Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Cattivo uso della tecnologia
#1
Ho postato qualche giorno fa l'episodio dello scontrino elettrico... Lo stesso giorno dello smarrimento dello scontrino del parcheggio ho assistito a un episodio che mi ha fatto molto riflettere.

Nei pressi della stazione ferroviaria di Nocera Inferiore (SA) c'era un'auto ferma con un uomo a bordo. Mi sono offerto di aiutarlo a spostare l'auto, ma lui mi ha detto che era impossibile muovere l'auto e che avrebbe telefonato alla concessionaria dove l'aveva acquistata per spostarla.

A questo signore si era spento il motore dell'auto, ma non riusciva né a rimetterla in moto né a spostarla da quel posto. Dopo due ore sono ritornato per andare a prendere la mia auto al parcheggio e quel signore era ancora lì che aspettava pazientemente qualcuno della concessionaria.

La mia deduzione:
Se uno non è meccanico non può sostituirsi al meccanico. Ma se uno avesse avuto l'attrezzatura per rimetterla in moto avrebbe risolto dopo pochi minuti il problema.
Perchè non si può avere il software per risolvere da soli le cose più facili?
Quindi non ho potuto fare a meno di pensare al software libero e proprietario.

L'auto era nuovo di zecca. Fortunatamente questo signore non doveva prendere nè treno nè aereo.

La tecnologia dovrebbe dare comodità all'umanità (non necessariamente gratuita), ma l'umanità è schiava della tecnologia.
Cita messaggio
Grazie da:
#2
Perché in questo modo si dà lavoro a tecnici, meccanici, elettrauti, ecc. Il problema è assai più grande: presso il mio meccanico c'erano due auto di cui non riuscivano a venire a capo nonostante avessero i mezzi tecnici e la preparazione. Alla fine, in particolare per una, hanno chiamato un tecnico specializzato di quel modello. Dopo due giorni l'auto era ancora dal meccanico senza soluzioni. L'elettronica è bella quando non è fatta per complicare la vita.
"Se tu dai una moneta a me e io do una moneta a te, entrambi abbiamo una moneta. se tu dai un'idea a me e io do un'idea a te, entrambi abbiamo due idee."
G.Bernard Shaw

Cita messaggio
Grazie da: aprameyadas
#3
L'elettronica è molto più incerta della meccanica, il problema di fondo è rappresentata dall'esigenza di mercato che tende ad accorciare i tempi di distribuzione senza i dovuti e prolungati test, per la sicurezza e la stabilità del prodotto.
Per loro è molto più comodo che siano i clienti a fare da tester gratuiti che assumere degli specialisti.
Sono daccordo sul fatto che l'elettronica debba facilitare la vita alle persone, ma a causa delle sua complessità, a volte incomprensibile anche agli addetti ai lavori bisognerebbe creare delle misure d'emergenza, nel contesto automobile ad esempio, un dispositivo che permettesse l'uso meccanico dell'auto.
Se vuoi vedere cosa che non hai mai visto devi fare cose che non hai mai fatto.
Cita messaggio
Grazie da: aprameyadas
#4
Test fatti su un solo Pc o su un numero limitato , non servirebbero a nulla
A lato hardware non esistono 2 pc perfettamente identici (ma neppure 2 automobili  o 2 aereoplani  , che del pc hanno un costo ben superiore)  neppure se stessa marca stesso modello.
A lato software la scrittura di un SO come unix , linux o windows  consta ad oggi di oltre 2 milioni di linee di codice , prossimi ai 3)   , dove mediamente riuscire a contenere  gli errori ,  entro i limiti di 20 errori  residui per ogni 1000 linee di codice  è tuttora da considerarsi risultato ottimale , al di sotto del quuale diventa imperativa la diffusione del prodotto su larga scala
La funzione delle certificazioni di garanzia per l' utente/cliente finale  nei prodotti   ha proprio lo scopo  di coprire per un tempo +- limitato l' acquirente da spiacevoli inprevedibili sorprese. Quanto al discorso software libero o chiuso per quanto può riguardare l' utente finale è tutto relativo e si riduce  alla fin fine a questione di possibilecosto del prodotto. È semplicemente assurda e ridicola la pretesa di  rendere alla portata di chiunque  la manutenzione di prodotti tecnologici, undipendentemente dal tipo di prodotto  , elettronico  o meccanico ,si possa prendere in seria considerazione
Arti , mestieri e professioni non hanno il solo fine di produrre, ma anche , anzi ancor più , di riparare ed assistere con qualificata competenza tutto ciò di cui facciamo uso nella vita quotidiana.
Cita messaggio
Grazie da: aprameyadas
#5
In un pc il necessario per risolvere i probemi limitati al suo software o al suo SO è sempre disponibile , ed è lo stesso SO , qualunque esso sia purche se ne conoscano le sue funzioni Per l' automobile o il mezzo meccanico il sistema d' emergenza c' è sempre , basta lasciare i freni scendere dal mezzo e farsi dare na mano a spostare la macchina da mezzo la via. Mezzo meccanico d' emergenza che per forza maggiore altro n' è chei cosidetto ' olio di gomito '
Cita messaggio
Grazie da:
#6
Correzione a me stesso perché avrei dovuto dire:
Se ci fosse stato un sistema di sbloccaggio simile al reset dei pc si sarebbe subito risolto il problema.

paolo63 ha detto: … in questo modo si dà lavoro a tecnici, meccanici, elettrauti, ecc.
Ma l'esperienza dimostra che l'industria ha distrutto l'artigianato, ha rovinato l'ambiente e creato disoccupazione! Se l'industria e l'artigianato si facessero convivere si risolverebbero i tre problemi succitati. E, in ultima analisi, la ricchezza viene dal risparmio e non dallo spreco.
Mi è piaciuta la tua citazione
"Se tu dai una moneta a me e io do una moneta a te, entrambi abbiamo una moneta. se tu dai un'idea a me e io do un'idea a te, entrambi abbiamo due idee."

Dalle deduzioni, chiare e concise, di procton771 e di francofait si intuisce che non bisogna arrestare l'azione perché è migliore dell'inazione. E anche se l'azione presenta qualche imperfezione, come il fumo quando copre il fuoco, non bisogna dimenticare la potenza del fuoco. Ma esistono tre tipi di azioni e bisogna vedere quale uno sceglie. Il mercato è mercato, ma non è detto che uno ci sappia fare se deliberatamente imbroglia il prossimo. Questo non è commercio … Così si può fare l'analogia tra software libero (non necessariamente gratuito) e software proprietario. Non mi dilungo perché voi, oltre ad essere molto perspicaci, siete anche favolosi come dimostrano i vostri lavori.

Accettate i miei omaggi
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)