Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Sicurezza dei propri dati
#1
Carissimi,

volevo chiedervi un consiglio sulla seguente questione.
Per garantire la riservatezza dei dati contenuti nel proprio PC quando ovviamente lo abbandoniamo per lungo tempo potrebbe essere cosa buona e giusta adottare il seguente Vademecum? O è troppo da paranoico? Smile

Ho un PC con sistema operativo Windows XP Professional che fa parte di una rete a dominio (LAN_ e che tramite un server proxy si collega ad Internet) e ho pensato ai seguenti accorgimenti:

Usare un browser alternativo a Explorer ( magari Firefox e metterlo su chiavetta, quindi portable),per cui pensavo a Firefox portable ( esiste nativamente una versione portable di Firefox? praticamente una versione portable di Firefox ufficiale supportata dal team di Mozzilla? le versioni di Firefox portable che si scaricano ad esempio da http://portableapps.com/ sono sicure?
Usare un antivirus e metterlo su chiavetta ( quindi portable) pensavo ad esempio a http://www.superantispyware.com/portablescanner.html
Un software per monitorare se qualcuno ha collegato qualche chiavetta o dispositivo di archiviazione di massa sul proprio PC(ovviamente all'insaputa dell'utente del PC) consigli su quali software adoperare? Vale la pena?
fotografare lo stato del registro di sistema ad un dato istante e poi ricontrollarlo in un momento successivo
Criptare i dati sensibili, consigli?
Che ne dite?
Altri consigli?

Di quali software soprattutto portable ( da tenere in chiavetta) bisognerebbe dotarsi e quali settaggi bisognerebbe fare sulla propria macchina per proteggere i propri dati?
Quali comportamenti virtuosi andrebbero tenuti?

Quali riflessioni si possono fare?

Grazie mille

Ciao Ciao
App
Cita messaggio
#2
Wow.
Dunque se il PC si trova in un dominio, andrebbero prima viste le policy del dominio. A prescindere dai dati che noi effettivamente teniamo sulla macchina è importante sapere se possiamo tenerli. In molte aziende o enti è rigidamente regolata la tipologia di dati che si devono trovare nei PC. Spesso, infatti, sono esclusi i dati personali o software non autorizzati. Da qui credo di capire la tua propensione al portable.
Ma a questo punto non ti converrebbe avere una distro live sul pendrive con una buona fetta di spazio per la "persistenza" e tenere lì tutto ciò che ti serve, criptandolo magari con truecrypt?
Ogni fallimento avvicina sempre più alla meta... Arrendersi subito equivale a non provare affatto.

Il bisogno di conoscere e scoprire, è la fiamma che alimenta la fornace che è il cervello umano.
Cita messaggio
#3
(08-02-2012, 10:06 )francater Ha scritto: Wow.
Dunque se il PC si trova in un dominio, andrebbero prima viste le policy del dominio. A prescindere dai dati che noi effettivamente teniamo sulla macchina è importante sapere se possiamo tenerli. In molte aziende o enti è rigidamente regolata la tipologia di dati che si devono trovare nei PC. Spesso, infatti, sono esclusi i dati personali o software non autorizzati. Da qui credo di capire la tua propensione al portable.
Ma a questo punto non ti converrebbe avere una distro live sul pendrive con una buona fetta di spazio per la "persistenza" e tenere lì tutto ciò che ti serve, criptandolo magari con truecrypt?

Caro Francater,

ti ringrazio per la tua disponibilità.
Non conoscendo, infatti, la policy di dominio ( in quanto giovane in questo ambiente lavorativo) ho pensato ai software portable.
Per esempio quale distro potrebbe essere utile e con quali software equipaggiata? Mi consigli di creare una pendrive Live ( quando parli di persistenza significa che la chiavetta deve avere una ampia capacità di immagazzinare i dati? ad esempio una pendrive da 16GB?)e quindi non è necessario installare la distro? Solo che una chiavetta Live non permette di scaricare gli aggiornamenti del sistema operativo e aggiungere altre applicazioni o sbaglio?

