Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 1 voto(i) - 5 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
UBUNTU sempre più WINDOWS
#1
Prendendo spunto dallo sfogo di un utente
(19-12-2013, 16:38 )Teo Ha scritto: Non hai torto, il fatto è che ultimamente mi sembra d' aver capito che per aggiornare Ubuntu bisogna tenere le dita incrociate e sperare che vada tutto bene..A chi non funziona più Chrome, a chi è sparito il plymouth... ecc.ecc. Penso che capire l' origine del problema a questo punto spetti a Canonical e non all' utente che colpe non ha, se non quella d'aver aggiornato il sistema.Idea Non voglio fare pubblicità a nessuno, ma su altre Distro, certe cose non accadono.

Che peraltro ritengo giustificatissimo, mi chiedo se la scelta di canonical sarà alla lunga vincente.
Dopo lucid lynx canonical ha percorso una strada ardimentosa cimentandosi con unity ma dopo il pangolino canonical ha intrapreso una deriva pericolosa che è quella della intrusività e delle novità a tutti i costi anche e specialmente a scapito della stabilità e della sicurezza.
Forse canonical con questa strategia riuscirà ad attrarre ancora qualche utilizzatore di xp ma alla lunga questa sarà la strategia di Linux per vincere su windows, diventare peggio del concorrente ?
Temo di si e per questo, per quel che mi riguarda io ho già una granitica fedora pronta all'uso.

E voi che ne dite, vale la pena rincorrere canonical ed il suo ubuntu?
गुरू
Cita messaggio
#2
Io sono tornato a windows da diversi mesi, win 8 mi sembra un buon compromesso, più reattivo di ubuntu con Unity, più completo di Ubuntu fce, antivirus integrato non mi da problemi (per ora).
Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Cita messaggio
#3
Ciao patel piacere di risentirti
गुरू
Cita messaggio
#4
ma ti sei risposto da solo: "per quel che mi riguarda io ho già una granitica fedora pronta all'uso"


Mark Shuttleworth mette denari a già deciso il destino di ubuntu da molto tempo.
-------
il resto compresa la citazione sono di inutili lamentele
Cita messaggio
#5
La lunga pregressa esperienza con Linux mi ha convinto che NON è un SO per tutti.
In effetti le distro più serie ed affidabili richiedono impegno e competenza. Ora, poiché chi comanda è il mercato, sono state approntate soluzioni "facili" per chi non sa o non vuole imparare e cerca in Unix un Windows/like opensource.
Morale: se fossi più bravo passerei ad Arch Linux e forse un giorno riuscirò; Solo per questo resto (ahimé) con zio Bill e non scendo a compromessi con Ubuntu & Co.
Cita messaggio
#6
(19-12-2013, 20:57 )thepiratebay Ha scritto: il resto compresa la citazione sono di inutili lamentele

Il bar mi sembra il luogo migliore, magari incontro un paio di amici che la pensano come me
गुरू
Cita messaggio
#7
ciao, io sono un utilizzatore di ubuntu e pclinux, reputo ubuntu-unity la vera ed unica novità nel campo dei sistemi operativi. poi se paragoniamo distribuzioni semestrali ( vere e proprie edizioni test ) con altro finiamo in un vicolo cieco. la mia 12.04 continua a stupirmi per la stabilità e la sua meravigliosa grafica e considerato cosa ho fatto in questi anni, prove, installazioni, ppa esterne e chi più ne ha ne metta, mai un crash, mai un problema con gli aggiornamenti, vorrà dire ben qualche cosa. purtroppo si è portati a giudicare una distribuzione da come la usiamo e quale hardware abbiamo, esempio le varie incompatibilità di unity con cinnamon, ma da nessuna parte sta scritto che tutto funziona con tutto.
Cita messaggio
#8
Gnome 3 e Unity sono un fiasco gigantesco, tant'è che tutte le distro offrono la versione Mate, questo è molto significativo
Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Cita messaggio
#9
Ubuntu ha scelto la sua strada allontanandosi dalla filosofia che sta alla base di linux, diventando una brutta copia di windows.
Fortunatamente ci sono altre centinaia di distro che da quella filosofia non si sono allontanate, per cui Shuttleworth può fare quello che vuole, agli utilizzatori linux non glie ne può fregare di meno.

