Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum2 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy

Questo Forum1 è in sola lettura -- Usa il Forum2


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
sicurezza dei dati
#1
salve a tutti,
mi è venuta in mente una cosa sulla protezione dei dati sui pc:
che senso ha mettere una password sui pc se poi basta inserire in live un DVD di ubuntu per aver accesso a tutti i dati contenuti su di esso?

ok, non tutti lo sanno, ma uno studio legale (ad esempio) che non vuole far accedere nessuno non autorizzato come può fare?
il malitenzionato mette linux, copia tutto e sparisce.

c'è un modo per impedire l'accesso ai dati sul proprio pc da parte di un DVD di linux?
Cita messaggio
#2
Se utilizzi dei sistemi per nascondere file e cartelle (sotto Windows) allora hai ragione. Ma se i dati vengono criptati (con una buona password), allora la cosa cambia e non risuscirari a leggere nulla, neppure con Linux. Ovvero potrai leggere egualmente ma cose senza senso (geroglifici):

http://www.istitutomajorana.it/index.php...&Itemid=33
Cita messaggio
#3
Concordo, utilizzare un software per criptare i dati protetto da una buona password (per favore evitate le date e i nomi dei vostri familiari!) è l'unico metodo per stare sereni. Bye
 Trasferito sul Nuovo Forum [img]images/smilies/blush.gif[/img]
Cita messaggio
#4
(01-10-2011, 14:00 )pusta Ha scritto: salve a tutti,
mi è venuta in mente una cosa sulla protezione dei dati sui pc:
che senso ha mettere una password sui pc se poi basta inserire in live un DVD di ubuntu per aver accesso a tutti i dati contenuti su di esso?
ok, non tutti lo sanno, ma uno studio legale (ad esempio) che non vuole far accedere nessuno non autorizzato come può fare?
il malitenzionato mette linux, copia tutto e sparisce.
c'è un modo per impedire l'accesso ai dati sul proprio pc da parte di un DVD di linux?

Si possono adottare i sistemi propri del software in uso, se ne dispone.
Si possono criptare singoli file, directory o intere partizioni (da escludere quelle di sistema o con programmi a causa del degrado delle prestazioni).
Si possono creare dischi virtuali criptati (es. con Truecrypt anche nascosti in altri dischi virtuali).
Si può banalmente evitare di far fare il boot da CD/DVD/USB/RETE ed utilizzare una password per l'accesso al BIOS.

Dipende dal grado di "pericolo" che si ha, fermo restando che se c'è accesso fisico al computer da parte di terzi, quello è un computer intrinsecamente non sicuro.

Bye
Token
Cita messaggio
#5
Con l'avvertenza che mettere la password al bios potrebbe non essere sufficiente a fermare un utente "smaliziato"...
 Trasferito sul Nuovo Forum [img]images/smilies/blush.gif[/img]
Cita messaggio
#6
Oltretutto, c'è anche la possibilità (fra le tante offerte a chi vuol "leggere" un HD) di estrarre l'HD in questione dal computer e poi collegarlo ad un altro PC (via USB, per esempio).
E, comunque, la Forensica (in campo informatico, intendo) ha fatto proprio passi da gigante (essenzialmente, grazio e GNU/Linux e a BSD)... e c'è da tener conto, qualunque metodo si usi per proteggere i propri dati, che se riescono a "mettere le mani" (materialmente) sull'HD, potran sempre trovare la maniera di accedere alla gran maggioranza del dati...
Io penso che la migliore maniera di impedir altri che possano "leggere" i dati del nostro PC consista nell'evitare che possano metterci sopra le mani (innanzitutto). Poi, è anche vero che esiston molte strategie possibili che posson consentire a dei malintenzionati di entrar nel nostro PC anche "a distanza", ma -qui- anche chi cerca di difendersi ha qualche possibilità di "salvare la ghirba": innanzitutto, impostando bene il proprio Firewall, installando gli opportuni programmi anti-malwares (malwares inteso in generale, ossia: keylogger, virus , rootkits, spywares, worms, etc...) e SOPRATTUTTO effettuando un completo backup del proprio Sistema (ossia, creandosi una immagine-di-backup -quando si è ancora ben certi che il proprio Sistema è "pulito"- ripristinabile in caso di necessità) e tenendo sempre un comportamento assai prudente ed accorto nell'uso del proprio PC.
In questo "comportamento accorto" rientra anche la scelta di quale Sistema operativo utilizzare.
Non penso vi sian dubbi che utilizzar GNU/Linux sia assai più sicuro cdi quel che è utilizzare Windows. Risulta che anche il Macintosh sia un SO più "sicuro" (parlando in generale) di quel che non è Windows.
Altro Sistema Operativo assai sicuro è BSD (nelle sue varie "confezioni"): il Sistema operativo che mi consta abbia offerto, sino ad oggi, meno BUGs è proprio OpenBSD (due soli BUGs al suo passivo, in tutta quanta la sua storia)...
Dunque, anche se NON si potrà mai aver certezza di essere "al sicuro", ci si può organizzare in modo tale da migliorar (anche di molto!) le proprie possibilità di uscire indenni (o quasi) dai principali tipi di attacco...
[Immagine: http://www.pic4ever.com/images/2mpe5id.gif]Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che ad un errore di stampa.(Andy Wahrol)
Cita messaggio
#7
quindi i programmi di sicurezza continuano a funzionare?
appena posso ci provo.. Smile

ma il mio discorso era molto + ampio.. sapete bene la capacità informatica di molti professionisti: non sanno quasi nulla di pc
e alcuni non credono ancora negli antivirus! per fregarli basta semplicemente un dischetto di linux (avendo ovviamente la possibilità di usare il pc).
pensavo che la sicurezza di base fosse più efficace..
Cita messaggio
#8
Un PC è sicuro al 98% solo se si trova nella seguente situazione:
- Spento;
- Non alimentato dalla rete elettrica;
- Disconnesso dalla linea telefonica;
- Senza scheda wireless;
- Coperto da una gabbia di Faraday;
- Situato in un bunker ermeticamente chiuso situato nel mezzo di un deserto.

Sembra ironia ma, invece, è la realtà dei fatti. Smile
Ogni fallimento avvicina sempre più alla meta... Arrendersi subito equivale a non provare affatto.

Il bisogno di conoscere e scoprire, è la fiamma che alimenta la fornace che è il cervello umano.
Cita messaggio
#9
Ed il Bunker antiatomico, lo hai dimenticato? Sad
Cita messaggio
#10
(03-10-2011, 17:11 )Antonio_Cantaro Ha scritto: Ed il Bunker antiatomico, lo hai dimenticato? Sad

Non serve, basta metterlo nel tunnel Mariastella tra Ginevra ed il Gran Sasso.Shy

Bye
Token
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)