Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Spending e software libero
#1
http://www.linuxsicilia.it/jit256/index....a-assumere
Questa mi è appena arrivata.
Ubuntu Trusty Thar * Plus Remix 32 bit * -DE Gnome Fallback-NVIDIA GT240-512 Mb
Majonix 1 / Windows XP
Alle volte ci assalgono...pazienza...si stancheranno?
Cita messaggio
#2
Ottimo. Grazie per la segnalazione.
Cita messaggio
#3
(18-09-2014, 17:39 )'Antonio_Cantaro' Ha scritto: Ottimo.
 
non concordo;

cito testualmente l'articolo
Citazione:Nel momento in cui TUTTI DEVONO usare, ad esempio, LibreOffice, non esistono più problemi di compatibilità e di formato.
 
ci sono 2 errori gravi in una sola frase:
"nel momento in cui TUTTI DEVONO usare, ad esempio, LibreOffice"
è una scelleratezza tipica delle peggiori dittature;
se mi imponi di usare un sofwtare io devo essere libero di scegliere il software che mi pare (anche una PA: perché Libre e non OO?)

"non esistono più problemi di compatibilità e di formato"
mi sto domandando se chi ha scritto l'articolo abbia mai usato Calc;
gli utilizzatori di Calc (in Libreoffice) sanno bene che da una release all'altra rischiano di non poter usare più i fogli elettronici creati con una release più vecchia, altro che fine dei problemi

La battaglia deve essere sui formati liberi, l'obbligo d'uso (per la PA) deve essere sul formato da usare (ODT invece di docx, ecc, ODS invece di XLSX ecc.);
sui software ci deve essere libertà di scelta, chi ha stabilito che LibreOffice è meglio di Openoffice?  per me è tutto il contrario;
senza contare che esistono altre suite in grado di maneggiare i formati liberi.

Libertà è anche e soprattutto sui principi, non sugli obblighi (se mi obblighi dove sta la liberta?)
 
Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Cita messaggio
#4
Giusto, sta di fatto che oggi la PA ti molla i file docx ed in pratica obbliga molti a comprare Office, infatti usano i formati proprietari a tutta birra. Quindi anche questa è una dittatura mascherata (e neppure molto). Non serve dire che LibreOffice o OpenOffice possono aprire i formati della suite Office (sempre che non contengano particolarità).
Cita messaggio
#5
questo è vero, nella PA c'è una resistenza fortissima a cambiare le applicazioni;
non c'è nemmeno da insinuare su tangenti in denaro, spesso è pigrizia mentale di chi ci lavora: per scrivere un documento da 1 pagina ci vuole per forza Word? [img]images/smilies/angry.gif[/img]
Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Cita messaggio
#6
(18-09-2014, 18:23 )Antonio_Cantaro Ha scritto: Giusto, sta di fatto che oggi la PA ti molla i file docx ed in pratica obbliga molti a comprare Office, infatti usanmo i formati proprietari a tutta birra. Quindi anche questa è una dittatura mascherata (e neppure molto). Non serve dire che LibreOffice o OpenOffice possono aprire i formati della suite Office (sempre che non contengano particolarità).

E questi formati "parastandard"...Big Grin
Sono d'accordo sul fatto che il formato dev'essere ODT ma non necessariamente LO... di fatto però appena ora qualcosa emerge dalla nebbia della pigrizia e della paura di cose nuove. Ho paura che si cada nell'errore di buttare ciò che c'é di buono solo per aria di rinnovamento.
Ubuntu Trusty Thar * Plus Remix 32 bit * -DE Gnome Fallback-NVIDIA GT240-512 Mb
Majonix 1 / Windows XP
Alle volte ci assalgono...pazienza...si stancheranno?
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)