Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Win 8: installazione semplificata
#1
Nello sviluppo di Windows 8, Microsoft ha dedicato molto tempo alla semplificazione della procedura di installazione. Come in Windows 7, l’utente può scegliere di aggiornare il sistema operativo oppure effettuare una installazione pulita, ma con Windows 8 il tempo richiesto sarà molto più basso e saranno necessari solo 11 click in totale. Huh
Per gli utenti professionali che dovranno installare Windows 8 su centinaia di computer, l’azienda di Redmond ha sviluppato il tool Windows Assessment and Deployment Kit, una versione migliorata del Windows Automated Installation Kit disponibile per Windows 7. Gli utenti consumer, invece, possono seguire due strade: passare a Windows 8, eseguendo il setup all’interno dell’attuale sistema operativo, oppure procedere con l’installazione pulita da DVD o pendrive USB.
Microsoft offrirà Windows 8 sia in versione boxed su DVD sia in versione digitale tramite download da Internet. In quest’ultimo caso, l’utente riceverà direttamente una immagine di setup con il numero seriale preinstallato. Per passare da Windows Vista a Windows 7 era necessario utilizzare 4 diverse applicazioni ed eseguire una lunga procedura composta da 60 schermate. Con Windows 8 ci sarà un unico strumento che verifica la compatibilità hardware e software, installa il sistema operativo ed effettua il trasferimento di applicazioni, file e impostazioni. Inoltre sarà possibile riprendere l’installazione in caso di interruzione (con Windows 7 bisogna iniziare daccapo).
Dopo aver verificato la compatibilità di driver e software, alcuni dei quali potrebbero richiedere un aggiornamento, il download manager integrato scaricherà la copia di Windows 8. Al termine del download sarà possibile continuare l’installazione, creare una pendrive di boot o salvare l’immagine ISO su DVD. Verrà quindi mostrata una schermata in cui si può scegliere di conservare le applicazioni (solo da Windows 7), le impostazioni e i file personali, opzioni ovviamente non disponibili in caso di installazione pulita da pendrive o DVD.
Ulteriori miglioramenti apportati alla fase di installazione, come il trasferimento di intere cartelle invece dei singoli file (in caso di passaggio dalla versione precedente di Windows), ha permesso di ridurre il tempo totale dai 513 minuti di Windows 7 ai 52 minuti di Windows 8, Huh quando sul PC sono presenti 120 applicazioni e oltre 1,4 milioni di file.
Cita messaggio
#2
Saranno anche obbligati ad acquistare il SO solo direttamente on line dallo store di Microsoft , come già sta facendo Apple . e saranno pure obbligati a registrazione account , live.it o hotmail.com , username e password per l' avvio del SO obbligatoria quelli di account , sei controllato ad ogni accesso al SO stesso.
È già di fatto percorso obbligato anche con la versione di sviluppo attuale se vuoi che ti rimanga senza scadenza.
Per la cronaca tutto il software di Apple , Microsoft e Adobe , dal primo gennio 2012 sarà acqistabile solo ed esclusivamente direttamente dai rispettivi store on line , con regitrazione account obbligatoria e pagamento anticipato all' ordine su carta di credito , o su conto paypal .
Unico inconveniente , il Software ed il SO di Microsoft costa un' eresia , mentre il SO di Apple costa 23 euro , e di media il software per MacOSX costa meno di 1/3 del corrispondente per windows . Se ci aggiungi tutti i laccioli che stanno interponendo a livello hardware , un buon Imac alla faccia del suo costo elevato a livello hardware iniziale finisce inevitabilmente per essere uguamente più economico .
Se poi ti vai a guardare il costo in vetrina dei nuovi portatitili che già seguono lo standard uefi , si salvi chi può siamo sopra i 1500 euro , sia con Asus che con Acer e Samsung . Manco se le standard uefi trsformasse l' hardware in oro zecchino.
Windows 8 si installa con pochi clic di mouse ed in meno di metà tempo rispetto a windows 7 anche con la versione di sviluppo rilasciata 2 mesi fa., comunque poi è sempre il solito colabrodo rimestato , pieno di inutiliti che poi saranno utili a pochissimi utenti più onti che enti.
Evviva chi continua a regalare stupidamente i propri sudati risparmi a Microsoft. Finchè esiston polli da spennare fa bene a spennarli.

Meglio una semplicissima e leggerissima puppy linux , costo 0 , ci fai le stesse cose , l' 80% degli utenti usa il pc solo per scrivere qualche riga , e gestire la posta elettronica, chissà che cavolo se ne fa di un ammasso di gadget inutili che non userà mai.
Cita messaggio
#3
Bella analisi, Franco... precisa e corretta, che condivido appieno.[Immagine: http://www.allemoticons.com/Avatars/clap2.gif]
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#4
permettimi francofait una nota a margine sul perché macosx costi così poco....in sostanza è molto semplice....nonostante il lavoro anche per la realizzazione del macosx comporti l'organizzazione di svariati team proprio come win....ognuno che programma una parte fondamentale e ben specifica di tali os....alla fine apple non guadagna come MS dalla sua parte software non lo ha mai fatto...apple guadagna dal suo hardware....leggo spesso in giro che con l'ingresso dei macintel apple abbia perso la sua notorietà di hardware eccellente facendolo divenire un normale pc intel come tanti (non nego pure io l'amarezza nell'abbandono del ppc)....beh mi permetto di dissentire....non so quanti di voi abbiano mai aperto una macchina apple o anche normali pc portatili e non....la qualità apple esiste e si vede ad occhio...si intuisce che dietro alla parte hardware non è un mero assemblamento di vari componenti esistenti anche nella parte pc normale ma c'è una vera a propria progettazione della piastra madre e dei suoi componenti...nonché di una dissipazione spesso molto particolare che la si ritrova solamente nei pc portatili di fascia alta e che quindi costano anche quelli dai 1000 euro in su. Ma torniamo a macosx....apple sa molto bene che colui che comprerà un macosx sarà solo chi possiede già una macchina mac ergo lo farà certamente solo come sistema di update da un macosx + vecchio....tralasciamo ovviamente ora coloro che in vari modi lo installano anche su macchine pc con vari adattamenti software illegali o meno questa è una cosa puramente soggettiva...per apple è illegale...se dovessi darne io un giudizio direi di no e che nessuno può vincolarmi dal provare un qualsiasi os su una mia macchina....ovviamente apple ritiene illegale ciò solo in ambito di macchine per la produzione quindi in senso business, nel domestico dubito che gli interessi. Di conseguenza il costo relativamente basso rispetto a un win deriva anche da questo ossia che macosx è studiato solamente per un determinato hardware e quindi anche le scelte in termini di driver e di test sono molto inferiori rispetto alla moltitudine di hw da testare che invece viene sottoposto win....+ aumenti le ore lavoro e i relativi test + i costi aumentano....infine tieni anche conto che in alcuni casi l'inserimento di driver terzi e non di MS per essere inclusi si va a % nessuna azienda concede questo gratuitamente.....restando che cmq sia anche io penso che win sia troppo caro sia la home che le pro....forse i sistemi come il secure boot potrebbero anche farne calare il prezzo in vista di un hw specifico...ci avevate mai pensato?
In qualsiasi caso appoggio a pieno la teoria che un normale pc non debba essere legato a nessun os e che le due cose andrebbero maggiormente divise come scelta del compratore stesso finale....e le intromissioni di certe software house (non solo di OS ma anche di suite, antivir ecc) verso ditte che producono hw sarebbero da dichiarare illegali in violazione di una sana e naturale concorrenza commerciale....mi sono sempre chiesto xké l'antitrust americana non sia mai intervenuta in tali casi....beh forse la risposta sarebbe anche fin troppo ovvia eheh Smile

francofait Ha scritto:Meglio una semplicissima e leggerissima puppy linux , costo 0 , ci fai le stesse cose , l' 80% degli utenti usa il pc solo per scrivere qualche riga , e gestire la posta elettronica, chissà che cavolo se ne fa di un ammasso di gadget inutili che non userà mai.
pienamente d'accordo....non tanto per la puppy o sue derivate ma in generale per un linux costruito da zero con pochi orpelli diciamo solo quello che serve...idem per il fatto che l'utente medio si ritrova in mano attualmente (ma questo già da un bel po' di annetti) una macchina che spesso non ne sfrutta minimamente per intero l'hw ....spesso si compra in eccesso proprio motivando la causalità che prima o poi si useranno.....alla fine il prima o poi non arriva mai...e si è commesso uno spreco....ho visto pc datati arrivarmi in mano con alcune parti come se fossero nuove.....caso particolare chi si compra piastre madri deluxe e poi in realtà ne deve fare un utilizzo prettamente soho e quindi anche una normale di fascia bassa basterebbe....ma è difficile farlo capire anche ad amici che mi chiedono consulenza per pc nuovi spesso se comincio a la tiritera del "ma lo userai davvero quel componente??" la risposta è sempre "se mi fai prendere un coso economico poi mi si rompe subito e poi tanto prima o poi lo userò per intero"...eeeh il famoso prima o poi....infine c'è purtroppo il concetto di fascia bassa = cesso....non sempre è vero...anzi attualmente quasi mai...gli entry level esistono in un concetto proprio ben specifico che non sempre mira solo al risparmio ma anche al permettere di avere una macchina nuova senza esagerare inutilmente....e spesso la componentistica è la medesima di quelle deluxe....casi invece diversi sono quelle studiate per overclocker definite anche military-grade per ovvi motivi di stress estremi dei singoli componenti elettronici verso i limiti di temp e voltaggio per cui sono stati costruiti....ultimamente apprezzate anche dai top gamers + incalliti.

