SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
A cosa servono tutti questi core ?
#11
(11-11-2015,20:50 )max deal Ha scritto: Sono curioso qual'è questa funzione Blackstar? Undecided
Anch'io sono praticamente ignorante per quanto riguarda gli smartphone.

Purtroppo per ignoranza non so esattamente come si chiami...
Comunque nella versione standard di Android ci sono 3 tasti sul bordo inferiore dello schermo. Se tocchi quello a destra ti mostra le ultime applicazione che hai usato. Trascinando una per una queste app verso il bordo dello schermo le puoi chiudere definitivamente.

I Samsung (o alcumeno qualche Samsung che ho visto) hanno una gestione più potente che ti permette di eliminare tutte le app aperte in un colpo solo.
Cita messaggio
Grazie da:
#12
(11-11-2015,20:53 )Teo Ha scritto: Quindi la batteria dovrebbe durare di più chiudendo le app con questa funzione !?
...

Anche iOS e windowsphone sono così "affamati" ?

Un po' di autonomia si guadagna ma è molto più efficace disattivare completamente le app che non usi e disattivare le funzioni che consumano si più come il Wi-Fi, il BT o il GPS.

su iOS e Windows Phone non mi pronuncio Smile Al massimo posso parlarti di Firefox OS hehehe
Cita messaggio
Grazie da:
#13
scusate,non sono esperto ma da quel poco che so basta disattivare la funzione dati (quando non si ritiene indispensabile) e si risparmia un sacco di autonomia di carica;
saluti
gian
Cita messaggio
Grazie da:
#14
Ciao a tutti,
su hardware, durata della batteria e ottimizzazione ci sono fiumi di opinioni, io banalmente penso che 2GB è meglio di 1GB Smile
Credo inoltre che la gestione della ram da parte del sistema android sia progressivamente diventata sempre più efficiente, tanto da rendere inutili i task killer che all'inizio erano molto usati.
Poi, come ha detto Blackstar, tenendo premuto il pulsante dx (il menu, ma può variare a seconda del produttore) si apre la "overview screen", una schermata panoramica che mostra le apps usate di recente che possono essere richiamate con un tap o chiuse facendole scorrere.
Si può anche agire da "impostazioni - gestione applicazioni - in uso" che mostra le app in uso con i relativi processi, servizi e memoria usata, e consente di interromperne l'esecuzione.
Per chi ha il cel rootato e vuole un controllo più capillare ci sono poi app tipo my android tools .
Chi ha il root può anche rimuovere le google apps che non gli garbano.
In alternativa si possono disattivare sempre da "impostazioni - gestione applicazioni - tutte" tappando su termina poi cancella dati, disinstalla aggiornamenti e infine disattiva.
Ma è opportuno sapere che non tutto si può disinstallare/disattivare senza qualche effetto collaterale.
Ciao a tutti
just my two cents
Cita messaggio
Grazie da: Teo , Teo
#15
(11-11-2015,18:32 )Teo Ha scritto: Ciao amici,
da completo ignorante in materia smartphone,  mi rivolgo a chi ne sa di più di me ( tutti direi )
Leggo su vari siti le caratteristiche tecniche di alcuni smartphone e in molti trovo tra le caratteristiche "quad core" e alcuni addirittura "octa core"
Ora le mie domande sono due:
- Davvero sono necessari dei processori quad-core o octa-core su di uno smartphone ?
- Serve davvero più di 1 Gb di RAM su un cell. ? A me già 1 Gb mi sembra esagerato ma come ho già detto, in campo smartphone non ne so nulla.
Grazie Smile
Per quanto concerne le tue domande, ti chi ha risposto prima di me ha già scritto tutto quello che ti avrei saputo scrivere io, quindi non aggiungo altro.
Faccio invece notare che, un altro parametro da tenere in grande considerazione quando si acquista uno smartphone, è la memoria interna.
Non so se su questo argomento non hai chiesto nulla perché sai già quello che ti serve sapere, o perché non hai idea di quanto sia importante questo parametro, ma, visto che tu stesso ti definisci un completo ignorante in materia smartphone, credo sia opportuno scrivere qualcosa su questo argomento, anche se non richiesto.

