Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
[RISOLTO] Partizione Home "separata" per (PCLinuxOS)
#1
Ciao, mi servirebbe avere qualche indicazione su come fare per creare una Home "separata" per PCLinuxOS... come indicatomi in precedenza da monsee (nella sezione "Partizionamento del disco rigido").
Grazie.
Cita messaggio
#2
(24-10-2011, 16:01 )Pratica Ha scritto: Ciao, mi servirebbe avere qualche indicazione su come fare per creare una Home "separata" per PCLinuxOS... come indicatomi in precedenza da monsee (nella sezione "Partizionamento del disco rigido").
Grazie.
Molto semplice , invece di una sola partizione , ne crei due , una '/' ed 1 '/home'
Al resto ci pensa da se la procedura installazione.
Devi decidere quato spazio dare alla /home e quanto allA '/' in funzione dello spazio libero non allocato disponibile.


Cita messaggio
#3
(24-10-2011, 16:31 )francofait Ha scritto:
(24-10-2011, 16:01 )Pratica Ha scritto: Ciao, mi servirebbe avere qualche indicazione su come fare per creare una Home "separata" per PCLinuxOS... come indicatomi in precedenza da monsee (nella sezione "Partizionamento del disco rigido").
Grazie.
Molto semplice , invece di una sola partizione , ne crei due , una '/' ed 1 '/home'
Al resto ci pensa da se la procedura installazione.
Devi decidere quato spazio dare alla /home e quanto allA '/' in funzione dello spazio libero non allocato disponibile.
Allora: (se mi ricordo bene) la "/" è dedicata al SO; mentre la "/Home" è dedicata allo spazio per le eventuali personalizzazioni da mantenere.
Ma nel caso di più SO; (forse non ho spiegato bene) vorrei installare un II SO più leggero, e la sua /Home? Come si distingue da una prima /Home dedicata al primo SO?
Cita messaggio
#4
condividere /home con altre distribuzioni è vivamente sconsigliato.
/home è partizione è pertizione riservata all' utente , in linux l' utente non è mai amministratore del sistema , qualunque operazione vada a modificare il SO richiede i privilegi di amministrazione .
Ogni distribuzione ha sempre qualcosa di diverso anche a livello architettura , condividere la partizione utente fra distribuzioni diverse porta poi inevitabilmente a conflitti di configurazione a livello utente.
Se disponi di una buona quantità di spazio per /home puoi gestirla condivisa fra due utenti diversi Es: /home/username per ubuntu diverso da /home/username/per pclinux , per massima sicurezza anche password e user id diversi.
Chiaramente non ti porta nessun beneficio in termini di spazio necessario.


Cita messaggio
#5
La creazione di una Home "separata" è -a mio parere- sempre o quasi auspicabile. E questo è anche più vero (a parer mio, ovvio) quando si utilizzi una distro "rolling" (è PCLinuxOS è proprio una "rolling").
La creazione di una Partizione di ROOT (per installarvi il Sistema Operativo) e di una Partizione HOME (per conservarvi le personalizzazioni e i dati personali) vien fatta prima di avviar la vera e propria installazione (purché si sia provveduto PRIMA a creare e formattare le Partizioni richieste), scegliendo il "Partizionamento personalizzato" (non mi rammento come si dica in inglese, al momento) nella schermata che mostra l'Hard Disk, selezionanco ciascuna delle Parizioni che si vogliono utilizzare (prima una e poi l'altra) e impostando per loro come "punto di mount", rispettivamente
/
(per la Partizione di ROOT) e
/home
(per la Partizione HOME)
Fatto questo, vien lanciata la vera e propria installazione.
Al termine della quale si può scegliere dove si desidera installare GRUB (di default, è impostato per l'MBR, ma lo si può installar liberamente anche nella Partizione di ROOT di PCLinuxOS o anche altrove [dentro al un floppy-disk, per esempio]) e selezionare i sistemi operativi che GRUB deve avviare (in genere, io uso un boot-manager, installo GRUB nella Partizione di ROOT e imposto il GRUB di tutte le "distro" installate in modo che apran soltanto e unicamente la "distro" loro propria e nessun'altra; come boot-manager, io prediligo GAG... e ho constatato che, dopo un aggiornamento eventuale di versione di una qualunque delle "distro" da me installate non c'è da fare assolutamente niente per l'avvio: GAG avvia comunque la corretta "distro" -anche ad avvenuto aggiornamento- senza che ci sia bisogno di fare alcunché).

