SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Aprire ed installare un file autoestraente .run
#1
Un saluto a tutti,
faccio un piccolo preambolo: Banco Posta ha cambiato, di nuovo, le carte in tavola per accedere al conto.
Infatti dal 12 settembre 2019 bisogna accedere con un ulteriore fattore di sicurezza. Parlando con il loro
help-desktop mi era stato detto che da tale data per accedere al proprio conto (business, nel mio caso) era
sufficiente inserire, oltre ai consueti dati, anche il pin della propria BPIOL-key senza installare nulla...
ma non è stato propriamente così:

ora al momento di accedere c'è una schermata dove si viene avvisati che bisogna scaricare un file da
eseguire ed installare una sola volta (un file.exe per Windows o un file autoestraente chiamato
"bpiol-key.run" per sistemi Linux).

Il problema (per me) è proprio il file per linux "bpiol-key.run":

A parte che non è spiegato da nessuna parte come installarlo, dando per scontato che tutti siano
in grado di operare sotto il "desktop" con linux (Mint)... ma anche richiedendo i permessi di esecuzione
con il terminale tramite il comando
"chmod 755 bpiol-key.run" ed eseguendo il tutto con
"./bpiol-key.run",
si assiste ad una "estrazione dei file" a schermo ma poi... non accade nulla una volta terminata l'estrazione
e la richiesta della scelta utente (tutti o solo questo utente)...
i file (e le directory nascoste) non risultano installati da nessuna parte, non si può accedere sul proprio conto
ed il sito continua a chiedere di installare questo file sul mio sistema.


Ho provato a ricontattare telefonicamente il loro centro assistenza ma... è impossibile: sono 4 giorni
che è sempre occupato!!!


Vi chiedo: ho comunque sbagliato qualcosa con l'estrazione e l'esecuzione di questo file?
Perchè le directory ed i file non vengono creati sul mio compuiter?

Qualcuno ha qualche soluzione in merito (a parte usare Windows 10)?
Grazie in anticipo...

Big Sde
Cita messaggio
Grazie da:
#2
hai provato ad eseguirlo come amministratore?
Cita messaggio
Grazie da:
#3
Momentaneamente non installare nulla.
Vai in un ufficio postale e fatti associare il numero di telefono dello smartphone al tuo conto corrente e/o ad eventuali carte prepagate come la Postepay. Poi accedi (da computer/browser) al sito di poste italiane immettendo semplicemente nome utente e password. Dopo l'accesso sei solo "dentro" ma non puoi fare nulla (neanche visualizzare l'estratto conto). Col n. di telefono associato però, all'accesso ti arriverà un messaggio sullo smartphone con un codice numerico da inserire a video sul sito; inserito il codice gestisci il tuo conto come prima.

Per esigenze diverse fai prima ad andare in ufficio postale che a farti rispondere dal numero verde...
Il mio blog: ZEROZEROCENT.BLOGSPOT.COM
LEGGE DI MURPHY: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
VERSIONE QUANTISTICA DELLA LEGGE DI MURPHY: TUTTO VA MALE CONTEMPORANEAMENTE
Cita messaggio
Grazie da:
#4
(19-09-2019,13:51 )dxgiusti Ha scritto: hai provato ad eseguirlo come amministratore?

Salve, se lei intende tramite terminale comando "sudo ./bpiol-key.run"
la risposta è sì e non mi cambia nulla: si comporta allo stesso modo...

ha altri suggerimenti?

Grazie ancora...
Cita messaggio
Grazie da:
#5
(19-09-2019,13:54 )BAT Ha scritto: Momentaneamente non installare nulla.
Vai in un ufficio postale e fatti associare il numero di telefono dello smartphone al tuo conto corrente e/o ad eventuali carte prepagate come la Postepay. Poi accedi (da computer/browser) al sito di poste italiane immettendo semplicemente nome utente e password. Dopo l'accesso dei solo "dentro" ma non puoi fare nulla 8neanche visualizzare l'estratto conto). Col n. di telefono associato però, all'accesso ti arriverà un messaggio sullo smartphone con un codice numerico da inserire a video sul sito; inserito il codice gestisci il tuo conto come prima.

Per esigenze diverse fai prima ad andare in ufficio postale che a farti rispondere dal numero verde...