La memoria interna, è la memoria su cui vengono installate le applicazioni e salvati i dati sullo smartphone, e viene utilizzata dalle applicazioni per il semplice fatto che esistono, e sono installate, quindi qualsiasi applicazione installata (compreso quelle installate ma temporaneamente non in uso) occupa memoria interna,
La maggior parte degli smartphone consente l'uso di una memoria esterna aggiuntiva su cui memorizzare dati e foto, ma sono pochissime le applicazioni che possono essere trasferite sulla memoria esterna, quindi se acquisti uno smartphone con poca memoria interna (magari pensando di poter aggiungere memoria esterna in un secondo tempo), potresti trovarti con uno smartphone con la memoria esterna semivuota, e la memoria interna così piena da non poter più né eseguire gli aggiornamenti, né scaricare altre applicazioni.
È possibile aggiungere memoria esterna inserendo schede MiniSD nell'apposito slot. ATTENZIONE. Anche se così facendo le schede di memoria aggiuntiva vengono collocate all'interno dello smartphone, sempre di memoria esterna si tratta. Per un utente, è praticamente impossibile aumentare la memoria interna di uno smartphone.
Saluto.
Sargonsei.
Linux: PCLinuxOS + OpenSUSE + Ubuntu + Linux Mint + Fedora
Smartphone: Alcatel PIXI4 +tablet AMTC MD7305 (Android 4.1) +tablet SurfTab® wintron 7.0 (Windows™ 10©)
http://sargonsei.altervista.org/hardware...r-fisso-2/
Cita messaggio
Grazie da: Teo
#16
Grazie per l'approfondimento, in effetti da ignorante in materia ignoravo la questione memoria interna che invece, da come hai spiegato, risulta essere fondamentale. Smile
[Immagine: http://i61.tinypic.com/migwsz.jpg]  [Immagine: http://i65.tinypic.com/2rp9u80.jpgGrazie al cielo esiste Linux
Cita messaggio
Grazie da:
#17
Concordo su quanto è già stato scritto aggiungendo degli accorgimenti elementari che spesso si trascurano, e con il lungo andare rallentano le prestazioni del telefono.

Si tratta di avere un pò di accortezza e oculatezza su cosa si installa, prima di installare un applicazione sarebbe opportuno verificare tramite i vari feedback, alcune app hanno la cattiva abitudine di assorbire molta memoria e di essere sempre in background anche quando non la si usa.

Come ho ripetuto in altre occasioni, se hai un hardware con risorse limitate è indispensabile scegliere le app più leggere, che non fanno uso di una maggiore frequenza della cpu, tipo giochi con bella grafica etc, ad esempio (mattone facebook ufficiale), al suo posto è sempre meglio usare un browser, rinunciando però alle notifiche e la condivisione diretta cliccando sulla foto.

Per chi invece ha necessità di spostare le applicazioni sulla scheda sd esterna del telefono, sarebbe consigliabile munirsi di una sd di almeno classe 10 o superiore, per una maggior velocità di lettura della scheda, migliorando cosi le prestazioni esecutive delle app stesse.

Un ultima cosa, chiudere la connessione per bloccare le app in background va anche bene, ma è in contraddittorio e controproducente per l'uso stesso dello smartphone, uno strumento creato apposta per stare connesso alla rete, per riceve informazioni, notifiche e tutto quanto,
sono delle potenzialità che non devono essere limitate, altrimenti compratevi un motorola 8770 Cool

