocità (a proposito ubuntu è una scheggia rispetto a windows e quindi invoglia l'uso veloce, quando devi guardare una determinata cosa senza lavorarci per ore), inoltre ha un disco capiente (320 gb, di cui dopo l'utilizzo intenso ce ne sono 52 occupati).
Infine un'ultima domanda:
Qualora decidessi di mantenere la struttura attuale (senza home separata), quali sono le cartelle indispensabili da salvare per poter ritrovare tutto (tutto quanto rimane compatibile col precedente sistema, naturalmente)?
Infine, gli utilizzi: internet - gimp - thunderbird - libreoffice - giochi (messi e tolti dai figli) - i vari programmi multimediali (vlc, brasero...).
Grazie ancora a tutti voi a al Prof. Cantaro per la mole di lavoro messa a disposizione di tutti, se non ci foste bisognerebbe inventarvi!
[img]images/smilies/exclamation.gif[/img]

 
Cita messaggio
#5
Fare un /home separata con la pretesa che i tuoi dati saranno servibili all'infinito ed anche cambiando sistema operativo tu possa conservare tutto intatto mi pare utopia.
I dati ... per averli davvero al sicuro bisogna quantomeno salvarli su un supporto esterno regolarmente ... se si rompe fisicamente l'hdd sarà servito a poco avere un /home separata ... idem se lo perdi o te lo rubano.

Premesso questo hai due possibilita:

1. fai la /home separata ... salvi li tutti i dati ... quando aggiornerai il sistema se non va o lo reinstalli pulito o vai a cancellare tutte le cartelle configurazione utente (non i dati) lasciando al sistema il ricrearle al successivo riavvio

2. fai semplicemente una partizione Dati che utilizzerai come archivio in cui custodirai i tuoi backup continuando a salvare i dati nella home (o direttamente nella partizione dati)

Io ... per come concepisco l'infomratica ... utilizzerei una partizione dati in cui salverei di volta in volta i dati utente ... la home la lascerei sotto la root ... se reinstallo mi copio le cartelle .mozilla .thunderbird (per Firefox e thunderbird) non perdendo di fatto nulla ... la stessa logica puoi usarla per gli altri programmi.
Copiare tutta la /home di un altro sistema non credo sia ottimale.

Se ti "spaventa/scoccia" reinstallare di volta in volta il sistema operativo e personalizzarlo ... potresti prendere in considerazione l'idea di mettergli una rolling release ... avanza sempre senza necessitare mai una reinstallazione.

A tal proposito (escludendo le Ubuntu che non ce l'ha nei rilasci una rolling) dxgiusti avanzerà con pclinuxos mentre io non posso che spingerti verso Chakra.
Cita messaggio
#6
(26-04-2014, 15:03 )'tumbler' Ha scritto: Fare un /home separata con la pretesa che i tuoi dati saranno servibili all'infinito ed anche cambiando sistema operativo tu possa conservare tutto intatto mi pare utopia.
I dati ... per averli davvero al sicuro bisogna quantomeno salvarli su un supporto esterno regolarmente ... se si rompe fisicamente l'hdd sarà servito a poco avere un /home separata ... idem se lo perdi o te lo rubano.

Premesso questo hai due possibilita:

1. fai la /home separata ... salvi li tutti i dati ... quando aggiornerai il sistema se non va o lo reinstalli pulito o vai a cancellare tutte le cartelle configurazione utente (non i dati) lasciando al sistema il ricrearle al successivo riavvio

2. fai semplicemente una partizione Dati che utilizzerai come archivio in cui custodirai i tuoi backup continuando a salvare i dati nella home (o direttamente nella partizione dati)

Io ... per come concepisco l'infomratica ... utilizzerei una partizione dati in cui salverei di volta in volta i dati utente ... la home la lascerei sotto la root ... se reinstallo mi copio le cartelle .mozilla .thunderbird (per Firefox e thunderbird) non perdendo di fatto nulla ... la stessa logica puoi usarla per gli altri programmi.
Copiare tutta la /home di un altro sistema non credo sia ottimale.

Se ti "spaventa/scoccia" reinstallare di volta in volta il sistema operativo e personalizzarlo ... potresti prendere in considerazione l'idea di mettergli una rolling release ... avanza sempre senza necessitare mai una reinstallazione.

A tal proposito (escludendo le Ubuntu che non ce l'ha nei rilasci una rolling) dxgiusti avanzerà con pclinuxos mentre io non posso che spingerti verso Chakra.

 
Grazie ancora per l'assistenza. Ho fatto le ore piccole per scaricare la iso del Prof. ma ora funziona tutto. (Problema luminosità risolto con brightness controller, il pc è una sotto marca Acer).
Buon proseguimento a tutti! (per ora ho inserito la home separata, la prossima volta
procederò come da consiglio alla partizione dati separata)



 
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)