Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Software Libero anche l'Italia si è Decisa - Era ora !!!
#1

Con la spending review il Governo vuole ridurre gli sprechi pubblici ed invitò, tutti i cittadini, a dare suggerimenti. Noi demmo il nostro e la favola si è avverata. La Pubblica Amministrazione, grazie alla legge n. 134 del 7-8-2012, dovrà utilizzare software libero od open source. Il software proprietario che prima era la regola, ora diventa l'eccezione. Con tale legge (modifiche urgenti per la crescita del Paese) è stato modificato l'art. 68 del CAD (Codice dell’Amministrazione Digitale - D.Lgs. 82/2005) che disciplina le modalità e le procedure per l’acquisizione di software da parte della Pubblica Amministrazione. Seppure senza certezza, crediamo che in questo cambiamento ci sia del nostro ... continua …

http://www.istitutomajorana.it/index.php...&Itemid=75

Ciao, Antonio.
Cita messaggio
#2
Speriamo non siano delle grida manzoniane =) Come si legge nei Promessi Sposi, in Italia se ne fanno da parecchi secoli ormai...
Cita messaggio
#3
Adesso la legge c'è, prima non c'era.
Cita messaggio
#4
Ottima notizia!
Cita messaggio
#5
Alleluia.... SmileSmileSmile
Che sia la volta buona che riescono anche a calare le nostre tasse Rolleyes
"Se non cambiate voi stessi, non chiedete che il mondo cambi"
Cita messaggio
#6
Non credo che riescano a calare le tasse, ma se seguiranno le indicazioni della legge, almeno 1.000.000.000 di euro l'anno si possono risparmiare. Non sono certo molti ma di certo non sono neppure bruscolini. Exclamation
Cita messaggio
#7
Almeno la legge ora è stata modificata e implica la presa coscienza prima del software libero per valutare la convenienza rispetto a soluzioni closed e costose.
Anche se non posso esimermi dal non pensarla in parte come Matteo...la legge dice anche che c'è un bel iter da dimostrare proprio in tale convenienza economica effettiva e che qualora non ci fossero i presupposti tecnici per passare all'open si continuerà con quello closed....mi domando quanto tempo ci vorrà quante consulenze e rapporti vari...decisioni su appalti di tale lavoro..bla bla bla....insomma ci si riuscirà entro il 2015??? mmmm....non voglio fare il pessimista...ma parliamo sempre dei nostri governanti eeeeh e di una serie infinita di dirigenti della PA che appena gli tocchi qualcosa scattano come trappole inca eheheh :biggrin2:
Cita messaggio
#8
Bene
Cita messaggio
#9
(01-09-2012, 16:51 )Lauretta Ha scritto: Alleluia.... SmileSmileSmile
Che sia la volta buona che riescono anche a calare le nostre tasse Rolleyes

Temo che quelle non le caleranno Piange
Cita messaggio
#10
Bene.
Ora bisogna fare anche un'altra considerazione.

Anche se gli istituti scolastici sono diventati una sorta di aziendina autogestita, resta comunque che sono anche loro parte della Pubblica Amministrazione.
Questo è importante perché lo strumento che la scuola propone è esattamente il modello su cui si formerà l'attitudine della nuova generazione.
Le parate paramilitari di certi regimi la dicono lunga sulla necessità di far maneggiare moschetti di legno a chi si vorrà presto o tardi in trincea.
Proponi ai tuoi allievi un software proprietario, e suggerisci che l'unica alternativa possibile è un altro software proprietario, e avrai bell'e pronta una classe di capitalisti potenziali pronti a scommettere che tutto deve appartenere a qualcuno e che nulla può avere un valore se non nella sua potenzialità di reddito.

La resistenza all'open source è data anche da questa forma di conservazione e rafforzamento di uno status quo che rassicura molti ma retribuisce solo qualcuno fra quelli che decidono.
[Immagine: http://pclinuxos.com/forum/avatars/Pengu...guitux.png] Parole !
Mai che se ne trovino due uguali !
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)