Home Sito Majorana ---- Cerca nel Forum con Google ---- Privacy Policy

Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
[RISOLTO] Partizione vista in preparazione installazione Ubuntu
20-03-2012, 11:39 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 20-03-2012 11:41 da patel.)
Messaggio: #11
RE: Partizione vista in preparazione installazione Ubuntu
(20-03-2012 11:19 )BAT Ha scritto:  Non devi usare lo strumento integrato in Windows per ridimensionare le partizioni; usa un tool esterno (gparted, Acronis Disk director -è a pagamento-) ecc..
allora questa guida mente ? http://wiki.ubuntu-it.org/Hardware/Dispo...oneWindows

Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-03-2012, 12:09 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 20-03-2012 12:09 da BAT.)
Messaggio: #12
RE: Partizione vista in preparazione installazione Ubuntu
Non è che la guida menta, ma secondo me è uno strumento eccessivamente limitato. A me su un portatile con Windows vista ha dato un sacco di problemi, per esempio non mi permetteva di ridurre oltre un certo limite anche avendo disattivato i punti di ripristino, cancellato file temporanei ed inutili ecc.; con uno spazio occupato di circa 30 GiB la partizione primaria ha rifiutato di ridursi a meno di 200 GiB, un'assurdità.

Semplicemente non è proprio uno strumento che mi piace... poi "de gustibus...".
Se a voi funziona tanto meglio: io, dopo quell'esperienza, ho deciso di non usarlo mai più, infatti faccio tutto con Acronis Disk Director.

Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-03-2012, 12:14
Messaggio: #13
RE: Partizione vista in preparazione installazione Ubuntu
non è un problema di gusti, non metto in dubbio che Acronis Disk Director funzioni bene, ma se consigli Gparted e poi win non si avvia più ?

Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-03-2012, 15:05 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 20-03-2012 15:07 da BAT.)
Messaggio: #14
RE: Partizione vista in preparazione installazione Ubuntu
Un attimo che chiarisco:
- storicamente come gestore di partizioni ho sempre usato (fino a quando è stato possibile) Powerquest Partition Magic (dalla versione 1.0), poi diventato Symantec; purtroppo il software non è stato più aggiornato (dall v. 8.05) ed è incompatibile con gli hard disk moderni). Parallelamente usavo Powerquest Drive Image per l'imaging dei dischi
- dopo la dismissione di questi 2 prodotti ho sempre usato quelli Acronis: Disk Director come gestore dischi e True Image per l'imaging di dischi e partizioni.

Tutti i software che ho citato sono commerciali; si pagano, però i problemi avuti in ormai quasi 20 anni di utilizzo si contano sulla punta delle dita di UNA mano.

Se come software ho citato Gparted, i motivi sono 2:
1. è gratis
2. essendo consigliato dal resto dello staff del forum praticamente nel 100% dei casi quando si tratta di fare operazioni sulle partizioni, dò per scontato che funzioni benissimo: se non è così vuol dire che siete tutti matti! Tongue

Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-03-2012, 15:29 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 20-03-2012 15:40 da patel.)
Messaggio: #15
RE: Partizione vista in preparazione installazione Ubuntu
Gparted è un ottimo strumento, ma non è in grado di spostare correttamente le aree shadow di Vista e win7, quindi è meglio usare strumenti di windows in questi casi, come dice la guida di Ubuntu, pensi che l'abbiano fatta senza una ragione accertata ?

Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-03-2012, 15:39 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 20-03-2012 15:40 da BAT.)
Messaggio: #16
RE: Partizione vista in preparazione installazione Ubuntu
Non so, onestamente mi sembra strano che dica il falso.
Sull'affermazione che l'uso di Gparted comprometta l'avvio di Windows NON so cosa dire: chi l'ha detto presumo l'abbia fatto con cognizione di causa, per cui a questo punto devo ritirare il mio "consiglio" sull'uso di Gparted.
Quello che so con certezza è ciò che è capitato a me: con lo strumento incorporato in Windows non mi era possibile ridurre come volevo io le partizioni; è probabile che ciò sia dovuto al fatto che molti notebook usano dischi dinamici. Certamente non poter ridurre a meno di 200 GiB una partizione è una cosa che non mi piace.
Con Acronis True Image ho (quasi) sempre fatto quel che mi pareva con le dimensioni e la posizione delle partizioni; c'è anche da dire che io NON USO la tecnologia VSS per farmi backup o immagini dei dischi perché uso True Image.
Voi linuxiani doc dovreste sapere molto meglio di me se Gparted è stato patchato per correggere questo eventuale malfunzionamento.

Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-03-2012, 15:49 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 20-03-2012 15:49 da patel.)
Messaggio: #17
RE: Partizione vista in preparazione installazione Ubuntu
Sul forum di ubuntu sono riportati vari casi di danneggiamento della partizione di Vista/Seven da parte di Gparted e ce ne sono altrettanti che invece hanno avuto esito positivo, se per esempio si riduce una partizione di un sistema appena installato la probabilità di riuscita è buona, ma perché rischiare ? io sono dell'idea che è meglio utilizzare per ciascun sistema i suoi strumenti

Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-03-2012, 15:56
Messaggio: #18
RE: Partizione vista in preparazione installazione Ubuntu
A questo punto meglio NON usare Gparted;
adesso che mi ci hai fatto pensare, il notebook di cui ho avuto esperienza usava dischi dinamici (almeno credo); Acronis Disk Director creava e ridimensionava le partizioni logiche che però sparivano al riavvio successivo; inoltre riusciva a rimpicciolire la partizione di sistema più dello strumento Windows ma non mi permetteva a sua volta di rimpicciolirla a piacere.
C'è da dire che Disk Director ha compatibilità piena con tutte le versioni di NTFS a patto che sia mantenuto aggiornato e che si usi sempre l'ultima versione disponibile (attualmente v11 build 2343); per quanto riguarda EXT il supporto è massimo su EXT3 e EXT2, mentre non c'è per EXT4 (era previsto l'aggiornamento ma non riesco a trovare traccia di supporto EXT4 sul sito).

Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-03-2012, 16:20 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 20-03-2012 17:32 da zafran.)
Messaggio: #19
RE: Partizione vista in preparazione installazione Ubuntu
C'è qualcosa che non capisco in tutto questo.

Cos'è una shadow?
Io pensavo che fosse quella partizioncina piccina all'inizio del disco, apparsa per la prima volta con vista e che dovrebbe servire in caso di ripristino.
Non si vede da windows ma si vede da linux.
Come potrebbe spostarla, gparted, visto che sta oltre la prima primaria, ovvero C:\ per elezione, senza rovinare windows?
Qualcuno ci riesce?

E 'sti dischi dinamici, che sono praticamente dei raid proprietari, possono essere interpretati e modificati da gparted?
Io avevo capito di no, che fossero l'ennesimo escamotage per evitare l'installazione di altri sistemi a fianco di windows e quindi software terzi non potessero metterci le mani.

Quindi, come fa gparted a combinare guai dove non può arrivare?
Se gli si dà un filesystem deframmentato in una partizione a lui accessibile, quali sono i pasticci che dovrebbe combinare?

[Immagine: tux_guitux.png] Parole !
Mai che se ne trovino due uguali !
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-03-2012, 17:42 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 20-03-2012 17:43 da patel.)
Messaggio: #20
RE: Partizione vista in preparazione installazione Ubuntu
http://blogs.dotnethell.it/windowsvista/...11832.aspx
http://blogs.dotnethell.it/windowsvista/..._6035.aspx
alle altre domande non so rispondere, immagino che sia uno dei tanti trucchi di Microsoft per scoraggiare l'utenza a installare altri sistemi, gparted combina guai perché probabilmente in fase di riduzione della partizione non gestisce bene lo spostamento di queste aree del disco. Su partizioni con Xp il problema non è mai esistito. Probabilmente dipende anche da quanto viene utilizzato, io che uso Seven 2 volte all'anno, quando sono andato a ridurre la sua partizione tramite il suo Gestione disco non ho avuto alcun problema, tanto che ho soltanto 1 Gb libero, la deframmentazione l'ho fatta con Perfect Disk trial.

Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

Contattaci | Sito Majorana | Torna all'inizio della pagina | Torna al contenuto | Mobile Version | RSS Syndication