Per telefoni di ultima generazione il problema non si pone, ma per limitare un uso eccessivo di batteria, oltre ai buoni consigli già elencati, sarebbe opportuno mettere solo le applicazioni di cui si necessita, senza imbottire il telefono di applicativi inutili, poichè ti accorgi che la durata della batteria sarà sempre più breve rispetto a quando lo avevi allo stato di fabbrica.
Se vuoi vedere cosa che non hai mai visto devi fare cose che non hai mai fatto.
Cita messaggio
Grazie da: Teo
#18
@ Teo.
Mi associo alle precedenti risposte e ti posso esporre ciò che mi consente l'esperienza d'uso e la vendita degli apparecchi nella GdO (secondo lavoro, i soldini non bastano mai!). Per quanto concerne i "core", se sulla carta promettono tanto non è sempre scontato che nella pratica un octa-core funzioni meglio di un quad-core ben ottimizzato. Come ti è già stato fatto notare, insieme al tipo di processore vanno incrociate più variabili come la quantità di RAM e la frequenza di clock. Inoltre, Android gestisce la RAM in maniere particolare (ulteriori guide e dettagli tecnici li trovi sul forum Androidiani). Di sotto estremizzerò molto i concetti e farò solo esempi semplici. Ciò non significa che non ne sappia di più, solo voglio farti capire alcune cose e rispondere alla tua domanda.
....
Per fare un esempio semplice: uno smartphone/tablet possiede un processore quad-core con 1 solo GB di RAM, con frequenza 1,3 Ghz.
Se non ci devi giocare con effetti 3D, accelerazioni grafiche particolari e ti limti ad un uso standard, non noterai differenze rispetto ai top gamma.
Altra variabile è la velocità del clock di sistema, più è alta e più veloce girerà tutto il O.S.
Il numero di core è spesso utilizzato per esaltare la fluidità del sistema (concetto complesso nella user experience), cioé più potenza di calcolo chiedo e più core accendo, meno ne chiedo e meno core lavorano. Tutto ciò a beneficio della batteria e dei problemi di surriscaldamento dell'apparecchio.
Per fare un esempio semplice, è come se in un motore da auto a 8 cilindri (cosa già prodotta da anni tramite sistemi idraulici_ mio padre ha lavorato per il gruppo Fiat come tecnico), tu hai la possibilità di accenderne solo 4 per girare nel traffico, 6 per percorsi autostradali, 8 quando giri in pista.
Per fare un ultimo esempio pratico, possiedo uno smartphone Android ben ottimizzato dal costruttore di fascia medio-bassa (1 Gb RAM - 1,3 Ghz clock - Quad-core - 1750 Mah batteria) ed ho disattivato (Android 4.0 e successivi lo permettono) le apps che non mi servono (come ti han già detto gli altri).
Nell'uso normale la fluidità e reattività del device è identica ad un top di gamma di un mio amico (2 GB ram - Octa-core - 1,3 Ghz - 2300 Mah batteria) e la durata della batteria é identica (giornata intera con 30/40% residuo). Quando si usano giochi pesanti le differenze emergono ovviamente.
-----------
Per quanto riguarda la RAM. Android gestisce il multi-tasking in modo "smart", cioé frizza (congela) le apps non visualizzate a schermo e tiene in background solo quelle audio (Musica, Radio) o di navigazione. La maggior parte dei produttori ottimizzano i devices con sistemi di risparmio energetico integrati, anche quelli che non sembrano avere la funzione in realtà ce l'hanno automatica (gestibile con widget stock).
WinPhone (Store in crescita ma ancora scarsino) ed iOS (Store fornito ma "chiuso" rispetto al Play Store di Android) si comportano in modo simile, con la differenza che non hanno il problema della frammentazione hardware, quindi ogni dispositivo avrà specifiche carattristiche in modo tale da garantire sempre la massima efficienza col minor numero di risorse. Uno sviluppatore di iOs con cui ho parlato recentemente mi ha detto che il sistema ottimizzato per il lancio del dispositivo è quello che garantisce le migliori performances. Il fatto di poter aggiornare iOs a versioni successive è più una questione di immagine che di migliorie sostanziali (che spesso non ci sono o sono peggiorative!) e rientra nei programmi di obsolescenza programmata della casa costruttrice. Un mio conoscente ha un iPhone 4S con iOs 6 e funziona come una scheggia, la batteria dura e tutti i sensori vanno a meraviglia.
Android invece lo trovi installato su vari tipi di hardware ed i costruttori non hanno le stesse accortezze nello sviluppo ed ottimizzazione.
Ottimizzare non significa aggiornare a tutti i costi! Ad es. nel mio smartphone uso Android 4.2.1 e non mi sognerei mai di forzare l'aggiornamento con versioni non originali dell'O.S., il dispositivo è reattivo ed affidabile, non scalda e non divora la batteria, tutti i sensori funzionano e mi tengo la sua affidabilità.
In certi top-gamma, i costruttori promettono ed a volte mantengono un supporto che aggiorna a versioni successive dell'O.S. I forum sono pieni di posts disperati dei possessori di iOs e Android aggiornati con poche ottimizzazioni...
....
Per quanto riguarda lo schermo, non è sempre vero che più è grande e meno dura la batteria. Rientriamo sempre nel discorso delle ottimizzazioni. Se il mio sistema non è ottimizzato ed il sensore di luminosità o di prossimità funzionano male, il mio display si illuminerà di più del necessario limitando l'autonomia. Ormai i display dei devices dalla gamma media in su, sono tutti HD ed usano la tecnologia led con varie ottimizzazioni. Ormai la tecnologia è tale che difficilmente l'occhio umano noterà differenze enormi fra uno schermo o un'altro, certo la parte da leone la fa come al solito l'ottimizzazione del sistema che gestisce il display (a volte troppo contrasto, altre volte sbiadito, ma dipende spesso dall'O.S. e non dall'hardware).
Cita messaggio
Grazie da: bilodiego , Teo , Teo
#19
Dimenticavo... spesso l'hardware viene solo assemblato dalle case costruttrici (che sarebbe meglio chiamare assemblatrici). Grazie all'ottimizzazione del sistema succitata, a parità di fornitore si ottengono risultati molto diversi sullo stesso hardware.
Cita messaggio
Grazie da:
#20
(12-11-2015,11:14 )gianpv Ha scritto: ... il sistema ottimizzato per il lancio del dispositivo è quello che garantisce le migliori performances. Il fatto di poter aggiornare iOs a versioni successive è più una questione di immagine che di migliorie sostanziali (che spesso non ci sono o sono peggiorative!) e rientra nei programmi di obsolescenza programmata della casa costruttrice. ---
Questa non la sapevo!
Quindi, da questo punto di vista, Android assomiglia più a Windows® che a Linux?
Linux: PCLinuxOS + OpenSUSE + Ubuntu + Linux Mint + Fedora
Smartphone: Alcatel PIXI4 +tablet AMTC MD7305 (Android 4.1) +tablet SurfTab® wintron 7.0 (Windows™ 10©)
http://sargonsei.altervista.org/hardware...r-fisso-2/
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: