Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
[RISOLTO] Profilo rovinato, non si accede ad Ubuntu 12.04 .
#1
Buon giorno, rieccomi con altra 'tragedia' alla quale far fronte, dunque:
1) - Mentre utilizzavo Brasero in Edubuntu 12.04 (che ha sempre funzionato alla perfezione e regolarmente aggiornato), e cercavo di masterizzare dei file su CD, il detto Brasero si inchioda (!!) inspiegabilmente;
2) - Espelle il CD e riesco a chiuderlo (Brasero);
3) - Alla chiusura della finestra di Brasero spariscono dal desktop tutte le icone (cartelle e file), sparisce la barra Unity a sinistra lasciando solo la barra superiore con la scritta "Ubuntu desktop" ed il pulsante-rotellina in alto a destra. Nessun pulsante nessuna icona. Spengo regolarmente con "arresta".
4) - Alla riaccensione tutto sembra normale fino all'immissione della password dell'unico utente registrato, la inserisco e premo 'invio': a questo punto il pc normalmente si inchioda senza più reagire a pressione di tasti o di pulsanti del mouse.
5) - se faccio login come utente "Ospite" tutto funziona alla perfezione, ma ovviamente non posso recuperare il lavoro di mesi che è inaccessibile;
7) - Posso vedere e 'salvare' i files con una live spostando l'essenziale su un supporto esterno, ma i programmi installati e le relative configurazioni non so come salvarli;
6) Qualsiasi altro tentativo di accedere al sistema e ai file è vano! Se al login scelgo la sessione "Ubuntu 2D" con il giusto account dell'unico utente il pc sembra funzionare lo schermo diventa grigio, per un attimo ricompare la barra "Ubuntu desktop" dopo di che si impunta e sono costretto a spegnere.
Domando:
1) - Come posso rientrare nel sistema con le precedenti credenziali e recuperare tutto?
2) - Possibile che il sistema non preveda di salvare il profilo utente e la lista dei programmi installati rispetto alla distribuzione aggiornata,  visto che è così facile rovinare tutto?  Se invece fa queste due cose dove si trova un elenco o un  backup da ripristinare?

La configurazione è: partizione di swap, partizione 'root', partizione 'home' ed ha sempre funzionato tutto egregiamente.
So che è una brutta gatta da pelare e Vi ringrazio per la pazienza che userete per rispondermi.

 
Cita messaggio
#2
prova a seguire questo se ti aiuta.
http://wiki.ubuntu-it.org/Sicurezza/Gest...d/Recupero

 
Cita messaggio
#3
Intanto grazie per la tempestiva ed ammirevole risposta. Quelle istruzioni le avevo  viste ma non le ho utilizzate, perché credo che non sia la password il mio problema. Ricordo perfettamente "nomeutente e password", è il sistema che non le associa più ad alcun profilo atto al login, credo.

Sicché è un problema di profilo (impostazioni grafiche ed altro ..) non di credenziali, presumo.

Se dovesse essere invece un problema di credenziali (usando le istruzioni che mi suggerisci di consultare) il problema dovrebbe sottostare alla seguente sequenza logica (secondo le mie conoscenze) della quale non conosco i comandi e le conseguenze dei comandi:
  1. accedere in "recovery mode" come utente "root" (ok dal 'live');
  2. cancellare l'utente "pippo" (lo chiamo così per sorridere) e cancellare la relativa password. Ma a questo punto come si cancella un utente? come si cancella la sua password? Ma soprattutto che fine fa la sua cartella "/home/pippo", piena zeppa di dati, quando si elimina un utente?
  3. Ricreare un nuovo utente "pippo" (con diritti non-root, normale); assegnargli una password (comandi della guida);
  4. Creare un gruppo "pippo" e assegnargli l'utente "pippo" come appartenente al gruppo (come si fa?);
  5. Assegnare all'utente "pippo" e al gruppo "pippo" i diritti sulla cartella "/home/pippo" che esisteva e sempre che non è andata distrutta quando si è cancellato l'utente "pippo" prima di ricrearlo (come si fa?).
Se si può fare tutto questo forse si risolve (sempre che la cartella "/home/pippo" non vada distrutta insieme al profilo).

Oppure creare un nuovo utente "pippo2" con relativa password  con i diritti di "root" e  relativo profilo "vergine", senza cancellare il precedente, in modo da poter "vedere" il contenuto della cartella "home/pippo" al momento inaccessibile.
Fatto questo l'utente 'pippo2' potrebbe travasare con un processo di copia-incolla  i file nelle sue cartelle, però non riuscirebbe a importare le impostazioni e le configurazioni che andrebbero perse (penso per es. ai segnalibri di firefox, giusto per dire ...).

Oppure ancora si potrebbe creare il nuovo utente "pippo2" (con password e profilo di "root", come si fa?) assegnandogli come cartella "/home/pippo2" la cartella "/home/pippo" ora inaccessibile (si può fare? E come si fa?).

A parte che non conosco tutti i comandi necessari, non so quale funzioni più efficamente di queste ipotetiche soluzioni.

