Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
partizionamento dinamico
#1
Capitano spesso segnalazioni di utenti windows che non riescono ad installare distro linux ed allegano schermate di gestione disco con la scritta dinamico.
C'è una soluzione ?
Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Cita messaggio
#2
(19-12-2011, 08:56 )patel Ha scritto: Capitano spesso segnalazioni di utenti windows che non riescono ad installare distro linux ed allegano schermate di gestione disco con la scritta dinamico.
C'è una soluzione ?

Bisogna convertire i dischi dinamici in Basic Disk.
Per farlo so si può usare Partition Wizard di Windows o EaseUS Partition Master (ci saranno sicuramente anche altri strumenti), e comunque solo laddove si tratti di volumi semplici (simple volume - un solo disco fisico).
Tipicamente i dischi dinamici sono utilizzati in configurazioni server, dove vengono creati volumi (virtuali) di dischi "costruiti" con diversi hd (fisici).
Nei personal computer non hanno gran senso, almeno se non vuoi rompere le scatole a chi deve "lavorare" sulle partizioni: chissà perché?

Bye
Token
Cita messaggio
#3
hai detto bene, si tratta proprio di rompere le scatole a chi deve "lavorare" sulle partizioni, certamente chi compra un pc con win preinstallato avrà un certo timore a effettuare la conversione e quindi viene dissuaso a provare altri sistemi operativi.
Un titolo ben azzeccato attira l'attenzione degli esperti in quel campo, fa risparmiare tempo a voi, aumenta la probabilità di successo.
Cita messaggio
#4
Quoto la vostra opinione. C'è dietro una volontà di render -se si può farlo senza farsi troppo notare- più difficile la vita a chi vuole sperimentare GNU/Linux o BSD...
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#5
E sì il mio mio pc ha il disco dinamico gestito da window, veramente rognoso senza considerare che ha già 4 partizione primarie.che se si tenta di eliminarle da gestione disco
in realtà non si eliminano,si comportano come un elastico, per risolvere il problema avevo usato gparted eliminando la partizione recovery,dopo averla salvata
su dvd,poi la partizione di window in prima battuta l'avevo ridotta con gestione disco, solo dopo ho ridotto ancora la partizione di window con gparted ,perchè da gestione disco di window più di tanto non si può, tutto lo spazio ricavato unito al ex partizione recovery fatto diventare partizione estesa,
ovviamente ad ogni passaggio di riduzione ho eseguito il defrag ed eseguito lo scandisk approfondito.Queste operazioni le avevo fatte su diversi pc di amici e parenti.Certamente è un metodo forse non ortodosso e macchinoso , ma quando avevo affrontato il problema ancora il "disco dinamico" era completamente sconosciuto sui forum, non conoscendo e non avendo i mezzi indicati da Token senza dubbio quelli tecnicamente più ottimali e perfetti da seguire,avevo cmq risolto il problema del disco dinamico, nonostante come giustamente a suo tempo mi fece osservare Monsee e Patel che nella manualistica vengono indicati alcuni casi
di problematiche di gparted con le partizioni in ntfs.
Bilodiego

Cita messaggio
#6
Chiedo scusa ma vorrei rivolgermi a Bilodiego però la richiesta può interessare molti altri. Dal tuo messaggio mi pare di capire che sono nella tua stessa situazione,con un partizionamento dinamico e con 4 partizioni primarie.Siccome vorrei caricare Ubuntu,potresti dettagliare la procedura? Te ne sarei molto grato.
Cita messaggio
#7
In attesa della risposta di Diego, ti posso dir che le cose sono essenzialmente 2.

1) hai un partizionamento "dinamico" (un Disco "dinamico", insomma): puoi convertirlo in "basico" usando programmi come EASEUS Partition Master o anche Partition Wizard (come, peraltro, giustamente indicato dal buon Token); dopo di che, si passa al "punto 2";
2) hai un Disco "basico", ma con già presenti ben 4 Partizioni Primarie. in questo caso le cose sono 2: o trasformi in Partizione Logica una delle Partizioni Primarie che hai (quella più grande, ovviamente!... che sarà, presumibilmente, anche quella che contiene effettivamente Windows [le altre son -probabilmente- la Partizione che serve ad avviare Windows... che è sui 100 Mb, la Partizione di Recovery e un'altra Partizione che non so immaginar precisamente, ma che potremmo provare a indovinare se tu postassi l'immagine del tuo HD presa dalla finestra di GParted "live")... L'alternativa è quella di "backuppare" una Partizione e poi eliminarla (per creare, al posto suo, una Partizione Logica). Le Partizioni Logiche son analoghe a quelle Primarie, ma stanno "immerse" dentro a una Partizione Estesa. Ciò garantisce che il BIOS, che computa solo la Partizione Estesa, valuti le Partizioni Logiche, ai fini di conteggio, come se fossero un'unica Partizione. insomma: una volta creata una Partizione Logica, puoi ricavare al suo interno diverse Partizioni [ad esempio: la Partizione in cui installare UBUNTU e quella nella quale creare la SWAP indispensabile da UBUNTU]).
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#8
Anch'io ho avuto delle lievi difficoltà sulla prima installazione di ubuntu, con mio netbook in dual boot con windows 7 starter.
Ci capisco poco di partizioni, e quando ho creato la partizione per linux usando eaesus partition manager non mi era possibile crearla perchè c'erano troppe unità primarie, tra recovery windows e dati, ho dovuto convertire la partizioni dati in logica, ma temevo la perdita dei dati, documentandomi però non c'era da preoccuparsi, magari qualcuno potrebbe correggermi ma funziona tutto a meraviglia Smile
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)