Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
ALT Linux rescue version
#1
Volevo segnalare una rescue live molto interessante che sto testando, a distanza di tempo, in questi giorni: appartiene ad un progetto molto più ampio, ALT Linux, nato in Russia e che risale al lontano 2001 ma che si aggiorna costantemente e secondo me ha raggiunto livelli ottimi...

In particolare, tra le varie versioni proposte dal sito, esiste una "rescue" tutta da riga di comando, molto ricca di strumenti e che, cosa non trascurabile ed anzi importante, nella versione a 64 bit è compatibile col secure boot.
Esiste anche una versione a 32 bit che può essere usata su pc più datati col "vecchio" BIOS.

Chiaro, anche Clonezilla da terminale diventa una rescue con tanti tools come testdisk, ddrescue etc... E così altre live di questo genere... Ma trovo che la versione proposta da ALT Linux sia davvero interessante in quanto presenta alcune particolarità che non si trovano altrove.

Soprattutto per chi ama il minimalismo e la riga di comando senza fronzoli. Altrettanto chiaro è che, se avete bisogno di Gparted, dovete rivolgervi ad altre distro: a parte (ovviamente) Gparted Live, il mio consiglio è di usare System Rescue CD, per me la migliore live che combina CLI e GUI in modo ottimale ed è costantemente aggiornata. Non ha compatibilità con secure boot, ma resta una grande distro.

Tornando ad ALT, la live, facendo riferimento al boot da BIOS e non UEFI, si presenta senza nient'altro che la shell, mentre dal menu principale si può scegliere tra diverse opzioni tra cui una forense, che in pratica monta già i dischi in read only automaticamente.

Alcuni nei o, meglio, dettagli a cui porre attenzione: tra le opzioni c'è un comando che non ho ancora potuto testare: fixmbr, una sorta di script che richiede da quanto ho capito, l'inserimento di un CD Windows da cui dovrebbe partire una procedura. Ma, ripeto, devo ancora testarla. Occhio a non usarla per sbaglio su linux perché, oltre ovviamente a non funzionare, ha come risultato, che al reboot vi trovate col grub rescue... Nulla di drammatico, il grub si ricostruisce sempre da live in pochi passi, però meglio di no!  Wink Stesso discorso per il boot da secondo hd nel menu principale! Evitate!

Ci sono altri script o azioni "preconfezionate" che non sono veri comandi linux e che sono sempre in attesa di provare. Per il resto è una live con terminale Tux 

Una delle caratteristiche principali è l'uso di REfind (ed eventualmente la MOK utility) per il boot da UEFI/secure boot, e inoltre troviamo nel boot da UEFI
  • una shell efi
  • il memtest per UEFI
  • il reboot indirizzato al BIOS/UEFI e altre opzioni aggiuntive
Peccato sia poco diffuso e che la community in inglese sia praticamente inesistente...

Un vero gioiellino per sysadmin che merita di essere provato!
 
AVVERTENZA: da UEFI funziona solo se la USB è creata con "dd"... rufus o unetbootin non funzionano! In alternativa, un cd masterizzato con brasero o altri programmi di burning.

Ecco il link: https://en.altlinux.org/Rescue

e alcune schermate

[Immagine: https://en.altlinux.org/images/9/99/Altl...test86.jpg]

[Immagine: https://en.altlinux.org/images/c/c8/Regular-rescue.jpg]

[Immagine: http://d2.alternativeto.net/dist/s/b248a...cale=false]
Cita messaggio
Grazie da: eu66
#2
Faccio notare, tra le tante, una caratteristica che trovo estremamente utile: in caso ad esempio di ripristino del grub, ALT presenta una funzione sotto forma del comando "mount-system", che monta tutti i filesystem Linux con punto di montaggio "/mnt/system1". In questo caso il chroot si fa proprio su /mnt/system1.

Questa caretteristica si rivela utile nel caso, montando una partizione in modo tradizionale (es: mount /dev/sda1 /mnt) ci si trovasse ad avere problemi a fare il chroot.

Inoltre si risparmia tempo a montare proc, sys e dev, riducendo le azioni per il ripristino del grub a:

1) mount-system
2) chroot /mnt/system1
3) grub-install /dev/sdX
4) e, se serve, update-grub

Consiglio solo, ma questo vale sempre, di fare un fdisk -l per verificare la partizione su cui va installato il grub. In genere è sda, ma sempre meglio verificare!

mount-system è molto comodo anche per vedere, spostandosi nella directory e poi usando ls, tutto quello che abbiamo sull'hard disk in un colpo solo.
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)