Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Agenzia delle Dogane
#1
Questa è veramente bella!!!!

Qualche anno addietro lamentavo la leggerezza di poste italiane o almeno il sistema di controllo e verifica del contenuto dei pacchi esteri da parte degli addetti. Scrivevo in questo forum, che ogni tanto mi ritrovavo il pacchetto contente dei regali ,speditomi da parte di amici che vivono all'estero esteri, mancanti di qualche oggetto.

Ebbene la settimana scorsa ricevo una raccomandata dove mi si dice che la spedizione a me destinata, in segutio a controllo doganale, è stata bloccatta da parte dell'Agenzia Doganale e per svincolare la merce è necessario fornire la seguente documentazione:
1) Documentazione comprovante l'acquisto della merce importata.
2) Estratto Pay-Pal e/o prova attestante l'avvenuto pagamento.
3) Dettaglio della merce acquistata.
Numeri fax ove inviare la documentazione o in alternativa alla casella mail di poste italiane.
Per avere ulteriori informazioni chiamare call center
Nel caso di mancatoto invio della documentazione richiesta, la merce verrà sdoganata con il valore attribuito dal Funzionario Doganale.

Ho inviato una mail a poste italiane dove dichiaro che non sono in possesso di alcun documento da loro richiesto in quanto trattasi di un pacchetto regalo speditomi da amici.

Basta vedere il contenuto per capire al volo che non si tartta di una comparvendita tra privati o meno.
Inutile aggiungere qualsiasi commento da parte mia, faccio meglio a tenerli per me stesso.
Cita messaggio
Grazie da:
#2
L'Italia è una Repubblica fondata sulla dittatura fiscale che allegramente, in nome del fisco e del SS. Stato Sociale che non c'è, distrugge l'economia sana per mantenere quella parassitaria fino a raggiungere l'acme della genialità esportando cervelli e importando disgraziati e delinquenti.
Freedom isn't free-La libertà non è gratuita.
Per cercare su questo forum: site:istitutomajorana.it/forum2/ [termini della ricerca]
oppure http://www.istitutomajorana.it/informati...lo-forum-2
Cita messaggio
Grazie da:
#3
Devil ha tutte le ragioni di essere sconcertato (eufemismo) per quanto gli è successo. La prima cosa che viene in mente in queste occasioni è la solita giustissima lamentazione dei mali italiani però c’è da tenere presente che la mentalità di quello che è stato chiamato il “burosauro” appartiene a tutti i popoli. Eccone un esempio illuminante. Il grande storico E. J. Hobsbawm racconta che nel 1944 - cioè nel momento più critico della guerra per quanto riguarda gli approvvigionamenti - la Germania produsse oltre 7 milioni di timbri di gomma con priorità assoluta su armamenti e vettovaglie. Era chiaramente specificato nella legge che ne ordinava la produzione. I timbri più importanti del pane e dei cannoni! E questo accadeva in una nazione classicamente bene organizzata e guidata da un dittatore di ferro come Hitler. Come dire che nemmeno lui è riuscito a mettere la briglia ai “burosauri”. Figuriamoci se possiamo riuscirci noi in Italia. Insomma, devil, te devi da rassegnà Smile
Cita messaggio
Grazie da: scimmia
#4
Qui c'è scritto che i doganieri si insospettiscono e credono che sia un tentativo di frode se sul pacco c'è scritto gift (regalo).

http://www.rischiocalcolato.it/blogosfer...67017.html

Quando ho comprato dagli Usa per un valore di circa 30 euro mi hanno consigliato di far scrivere alla ditta americana oltre l'indirizzo anche il codice fiscale e un indirizzo mail e numero di fax per velocizzare i tempi dei controlli. Altrimenti prima ti spediscono la raccomandata . . . poi ci vuole il modulo apposta...

