Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
[RISOLTO]Sudoers con Mageia
#1
Saluti a tutti. Ho appena installato la versione 3 di Mageia e tentando di installare Mplayer per vedere la Rai tra l'altro mi sono imbattuto nella risposta da terminale - non è un file sudoers. Girando per i vari forum sono riuscito tramite il comando - visudo - a far uscire uno script(?) che dovrei modificare ma le istruzioni si riferiscono ad una vecchia versione per cui sono inutilizzabili inoltre non compaiono i comandi per eseguire la modifica. Naturalmente è la prima volta che uso questa distro.
Cita messaggio
#2
cerca come aggiungere il tuo utente al gruppo sudoers ... oppure in alternativa fai prima il root e dopo i comandi:

su -
comando da superuser
Cita messaggio
#3
(20-05-2013, 13:21 )Dilettante Ha scritto: Saluti a tutti. Ho appena installato la versione 3 di Mageia e tentando di installare Mplayer per vedere la Rai tra l'altro mi sono imbattuto nella risposta da terminale - non è un file sudoers. Girando per i vari forum sono riuscito tramite il comando - visudo - a far uscire uno script(?) che dovrei modificare ma le istruzioni si riferiscono ad una vecchia versione per cui sono inutilizzabili inoltre non compaiono i comandi per eseguire la modifica. Naturalmente è la prima volta che uso questa distro.
Cita messaggio
#4
Ho provato ad inserire quanto mi hai detto senza risultato. Ho abbandonato la distro. Ciao e grazie
Cita messaggio
#5
Premesso che Mageia 3 è molto più efficente solida e stabile di ubuntu e sue derivate , sudo non è abilitato e per vedere le dirette rai , neppure ti serve. Mplayer non ha il benchè minimo bisogno di privilegi root limitati ne tantomeno globali con alcuna distribuzione linux , e neppure con unix o macosx.

I privilegi di amministrazione sono gestiti a sproposito e male via sudo solo dalle distribuzioni di Ubuntu .

da terminale Mageia il software lo installi con i comandi di urpmi con privilegi root acquisiti

su
rootpasswd (che non è la tua password utente ma la password assegnata a root , obbligatoria, in fase di installazione del SO)
I comandi di sistema esigono i privilegi assoluti 'root' che in linux è il solo ed unico administrator .

su -
rootpasswd richiesta

restituisce i privilegi amministrazione root assoluti e vale per l' intera sessione aperta in console

su
rootpasswd richiesta

restituisce privilegi root limitati e vale per l' intera sessione aperta in console .

in fase installazione del SO , la password di root e la password utente sono obbligatorie , non possono essere omesse per alcun motivo.
Cita messaggio
#6
Mi pare che Dilettante abbia mollato la spugna ... posso permettermi un OT pertanto.

Perchè dici ... e non sei il primo a cui lo sento ... che i permessi con sudo sono gestiti male dalle Ubuntu e figlie???
Cita messaggio
#7
Perchè lascia totalmente scoperta la possibilità di impossessarsi del computer senza alcuna protezione. Basta avviarlo in modalità ripristino ed il SO viene avviato direttamente con privilegi root assoluti senza alcuna richiesta di password .
Sudo nella gestione multiutenza è di importanza fondamentale perchè attraverso una sana ed estesa gestione delle sue regole permette di limitare ad ogni singolo utente il libero accesso a dati e programmi di sua esclusiva competenza , quindi tutt' altro che per lasciare il SO libero alla portata di ani e orci come fa ubuntu. Non è comunque dramma irrimidiabile , con una buona conoscenza del SO , riattivare root e restituirgli tutte le sue funzioni è il primo passo da farsi dopo aver installato il SO, è di conseguenza un' insensato uso del SO stesso .
Disattivare i sistemi di protezione via password lo è con qualunque SO , non ne esiste uno solo che possa fare eccezione.
Cita messaggio
#8
(21-05-2013, 07:51 )francofait Ha scritto: Non è comunque dramma irrimidiabile , con una buona conoscenza del SO , riattivare root e restituirgli tutte le sue funzioni è il primo passo da farsi dopo aver installato il SO,

Il problema è per l'appunto che chi si è appena installato il sistema NON lo sa fare.

Il problema ancora più grave è che a chi si è appena installato il sistema NON viene suggerito che esiste un modo migliore di fare le cose.

Per portare ubuntu a uno stato 'normale' non basta attribuire una password a root (basta un <sudo passwd root>) ma bisogna mettere anche le mani nel sudoers per limitare gli accessi utente alle funzionalità più sensibili.

Non ci vorrebbe tanto, dopotutto, a distribuire le remix di ubuntu con un file sudoers corretto.
Basterebbe avvertire che la remix potrebbe avere delle diversità nei comandi di amministrazione rispetto a quelli generalmente suggeriti ma sarebbe enormemente più valorizzata rispetto all'originale.
Cioè manterrebbe l'accesso ai repository e ai suggerimenti delle comunità di supporto ma sarebbe sicuramente più linux.
[Immagine: http://pclinuxos.com/forum/avatars/Pengu...guitux.png] Parole !
Mai che se ne trovino due uguali !
Cita messaggio
#9
(21-05-2013, 09:14 )zafran Ha scritto:
(21-05-2013, 07:51 )francofait Ha scritto: Non è comunque dramma irrimidiabile , con una buona conoscenza del SO , riattivare root e restituirgli tutte le sue funzioni è il primo passo da farsi dopo aver installato il SO,

Il problema è per l'appunto che chi si è appena installato il sistema NON lo sa fare.

Il problema ancora più grave è che a chi si è appena installato il sistema NON viene suggerito che esiste un modo migliore di fare le cose.

Per portare ubuntu a uno stato 'normale' non basta attribuire una password a root (basta un <sudo passwd root>) ma bisogna mettere anche le mani nel sudoers per limitare gli accessi utente alle funzionalità più sensibili.

Non ci vorrebbe tanto, dopotutto, a distribuire le remix di ubuntu con un file sudoers corretto.
Basterebbe avvertire che la remix potrebbe avere delle diversità nei comandi di amministrazione rispetto a quelli generalmente suggeriti ma sarebbe enormemente più valorizzata rispetto all'originale.
Cioè manterrebbe l'accesso ai repository e ai suggerimenti delle comunità di supporto ma sarebbe sicuramente più linux.

Esatto sei arrivato all' anello più debole , purtroppo la stragrande maggioranza dei nuovi utenti ha la pessima abitudine di cambiare SO senza documentarsi prima di andare incontro ai problemi , preferisce aspettare che siano i problemi a trovare peraltro anche rapidamente lui. Dopodiche molto spesso alza bandiera bianca e ritorna alle origini .
Cita messaggio
#10
Già...
Il terzo problema è che a dirlo siamo io e te, da anni
Undecided Basta Sleepy
[Immagine: http://pclinuxos.com/forum/avatars/Pengu...guitux.png] Parole !
Mai che se ne trovino due uguali !
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)