Grazie ancora

Buona giornata

App

PS: truecrypt serve per criptare documenti .doc .xls, immagini etc ...etc? Vale per Windows,Gnu/linux qual'è il suo link?
Grazie ancora Ciao ciao
Cita messaggio
#4
Come distro puoi mettere quella che preferisci, con unetbootin ne sono supportate molte.
La modalità persistente è uno spazio che si assegna alla distro live per poter immagazzinare dati e software. In realtà a te non ne serve molto, ti basta per tenere le impostazioni del proxy e degli altri programmi. Per l'archiviazione dei dati ti basterà utilizzare lo spazio rimanente sulla penna, con il vantaggio che potrai "leggerlo" da qualsiasi altro PC senza dover avviare la distro Live.
Quindi, ad esempio, usi unetbootin per "infilare" la distro su un pendrive da 8GB e assegni 512MB alla modalità persistente. Quindi ti rimangono poco meno di 7GB di spazio disponibile.
Avviata la distro live potrai accedere a questo spazio e salvarvi (magari criptandoli) i tuoi dati. Poi ti sposti su di un altro PC ed avvii il sistema operativo installato. Inserisci la penna e puoi continuare a lavorare sopra i tuoi dati cifrati.
Detto questo, mi raccomando, assicurati che le famose policy del dominio permettano l'utilizzo di pendrive avviabili e la manipolazione e trasporto di dati personali.
Ogni fallimento avvicina sempre più alla meta... Arrendersi subito equivale a non provare affatto.

Il bisogno di conoscere e scoprire, è la fiamma che alimenta la fornace che è il cervello umano.
Cita messaggio
#5
(08-02-2012, 10:46 )francater Ha scritto: Come distro puoi mettere quella che preferisci, con unetbootin ne sono supportate molte.
La modalità persistente è uno spazio che si assegna alla distro live per poter immagazzinare dati e software. In realtà a te non ne serve molto, ti basta per tenere le impostazioni del proxy e degli altri programmi. Per l'archiviazione dei dati ti basterà utilizzare lo spazio rimanente sulla penna, con il vantaggio che potrai "leggerlo" da qualsiasi altro PC senza dover avviare la distro Live.
Quindi, ad esempio, usi unetbootin per "infilare" la distro su un pendrive da 8GB e assegni 512MB alla modalità persistente. Quindi ti rimangono poco meno di 7GB di spazio disponibile.
Avviata la distro live potrai accedere a questo spazio e salvarvi (magari criptandoli) i tuoi dati. Poi ti sposti su di un altro PC ed avvii il sistema operativo installato. Inserisci la penna e puoi continuare a lavorare sopra i tuoi dati cifrati.
Detto questo, mi raccomando, assicurati che le famose policy del dominio permettano l'utilizzo di pendrive avviabili e la manipolazione e trasporto di dati personali.
Ok Grazie moltissimo Francater
Un caro saluto

App Wink
Cita messaggio
#6
Un saluto anche a te Idea
Ogni fallimento avvicina sempre più alla meta... Arrendersi subito equivale a non provare affatto.

Il bisogno di conoscere e scoprire, è la fiamma che alimenta la fornace che è il cervello umano.
Cita messaggio
#7
Scusa se dirò un ovvietà, ma se abbandono il mio PC per un lungo periodo lo spengo.

EDIT: pensavo solo ad attacchi da remoto. Tu probabilmente parli di gente che può accedere fisicamente al tuo PC e magari bootarlo con un CD-live.
Cita messaggio
#8
Ci capisco poco di computer condivisi etc ma una delle regole che uso anche quando carico in rete mio materiale personale ne creo un archivio criptandolo con password usando winrar, ovvio che nulla è mai al sicuro dal momento che alcuni sono in grado di decriptare le wpa 2, ma come dice Dead, spegnerlo no?
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)