Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
[RISOLTO] linux avviabile da pendrive e spazio dati
#1
Scusate se mi intrometto , vorrei mettere a disposizione una mia esperienza sperando sia utile a qualcuno.
Forse si dirà che parlo di fuffa o che ho scoperto l’acqua calda ma io in merito non avevo trovato risposte precise.
Siccome oggi è normale avere a disposizione pendrive da 8 giga e più mi sono posto l'obiettivo di ficcarci dentro linux avviabile e lasciare il resto dello spazio utilizzabile sia nello stesso che in altri sistemi , windows incluso, di pc ove viene inserita la pendrive.
Di primo acchitto ho provato a suddividere , con gparted, la prendrive in 2 partizioni. Con unetbootin ho scaricato sulla prima il sistema linux (mint nel mio caso) . Facendo partire il sistema da quella pendrive tutto ok : la seconda partizione dati risulta utilizzabile come una qualsiasi altra partizione dati. Ma utilizzando quella pendrive in WindowsXp non avviene la stessa cosa: la prima partizione con Linux è riconosciuta ma non mi serve e neanche ci provo ad aprirvi i files.
La seconda, quella dati che mi interessa, non è visibile con il file manager . La gestione disco la dà come spazio inutilizzato.
Ma che WindowsXP gestisce solo la prima partizione dei dispositivi flash su USB? Boh!
Allora ho provato a fregarlo. Ho risuddiviso la pendrive in 2 partizioni e ho caricato linux sulla SECONDA. Analizzando la pendrive con gparted il flag di boot risulta inserito regolarmente sulla seconda partizione. Adesso da quella pendrive Linux parte regolarmente , non gl'importa in quale partizione sta e la prima partizione dati è utilizzabile normalmente. Utilizzando la pendrive in Windows la seconda partizione dove sta linux viene ignorata e non m'importa. Mentre la prima è vista regolarmente.
Tutto come volevo.
Questo merito anche di Unetbootin che permette di specificare la partizione su cui caricare Linux.
Con USB imagr writer (mintstick), per esempio, questo non è possibile in quanto la destinazione è il dispositivo e non una partizione.
Un cordiale saluto a tutti.
Cita messaggio
#2
Grazie per la segnalazione, potrebbe far comodo ad altri.
Cita messaggio
#3
Le pendrive USB (quasi tutte) vengono fabbricate in modo da essere riconosciute dal sistema come "Dischi removibili"; su questi dischi Windows riconosce solo la prima partizione; per aggirare il problema nei Windows bisogna vedere se il sistema è a 32 0 64 bit
- nei Windows a 32 bit bisogna esistono dei un driver per rendere visibili le altre partizioni o usare un'utility di cui parlo per i Win64
- nei Windows a 64 bit (dove un driver a 32 bit non funziona e non è detto che ne troviate uno a 64) bisogna vedere se il produttore della pendrive include un'utility che riesce ad impostare la pendrive in modo da farla vedere come "Disco fisso"; in questo caso si vedranno tutte le partizioni (e questo sistema funziona anche per i Windows a 32 bit)
Ulteriori dettagli li trovate qui: http://www.rmprepusb.com/tutorials/multipartufd

faccio presente che molti BIOS non sono compatibili con le pendrive su qui sono prestenti più partizioni, per cui installare Linux sulla seconda partizione potrebbe semplicemente NON farlo partire. Per la max compatibilità è molto meglio lasciare una partizione unica su una pendrive.
Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)