Il problema si pone semmai per quelle persone che si avvicinano per la prima volta a questo sistema operativo; per una questione di marketing e probabilità è molto facile che la prima versione che provino sia proprio Ubuntu. Al che diranno "E io ho dovuto perdere tempo ad installare questa brutta copia di windows? Ma lasciamo perdere va!!", non sapendo che al di la di questa distribuzione ormai intossicata c'è tutto un mondo di possibilità.

Il compito dei forum come il Majorana è quindi anche quello di informare l'utente dandogli la possibilità di sapere che Linux <> Ubuntu e che esistono scelte migliori.

Non sono poi d'accordo con Doc54 che linux non sia per tutti. Semplicemente si deve scegliere la distro giusta per le proprie esigenze e livello di competenza.
Con win, questo non succede, non perchè sia più facile, ma solo perchè te lo trovi di solito preinstallato, quindi o mangi quella minestra o ti arrangi.

A riprova di ciò ti posso dire che 7-8 anni fa, stufo di ripulire ogni 2 mesi il PC Win di mio padre (75 anni, ex programmatore) da virus e petecchie varie, gli ho installato Xubuntu. All'inizio non era molto (per niente) soddisfatto, pochi mesi fa, quando ha cambiato PC e si è ritrovato Win8, mi ha subito chiamato per chiedermi di togliergli "quella schifezza con i quadrati colorati" (testuali parole) e rimettergli Xubuntu
a dieci anni il mondo è fantasia, a vent'anni possibilità, a trenta speranza. A quaranta è riflessione, a cinquanta... vi saprò dire.
Cita messaggio
#10
Non vorrei infierire su ubuntu poichè sembra si faccia male da solo Sad .
Magari non avrò una conoscenza approfondita di linux, ma un idea chiara me la sono fatta, Linux non è ancora pronto e maturo per sostituire windows.
Tutto ciò che gira su linux sono una miriade di desktop e sistemi diversi, di cui pochi servono al giusto scopo, troppi fronzoli e poca sostanza, e una volta che l'utente ne viene a conoscenza, ritorna sui suoi passi.
IL fatto di avere un sistema stabile è sicuro rende linux molto intrigante, anche la possibilità di personalizzarlo a proprio piacimento, è da qui è nata la mania di diffondere milioni di distro che ormai in maniera anomala hanno superato il numero degli utenti linux Sad
Tutto questo però disorienta chi vorrebbe affacciarsi sul mondo linux per esigenze serie e non curiose, specialmente se dopo un aggiornamento si accorge che il sistema è diventato quasi inutilizzabile, chi ha conoscenza in linux gli ha dedicato molto del suo tempo, ma molti col pc ci devono lavorare e non farsi una cultura.
Il problema di fondo non solo di ubuntu ma in generale nasce proprio dal fatto che l'utente o utonto Sad abitudinario e non solo vuole che le cose funzionino, non tanto il sistema ma i programmi che ne fanno solitamente uso, ma finchè ci saranno aggiornamenti killer, e avanzamenti di versione il numero delle applicazioni obsolete cresceranno sempre di più.
Ad esempio, dopo un aggiornamento su linux mint, non mi funziona più kden live, open shot l'ho cestinato per via dei suoi bug, non sto qui ad elencarli tutti, ma su linux devono accorgersi che fermarsi un pò non rappresenta un involuzione, e il ritmo degli aggiornamenti distro sono serrati, penso che un sistema debba avere un ciclo di durata che consenta un evoluzione omogenea e non frammentata, non si può avere un sistema con grafica sfavillante e programmi ridicoli, Per migliorare bisogna guardarsi dentro e vedere i propri difetti in maniera imparziale, perciò mi sembra anche un insulto paragonare ubuntu a windows.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)