Grazie ancora mille volte.
Cita messaggio
#4
entra in recovery del sistema installat, apri la riga di comando e cambia solo la paswd del tuo utente. se il problema è quello dovresti riuscire ad avviare il tutto.
[Immagine: http://4.bp.blogspot.com/-3wiVgOwOKoQ/T6....14.40.jpg]
Cita messaggio
#5
Ecco cosa accade se si parte con il sistema in modalità "Ripristino":
Scelgo di accedere in modalià "ripristino", coi privilegi di "root" aprendo la relativa "finestra di terminale":

sistema >> root@pc-5730:~#
enzlu     >> inserisco il comando: "passwd pippo" ('pippo' è il nome usato per descrivere);
sistema >> inserire nuova password UNIX: .......... (inserita, premo 'invio');
sistema >> reinserire nuova password UNIX: ....... (inserita, premo 'invio');
sistema >> passwd: Errore di manipolazione token di autenticazione
                    passwd: password unchanged
                    root@pc-5730:~#
Evvivaaa!!! Addirittura non esegue i comandi di 'root': complimenti!!!

Se non fosse tragico comincerei a pensare che questo S.O. è assolutamente ridicolo. Farraginoso, illogico ed irrazionale già lo intuivo che fosse, ma così non me lo aspettavo proprio.
Invece di donare libertà ha creato una oligarchia di chi sa dei suoi incredibili bug, ed una pletora di fessi come me che sono decisamente in balia di eventi drammaticamente random.

Grazie ancora.
Cita messaggio
#6
liberi di scegliere. liberi di mettere quanto si vuole, liberi....
Cita messaggio
#7
Ciao, quell errore lo da perchè è montato in sola lettura, per riuscire trovi qui le istruzioni, basta rimontare in lettura e scrittura:
http://wiki.ubuntu-it.org/Amministrazion...ripristino
Però puoi tentare di creare un nuovo utente e solo dopo se tutto è ok puoi backuppare i dati dal nuovo utente entrando nella home del vecchio utente, dopodichè cancellarlo.
Altrimenti in ogni caso puoi salvarli entrando in live da un cd-dvd o usb e trasportarli su un HD esterno o dove preferisci.
Le impostazioni di tutti i programmi sono nella tua home (Al livello utente)
Cita messaggio
#8
(06-09-2014, 12:34 )'CarlosNag' Ha scritto: Ciao, quell errore lo da perchè è montato in sola lettura, per riuscire trovi qui le istruzioni, basta rimontare in lettura e scrittura:
http://wiki.ubuntu-it.org/Amministrazion...ripristino
Però puoi tentare di creare un nuovo utente e solo dopo se tutto è ok puoi backuppare i dati dal nuovo utente entrando nella home del vecchio utente, dopodichè cancellarlo.
Altrimenti in ogni caso puoi salvarli entrando in live da un cd-dvd o usb e trasportarli su un HD esterno o dove preferisci.
Le impostazioni di tutti i programmi sono nella tua home (Al livello utente)

 
il mio post precedente riportava il link dove spiegava cosa fare e tra l'altro faceva riferimento al tuo. poi uno legge quello che crede e pensando le cose che lui immagina pretende di fare....... e la colpa è della distribuzione ecc.ecc.
comunque non c'è solo ubu, io uso pclinuxos e sono contento, doc54 usa opensuse, tumbler chakra, bat fedora ecc.ecc. e molti usano win. nessuno è obbligato...


 
Cita messaggio
#9
  • Non rispondo di libertà qui perché questo ramo del furum non è dedicato a ciò.
Sulla questione della libertà di scelta Le rispondo: Lei appartiene alla oligarchia di chi sa, mentre io alla pletora dei fessi che ignorano. Quindi sbaglia nel citare la libertà: non è un problema di libertà ma di conoscenza vera e diffusa dalla quale discende la libertà.
  • Non rispondo di libertà sul Forum Majorana, perché il forum non ha un ramo dedicato alle discussioni filosofiche.
Bisognerebbe aprire un ramo di discussione su ciò che è o dovrebbe essere la libertà  nelle sue varie versioni compresa la libertà di scelta dei sistemi in uso in informatica e le relative ricadute di libertà, di finanza, di economia e di dominio del mondo conseguente.
Da un brillante studente finlandese e dai suoi derivati, dai brillanti professori dell'MIT, dai ricercatori della california di Berkley e del sud africa, da menti inglesi o anglofone, dagli infiniti uomini di buonavolontà che partecipano allo sviluppo e alla diffusione di questi strumenti, onorevolissime e squisite persone, non ci si poteva attendere un sistema semplice e lineare secondo la logica greca e latina: non la conoscono, non ce l'hanno 'dentro' e quindi l'essenza della libertà dalla quale tutto questo deriverebbe è inficiata da errori in partenza.

Questo però non è il luogo di cotanta discussione.
La ringrazio per la sua disponibilità e la saluto cordialmente.
 
Cita messaggio
#10
Ops, spero di non aver detto nulla di sbagliato, non entro nel merito della discussione perchè ho perduto il filo.
Un saluto
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)