Salve,
sapevo già di quest'altra alternativa, ma finchè potrò vorrei cercare di rimanere con il sistema "meno evoluto"
senza coinvolgere cellulari ed installare altre app.
Prima di chiamare il loro call-center, molto prima del 12/09, ero già andato all'ufficio centrale di città e mi hanno
detto che loro ancora non sapevano come fare e di telefonare al loro call center 800 00 3322...
ora vedrò il da farsi, ma vorrei cercare di risolvere con Linux.
Grazie anche a te.

poscritto: La stessa procedura descritta prima invece funziona con Windows 10... ma non vorrei cambiare s.o.
Cita messaggio
Grazie da:
#6
Ciao,
Nessun cambio di carte in tavola da parte di Poste Italiane, è tutto previsto dalla nuova normativa europea (PSD2) sulla sicurezza per i pagamenti elettronici con doppio fattore di autenticità entrata in vigore il 14 settembre, pertanto credo tu abbia poche chance di poter mantenere il tuo sistema "meno evoluto". Dopo aver fatto l'autenticazione forte (Strong Customer Authentication) come suggerito da BAT avrai risolto. Vedi qui
Cita messaggio
Grazie da:
#7
Confermo, è una direttiva europea e ti assicuro che non devi installare nulla, nessuna app è obbligatoria sullo smartphone (se vuoi l'app c'è, io non l'ho installata). E' sufficiente l'associazione del numero di telefono cellulare, non c'è neanche bisogno che sia "smart"(phone), i codici che devi inserire a video arrivano con semplici SMS
Il mio blog: ZEROZEROCENT.BLOGSPOT.COM
LEGGE DI MURPHY: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
VERSIONE QUANTISTICA DELLA LEGGE DI MURPHY: TUTTO VA MALE CONTEMPORANEAMENTE
Cita messaggio
Grazie da:
#8
BAT ha scritto (non riesco a fare la citazione):  "i codici che devi inserire a video arrivano con semplici SMS"

Mi risulta che questa possibilità di usare i SMS sia una deroga transitoria, per cui tanto vale scaricare l'app ed installarla; io l'ho installata su un iPad senza SIM, che sta sempre in casa. Naturalmente bisogna possedere almeno un uno smartphone; non esiste un'app per pc, al momento.
Cita messaggio
Grazie da:
#9
Salve di nuovo, dunque  cercherò di spiegarmi meglio:
il conto che gestisco su banco posta impresa è di tipo "business"
e la gestione del conto, per entrare, credo sia diversa dal conto personale
(che ho ed uso col nuovo sistema di password SMS da voi descritto).

Per accedere sul business bisogna  inserire sul sito, a questo indirizzo:

https://idp-bpiol.poste.it/jod-idp-bpiol/cas/login.html

3 fattori di riconoscimento:


- numero univoco azienda;
- nome operatore (censito ed autorizzato ad operare da Poste);
- password operatore (idem).

Una volta inserito quanto sopra, ora bisogna installare (una volta sola),
a seconda del sistema operativo che uso, un file EXE (se windows)
oppure il file "bpiol-key.run" con linux (nel mio caso Linux Mint 32 bit),
una volta fatto ciò, riconosciuto dal sistema, andrà inserito come ulteriore
nuovo step di sicurezza (il quarto), il pin della Bpiol-key e quindi posso finalmente operare.

Il fatto è che, mentre con Windows non ho problemi, con Linux il
file autoestraente... non estrae nulla: ovvero dal terminale si vede l'estrazione a video,
ma quando si va in cerca delle cartelle (nascoste) e dei file estratti o installati non vi è traccia,
come se i file e le cartelle venissero cancellate dopo l'estrazione.

Ovviamente, il sistema non trovando detti file installati non va avanti...
volevo sapere se qualcun'altro, operando con linux, ha questo problema
con questa procedura.

Grazie ancora per la pazienza.
Cita messaggio
Grazie da:
#10
A quanto pare il problema consisterebbe nella piattaforma:

"......La componente desktop del servizio BPIOL è un client leggero compatibile con macchine Windows, MacOS e Linux. Il client, da installare sulla macchia dell’utente finale, è stato appositamente progettatoper supportare il browser nel flusso di azioni necessarie alle fasi di autenticazione ed apposizione di una firma digitale su unaoperazione o per il rinnovo dei certificati dell’utente. Il software è disponibili per le seguenti piattaforme: Windows 7, 8 e 10 -32 e 64 bit; MacOS10.13 e 10.14 -64 bit; Linux Ubuntu 18.04 LTS, CentOS 7.x, RedHat 7.x, Fedora 29 -64 bit......

Io ho una Lubuntu 16.04 e come te non riesco ad avviare quel file .run
A meno di risoluzioni da parte dei "tecnici" di poste italiane, credo che occorrerà cambiare il SO, sempre che poi non salti fuori qualche altra grana col Browser Undecided
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: