Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
multiboot gestito con EasyBCD
#1
Buonasera a tutti.
Seguendo i consigli di vari membri dello staff del Majorana, ed in particolare di BAT, cher spero vivamente sia in ascolto, piu' di un anno fa ho costruito il mio Pc su un trialboot  XP-Win7-Linux e funziona benissimo, gestito da EasyBCD. Ogni volta che ho installato una nuova distro l'ho messa nella partizione Linux, sostituendo quella precedente, leva una metti l'altra, come dice Camilleri. Adesso da un po' sto con Mint13, che vorrei mantenere, Pero' siccome vorrei provare altre distro, (che volete farci, la curiosita' e' insaziabile), penso di dimezzare la partizione Linux che e' di 30 GB, per far posto ad un'altra distro, da provare.
La domanda e': che succedera' con il bootloader?
Chiaramente quello del 2° Linux lo dovro' mettere sulla root della nuova partizione da creare in cui lo andro' ad installare. Ma per quanto riguarda Easy BCD, lo dovro' aggiornare con una nuova voce dopo la nuova installazione, ma non e' che posso avere delle sorprese, e non poter piu' avviare Xp/Win7? In altri termini il Grub di Linux2, andra' ad interferire col normale funzionamento di EasyBCD, impedendomi l'avvio dei SO Windows?
Consideratemi pure un fifone, ma se vado con i piedi di piombo e' perche' ho passato troppo tempo a rimettere a posto i casini che avevo fatto, complici la fretta e l'ignoranza.
Greazie in anticipo
 

 

 
Cita messaggio
#2
Casualmente sono in ascolto.
Se durante le installazioni di Linux hai cura di installare il relativo Grub nella partizione di root della distribuzione non dovresti aver problemi a continuare a gestire tutto con EasyBCD. Personalmente l'unico piccolo fastidio che ho avuto è ricreare le voci nel menu multiplo di EasyBCD.
Preciso meglio; avevo installato Fedora 19, quando sono passato alla 20 ho dovuto prima cancellare la vecchia voce in EasyBCD per Fedora 19 e poi inserire quella nuova per Fedora 20. Stessa cosa se reinstalli anche la stessa distribuzione sulla stessa partizione.
E dovrebbe essere la stessa cosa anche quandi cambi la dimensione delle partizioni, per esempio se ne crei altre modificando (a seguito di ridimensionamenti o spostamenti) quelle preesistenti.
In pratica devi ricreare il menu di EasyBCD per tutte quelle voci che per qualche motivo non fanno più avviare uno dei sistemi installati (prima cancelli le voci "vecchie" e poi ricrei le nuove).
Ci sono altri 2 dettagli di cui mi sono accorto durante le prove:
  1. non cancellare mai la cartella NST che EasyBCD crea nella partizione dove si trova Windows; se lo fai devi ricreare da zero le voci di menu, perché Linux non parte;
  2. devi stare attento a quale versione di Grub viene richiesta dalla singola distribuzione; per esempio Fedora richiede Grub2, per cui quando aggiungi la voce devi indicare in EasyBCD che gli occorre Grub2 e poi selezionare l'opzione che gli permette di rilevare automaticamente la partizione root dell'installazione; per cui immagino che se una distribuzione invece richiede Grub1 dovrai indicare semplicemente Grub
Detto questo non penso che avrai problemi.
Se Win7 non dovesse ripartire è sufficiente che imposti come primaria bootable la partizione dove è installato (o la mini-partizione da 100 MB se hai quella configurazion disco) e poi ripristini il MBR di Win7 partendo dal CD di installazione; a quel punto Win7 parte per forza, basta einstallare EasyBCD e ricreae le voci di multiboot. Se non tocchi la partizione di Win7 (non spostarla e non togliere il flag boot) è impossibile che non parta.
Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Cita messaggio
#3
Bentrovato BAT, e' un piacere riparlarti.
Io veramente non ho avuto mai problemi con EasyBCD.
Ho installato varie volte un'altra distro sulla stessa partizione della precedente: una volta fatto attenzione a mettere grub nella root, tutto e' filato liscio: Non ho neanche dovuto aggiornare le voci. Non ho mai toccato le partizioni, pero', anche perche' questo Windows l'avrebbe rilevato, credo. Voglio dire: e' vero che si tratta di modifica dell'ext4, pero' ultimamente anche XP in gestione disco rileva la partizione ext4 e lo swap, sia pure dichiarandole sconosciute, cosa che prima non faceva, non come ora.
Addirittura devo essermi sbagliato quando ho aggiornato la voce ultimamente, dopo l'installazione della Mint: non sapevo che Mint usa il Grub 2, e questo e' quanto ora mi dice a proposito di Linux EasyBCD:
Entry #3
Nome: Linux Mint
BCD ID: {23e57d9c-b3d3-11e2-84f5-0000000001f8}
Drive: C:\
Percorso del gestore di boot: \NST\AutoNeoGrub1.mbr
Come vedi l'indirizzo punta a Grub1, ma tutto funziona.
Inoltre ultimamente ho  reinstallato EasyBCD per errore, credendo di aggiornarlo. Tutto OK, senza editare niente.
Per quanto riguarda le cartelle che dici, mi sono ben guardato dal toccarle, anzi per essere piu' sicuro e per averlo sempre sotto mano ho installato EasyBCD anche in XP, oltre, e' ovvio, che in Win7.
Anch'io penso che non avro' problemi, ma  il tuo parere mi conforta.
Mi chiedo solamente: dopo l'installazione di Linux2 nella nuova partizione ricavata da quella attuale, ed utilizzando la stessa swap di ora, con grub in root, DEVO per forza aggiungere in EasyBCD una nuova voce per Linux2? A naso mi sembra ovvio, senno' il PC come fa a sapere del nuovo Linux? A meno che il nuovo grub non vada a toccare il MBR dell'HD avviabile. Ma mi sembra di capire che anche tu lo escludi, o no?

 

 

 

 
Cita messaggio
#4
Se ormai sei preso dall'infatuazione per Linux ti conviene abbandonare EasyBcd e passare al grub tenendo una distro principale fissa
Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Cita messaggio
#5
(14-02-2014, 09:36 )'patel' Ha scritto: Se ormai sei preso dall'infatuazione per Linux ti conviene abbandonare EasyBcd e passare al grub tenendo una distro principale fissa



 
Non e' un '"infatuazione". Il mio interesse nasce da una circostanza precisa, cioe' la fine al supporto a XP: 8/4/2014. Per cui ho ancora 2 mesi per far funzionare bene Linux. Al momento ho problemi con i drivers della scheda video, tralasciando quelli minori con la scheda tv e lo scanner. Pertanto sono orientato a questa soluzione: congelare XP disconnettendolo dalla rete; Usare Win7 quale "sostituto provvisorio" cioe' laddove me lo permette, usare i programmi installati in Xp, tenendolo al minimo, evitando di caricarlo di nuovi programi, altrimenti il PC si pianta dato che e' un po' "anziano"; e nel frattempo preparare una migrazione definitiva a Linux. A quel punto naturalmente mettero' in pratica il tuo consiglio, magari usando GAG, di cui  dxgiusti dice un gran bene. Ora come ora mi attira Mint, ma vorrei provare altre distro, ed altri DE, dato che Mate, Kde e gnome funzionano bene, Cinnamono e Xfce no. Ma questo ci porta fuori tema.

Poi c'e naturalmente molta curiosita' per Linux, ma anche tanta difficolta', perche' Linux non e' per niente semplice, se non ti accontenti di usare due applicativi, che so, calcolo e internet, come si fa in ambiente ufficio. Ma se devi solo fare due cose, qualsiasi sistema va bene.

 

 
Cita messaggio
#6
EasyBCD non è progettato per Windows XP; se hai potuto installarlo è solo perché durante l'installazione ha trovato dei file di sistema di Windows 7 (è un hack documentato); se però lo installi su un PC che ha solo XP ma non Win7/Vista EasyBCD non funziona. Dato che non vuoi/puoi usare Win7 come sistema principale concordo con Patel, forse faresti bene a studiarti grub e ad imparare a configurarlo, non credo ti convenga mantenere un intero sistema operativo come Win7 solo per usare EasyBCD. Lascerei perdere pure GAG, non perché non funzioni ma perché non è stato più aggiornato.
Il mio blog: http://zerozerocent.blogspot.it/
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Cita messaggio
#7
(14-02-2014, 12:18 )'BAT' Ha scritto:  faresti bene a studiarti grub e ad imparare a configurarlo


 
Che bisogno c'e di studiare Grub, non c'e Grub customize che funziona benissimo?



 

 
Cita messaggio
#8
funziona benissimo fino a che riesci ad avviarlo, ma se capita qualche problema è bene conoscere come funziona il grub e magari anche supergrub o rescatux.
Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Cita messaggio
#9
(14-02-2014, 17:50 )'patel' Ha scritto: funziona benissimo fino a che riesci ad avviarlo, ma se capita qualche problema è bene conoscere come funziona il grub e magari anche supergrub o rescatux.


 
Si, certo. Ma nella mia cassetta degli attrezzi c'e' gia' rescatux, che ' estremamente semplice, se ricordo bene.
Un'ultima cosa, scusa se abuso della tua pazienza: quando andro' a eliminare EasyBcd e sostituirlo con Grub, avendo deciso di fare di Linux il SO principale, penso che bastera' mettere  Grub all'inizio dell'HD di avvio, nel MBR, sovrascrivendo BCD, sempre usando Grub customize. O c'e qualche altra precauzione da prendere?


 

 
Cita messaggio
#10
onestamente non so se grub customizer ti permette la reinstallazione di grub (sicuramente lo fa rescatux ma se il sistema linux è già installato); se stai installando linux ex-novo, troverai l'opzione nell'installer, generalmente nella stessa maschera del partizionamento (di solito se hai solo un disco è /dev/sda); se invece linux è già installato, avvialo, apri il terminale e digita:
sudo grub-install /dev/sda
dove sda è il disco (se hai più dischi, stai attento a scegliere quello corretto); poi con
sudo update-grub
dovrebbe aggiornarsi e rilevare (se non già fatto) gli altri s.o. presenti nel pc.

ciao
 Trasferito sul Nuovo Forum [img]images/smilies/blush.gif[/img]
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)