Cmq il futuro che ci attende a naso direi che sta sempre + legando la parte dell'os a quella hw tanto che attualmente chi produce solo la parte software ha acquisito società hw e viceversa....così ci si ritrova Google proprietaria della Motorola Mobility e dal prossimo anno i primi cell/pad veramente Gphone/pad....ci si ritrova MS in partnership con nokia e già vedo una acquisizione totale in tempi brevi....Apple che in sordina l'anno scorso ha acquisito una società che produce microchip e per la prima volta il suo nuovo processore A5 (in verità è una SoC) è interamente prodotto dalla mela e non in collaborazione con samsung la quale nel futuro prossimo vede un rischio mica da poco senza poter "sbirciare" i progetti apple eheh.....e infatti samsung ha avviato accordi veloci con intel eheh la quale ora si sta spostando non solo ad un'interesse hw in termini di chip ma anche verso quello software....anzi già da un paio di anni che ci prova ma senza trovare mai un partner giusto...che sia la volta buona??
Si certamente parlo di os mobile ma credetemi il futuro non è degli os desktop....già ora lo vediamo non solo con win8 ma anche con il prossimo macosx si sta cercando di unire piano piano le due parti per ottenere versioni sempre più universali di base casomai con piccole differenze extra a seconda delle occorrenze...ovviamente in tali concetti la parola d'ordine è modularità eheh infine anche i concetti di cloud e virtualizzazione si sposano meglio su sistemi modulari sia per snellezza sia per gestione specifica solo di ciò che occorre eseguire in modo mirato...i kernel saranno un tutt'uno con il sistema hypervisor e gestiranno direttamente l'hw (driver universali indipendenti dall'os finale)...gli os si collocheranno ad un livello superiore di esecuzione alle dipendenze di quest'ultimo....cosa mi ricorda sto sistema?!? ah si la struttura del caro solaris eheheh Smile in verità anche di qualche sistema della IBM per mainframe fin dagli anni 70 Exclamation .....ci sarà solo un nuovo problema...chi produrrà la parte hypervisor?? sicuramente ci saranno ampie "battaglie" e già ora si cominciano a vedere i primi "schieramenti" in campo persino di case esterne che non hanno mai prodotto OS ma solo le VM (es. VMware e Parallels in prima linea ma anche Oracle forte delle acquisizione della Sun come già detto il caro solaris e poi le xVM)...queste dette nei loro prodotti attuali usano per il proprio hypervisor una parte unix o linux a seconda....MS ha già chiarito che non ci starà in quanto il suo Hyper-V non è eseguito come molti credono sopra il win stesso ma sotto, è il win che poi è lanciato come sessioni virtuali su tale hypervisor. Di sicuro nel win8 non credo nemmeno io che questa ultima parte sarà sviluppata al 100%....probabile che ci sarà ma ancora in termini molto "soft" di poca rilevanza per il momento....linux di suo ha solo l'imbarazzo della scelta tra kvm, xen, openvz ecc ecc
Cita messaggio
#5
si può semplificare ancora di più evitando masterizzare dvd o chiavette, basta estrarre la iso in una partizione NTFS, anche logica, aggiornare il grub e potrete avviare l'installazione, ho provato copiando il contenuto del dvd di win7 sulla sda12 del mio HD interno e funziona.
Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Cita messaggio
#6
(12-02-2012, 18:27 )patel Ha scritto: si può semplificare ancora di più evitando masterizzare dvd o chiavette, basta estrarre la iso in una partizione NTFS, anche logica, aggiornare il grub e potrete avviare l'installazione, ho provato copiando il contenuto del dvd di win7 sulla sda12 del mio HD interno e funziona.

Lasciami capire , poi grub come lo aggiorni per avviare la procedura installazione windows. Questo come percorso non l' ho mai provato , per testare i rilasci iso di betatest wincagotto , se funziona chi me lo fa far di rimasterizzarlo ad ogni email di notifica che arriva da MS . Che poi arrivati in fondo è già grassa che ti mandano un' email di ringraziamento per la collaborazione e amici anzi nemici come prima , ora che è sul mercato se lo vuoi te lo compri .
Cita messaggio
#7
aggiorni il grub2 normalmente con sudo update-grub e il grub1 aggiungendo a mano il chainload, l'ho scoperto per caso seguendo un post sul forum di ubuntu http://forum.ubuntu-it.org/index.php/top...67.60.html
Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Cita messaggio
#8
(14-02-2012, 09:54 )patel Ha scritto: aggiorni il grub2 normalmente con sudo update-grub e il grub1 aggiungendo a mano il chainload, l'ho scoperto per caso seguendo un post sul forum di ubuntu http://forum.ubuntu-it.org/index.php/top...67.60.html

Funziona alla grande . Grazie mille , non si finisce mai d impararle tutte , qualcuna ne rimane sempre indietro .
Direttamente da hardisk interno è pure molto più veloce .

Cita messaggio
#9
Ormai ho eliminato completamente l'uso dei dvd, le iso sono tutte ibride, quelle inferiori a 1 Gb le metto su chiavetta con dd, quelle più ingombranti le metto su un vecchio HD da 4 Gb sempre con dd, mancava all'appello windows ed ora non più.
Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)