Terminata l'installazione, al primo avvio di PCLinuxOS ti verrà chiesto di impostare la password do ROOT e poi di creare un utente e dare una password (diversa) anche per lui: puoi sceglier di dare o non dare all'Utente anche diritti di amministrazione, se lo vuoi (dandoli, in pratica, l'Utente diviene qualcosa di simile a quello che in UBUNTU è un "sudoer").
Fatto ciò, potrai entrare nella schermata di login (vedrai che è in inglese: lasciala così). Effettua il login come Utente ed entra sul tuo desktop: vedrai che è tutto quanto in inglese (anche se tu hai impostato la tastiera -durante l'installazione- in italiano e dato Roma e Italia come coordinate geografiche). Lascia le cose come stanno, per il momento... e apri Synaptic (che è il programma di gestione dei pacchetti di PCLinuxOS). Ti verrà chiesta la password di ROOT: forniscila (in PCLinuxOS, per usar Synaptic non basta la password di Utente, ci vuole proprio quella di ROOT). Nella finestra (in inglese) che si apre, clicca per "ricaricare" l'elenco dei pacchetti (è il "pulsante" in altro alla sinistra tua), poi clicca per "marcare gli aggiornamenti" (è il pulsante subito a destra [la tua destra] rispetto a quello precedente) e, infine, clicca sul terzo "pulsante" (subito alla [tua]destra rispetto al precedente) per "applicare" le tue scelte).
inizierà in automatico (purché tu sia connesso ad Internet, ovviamente!) il download e l'installazione degli aggiornamenti.
Terminato tutto (NON prima, però!), chiudi Synaptic e apri il Localization Manager e lancia il programma. Ti verrà chiesto di scegliere la "localizzazione" che desideri installare: nella finestra che si apre, scegli l'italiano. Il resto, avviene praticamente in automatico.
Installati tutti i pacchetti, si apre una finestra in cui dovrai confermare i settaggi per la Localizzazione italiana. Fallo. Quando avrai fatto, PCLinuxOS si riavvierà e tu ti ritroverai di nuovo di fronte alla schermata di Login. Che essa sia in italiano oppure sia ancora in inglese, tu devi impostare lo stesso la lingua italiana. ti verrà chiesto se vuoi riavviar la schermata, rispondi di sì. La schermata verrà riavviata: procedi al login.
Appena entrato sul desktop, apparirà una finestra che ti chiede se vuoi mantenere i vecchi nomi (delle cartelle) o preferisci i nuovi: clicca per avere i NUOVI nomi.
Subito dopo, procedi ad installare LibreOffice (usando il LibreOffice Manager), scegliendo, anche stavolta, la lingua italiana.
Anche stavolta, tutto avverrà in maniera automatica. alla fine, ti troverai LibreOffice in italiano installato.
Infine, ti suggerisco di procedere ad attivare e impostare il tuo Firewall (van bene le impostazioni pre-definite).
Dopo di che, avrai il tuo PCLinuxOS ZENmini Gnome Edition fra le mani, funzionante, leggero, stabile e in italiano.
Se vuoi imparare a utilizzarlo per davvero, ti suggerisco di aprir di nuovo Synaptic e di scorrere (con calma e in maniera attenta) l'elenco dei "pacchetti" disponibili. Hai a tua disposizione (installabili con un semplice click) ben 13.000 pacchetti. Per ciascuno, troverai (in inglese) una spiegazioni. Vedrai che alcuni li conosci già (c'è AbiWord, Opera, Thunderbird, Iron [un browser simile a Google Chrome, ma decisamente più affidabile e sicuro], Google Earth, GIMP e altri programmi per la grafica [Inskape incluso], programmi di videoscrittura, LaTeX, Emacs, programmi di CAD, di audioediting e videoediting, programmi per scrivere musica, c'è l'antivirus, ci son due anti-rootkits, un antispyware, etc, etc...)...