Il mio pacco seguendo il tracking è rimasto 3 giorni al centro di sdoganamento Usa + il viaggio + 8 gg alle dogane di Milano + 3 giorni fino a casa. In totale 20 giorni

Visto le disavventure che ho letto in giro su internet mi posso ritenere contenta.
Marilù
Cita messaggio
Grazie da:
#5
È giustissimo che sia così, altrimenti chiunque potrebbe farsi arrivare della merce col fatto che sia stata regalata senza doverci pagare le dovute tasse, cmq nel merito :
"Da privato a privato (oggetto scambiato senza alcun corrispettivo in denaro, di cui va comunque dichiarato il valore): Se il valore dell’oggetto comprensivo di spese non supera i 45 € non si incorre in spese doganali."
http://www.wx1.org/ricaricablog/2010/08/...ri-ue.html
Non richiedermi l'amicizia, siamo già amici  Big Grin il mio blog LinuxEasy  Tux

Cita messaggio
Grazie da:
#6
Citazione:..."Da privato a privato (oggetto scambiato senza alcun corrispettivo in denaro, di cui va comunque dichiarato il valore): Se il valore dell’oggetto comprensivo di spese non supera i 45 € non si incorre in spese doganali."

In teoria sì, ma la corruzione o i furbetti ItaGliani? Quelli si sono SEMPRE pagati a parte...... Confused
Cita messaggio
Grazie da:
#7
Quindi quando si riceve un regalo dall'estero bisognerebbe chiedere al donatore di dichiarare il valore (allegando ricevute, scontrini..)  Undecided
Marilù
Cita messaggio
Grazie da:
#8
Si se vuoi che il valore non venga stabilito dai doganieri, inoltre se il pacco è assicurato ci può far risarcire della merce mancante.
Sarebbe troppo furbescamente facile, chiunque che ha un amico all'estero potrebbe farsi comprare dei prodotti  ad costo più conveniente per via di una tassazione minore in primis l'iva.
Non solo l'Italia tutti gli stati che non abbiano reciproci accordi applicano le  tasse doganali, in base al valore e al tipo della merce, oltre all'adeguazione dell'iva vigente nel loro paese.
Non richiedermi l'amicizia, siamo già amici  Big Grin il mio blog LinuxEasy  Tux

Cita messaggio
Grazie da: Marilù
#9
Devil, la prossima volta fatti fare un bonifico *_* così lo Stato controllerà tutto come vuole (i conti correnti privati sono diventati pubblici). Forse però ti toccherà fare la denuncia dei redditi.

Oppure un pacchettino singolo per ogni regalo...
Freedom isn't free-La libertà non è gratuita.
Per cercare su questo forum: site:istitutomajorana.it/forum2/ [termini della ricerca]
oppure http://www.istitutomajorana.it/informati...lo-forum-2
Cita messaggio
Grazie da:
#10
Provo a rispondere a tutti quanti ma in generale.
Sicuramente si potrebbe fare i "furbetti" e saltare le tasse doganali per l'importazione; però una volta verificato il contenuto ci vuol poco a capire che vi sono oggetti tipo libri usati, riviste varie, penne pubblicitarie (di nessun valore) e della cioccolata.
Il peso è inferiore ad un chilo per pagare poco come spese di spedizione.
Peccato che il solerte sistema di controllo doganale altre volte ha aperto il pacco per la dovuta verifica e lo abbia alleggerito di alcuni contenuti tipo cioccolata, o altre penne che magari vista la particolarità hanno fatto gola e nessuna richiesta, quindi,di chiarimento da parte loro. Se li sono beccati e basta, e credetemi.
Mi auguro soltanto che il solerte funzionario stabilisca la giusta tassa per l'ingresso della cioccolata e non mi addebiti la raccomandata e la rispedizione col riconfezionamento.
Altro che bonifico o piccoli pacchetti, faccio prima e meglio a chieder di mettermi da parte le penne etc, faccio un biglietto aereo a/r a poco prezzo (ci sarebbe del lavoro per thelory?????), così in tal modo staimo insieme, mi godo gli amici e la svizzera e incremeneto le caase dell finanze pagando le dovuta tasse per l'utilizzo di aeroporti etc.
È stato dichiarato un valore di circa 63,50 mi dicevano dal call center.
State pur certi che non ènecessario farsi fare bonifici o altro.
Lo stato sa tutto di tutti. Cambiano i governi, cambiano i vertici preposti a certe funzioni di controllo e monitoraggio ma..........il resto permane, e ciò badate bene accade in tutti gli stati.
Le informazioni son il cuore vitale di ogni nazione, mai nessuno si dispicerà di certi metodi regolari e non.
Buona serata e se volete chiudiamo l'argomento qui.
Grazie a tutti quanti.
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)