Se hai domande o incontri dei problemi, ritorna pure a chiedere qui.
L'installazione di PCLinuxOS richiede, nel complesso, solo pochi minuti.
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#6
Non mi resta che ringraziare monsee...... molto preciso.... mi da fiducia a procedere.
Per (La creazione di una Home "separata") ti prego di vedere gli sviluppi sulla discussione sulla mia (- Dove posso creare una nuova "partizione" per un nuovo SO-? ) dove sto cercando di districare la partizione del disco. Perché mi sembra di capire che "Installando il PCLinuxOS" si destina la relatività tra la partizione dedicata alla "/" e quella dedicata alla "/Home" che interessa il nuovo SO?
Sbaglio?
Grazie ..... ci comincio a .........
Cita messaggio
#7
Abbi pazienza, Pratica, ma NOn riesco a dare un senso alla seguente tua frase:
"...mi sembra di capire che "Installando il PCLinuxOS" si destina la relatività tra la partizione dedicata alla "/" e quella dedicata alla "/Home" che interessa il nuovo SO?"
Se, per favore, mi chiarisci un po' il concetto che esprimevi, sarò ben felice di far mente locale pure io e di aiutarti.
In quanto a come agire circa le Partizioni (e -punto più importante- a cosa si può usare per trasformare una Partizione Primaria in Partizione Logica), ti ho risposto nell'altro thread, quello che hai aperto nella Sezione dedicata al Partizionamento, intitolato "Dove posso creare una nuova partizione per un nuovo SO?"...

In effetti, il tuo HD presenta delle Partizioni che sembra sian state "spostate" (probabilmente -immagino- quando installasti UBUNTU) e che -per me, che non ci son minimamente abituato- risultano decisamente "spiazzanti" (se vedi i miei Hard Disk, le varie Partizioni son belle ordinate e in numerazione rigorosamente successiva e sempre crescente: vedere un HD in cui la terza partizioni stia avanti alla seconda mi lascia un po' stupito). Nel tentativo di immaginarmi un po' meglio le cose, mi son provato a darti dettagliate istruzioni riguardo al come agire. Però, ti avviso del fatto che la tua Partizione DATI di Windows attuale è piena per almeno metà, il che ci lascia poco spazio di manovra. Gli ordini di grandezza che t'ho indicato, considerali come abbastanza vincolanti (nel senso che mi par pericoloso cercar di "ridurre" la Partizione DATI di Windows di più di quel che t'ho indicatodi far io [26 Gb]).
Fondamentale (te lo ripeto perché è per davvero importante) è che PRIMA di procedere al ridimensionamento della Partizione DATI di Windows (ma dopo il suo effettivo "spostamento") tu proceda ad effettuare un approfondito scandisk di tale Partizione e, subito dopo, una approfondita deframmentazione da effettuarsi in Modalità Provvisoria. NON saltare questi due passaggi, sennò rischi di perdere dei dati. Soltanto DOPO aver fatto come t'ho scritto, potrai procedere a ridimensionare la Partizione DATI di Windows (e tutto quel che segue).
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#8
(24-10-2011, 22:41 )monsee Ha scritto: vedere un HD in cui la terza partizioni stia avanti alla seconda mi lascia un po' stupito).

Quello della numerazione delle partizioni non è un problema da poco e anch'io vorrei capirne di più.
Con alcuni programmi di partizionamento la numerazione è semplicemente progressiva rispetto alla partizione su cui si sta lavorando.
Cioè se divido sda9 ottengo sda9 e sda10 e se sda10 fosse già presente da un'altra parte avrei sda9 e sda11.
Ma non è sempre così: ci sta che con alcuni programmi, se fosse disponibile sda8, otterrei sda9 e sda8, il che evita che dopo qualche anno di smanettamenti mi ritrovi a lavorare con la sda1000.

-------------
Aggiorn:
Ooops, credo che sia la prima volta che scrivo qui: salve.
Cita messaggio
#9
Ciao, Zafran! Lietissimo d'averti qui. Essendo tu un ottimo conoscitore di PCLinuxOS (e anche dell'utilizzo della Riga di comando, cui io son abbastanza "allergico", ma che parecchi vogliono, invece, utilizzare) l'averti fra di noi mi fa grandissimo piacere.
[Immagine: http://www.gifandgif.com/gif_animate/Sta...831%29.gif] "Che il Lato Terminale della Forza sia con te!"
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#10
Il lato terminale della forza?
Detto così è un po' inquietante.
http://www.istitutomajorana.it/forum/ima...iggrin.gif
http://www.istitutomajorana.it/forum/ima...nfused.gif
http://www.istitutomajorana.it/forum/ima...tongue.gif
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)