SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Cittadinanza Digitale - Lettera Aperta di rimprovero
#31
(31-05-2015,19:15 )Dalton7 Ha scritto: Ciao Blackstar,

Ho letto il tuo link (...)

Solo per pignoleria... Io ho solo seglato il post, non ho ne il talento ne l'autorevolezza per scrivere a quei livelli Smile
Cita messaggio
Grazie da:
#32
Egregio dottor Vignoli,
accetti, per favore, i miei omaggi!

Sono una persona anziana (tra poco compio 74 anni) e un principiante di informatica, ma con tanta voglia di imparare.

Grazie al dottor Cantaro, al Team del Majorana, agli iscritti del Forum del Majorana e a tutti gli altri in rete che sono favorevoli all'informatica libera qualcosa la sto apprendendo, ma resto pur sempre un principiante, ma non ingenuo al punto da non capire ciò che è bene e ciò che si oppone al bene.

L'importanza dell'informatica libera è stata espressa dal Majorana con classe e chiarezza, ma la Sua “Lettera Aperta sulla Cittadinanza Digitale”, un'accurata analisi del problema, completa l'opera del Majorana in accordo al pensiero e alla volontà dei fondatori dell'Informatica Libera.  Sono d'accordo pienamente in tutto e per tutto quello che Lei chiaramente ha avuto il coraggio di dire.

Con molta stima
Antonio VITOLO
Cita messaggio
Grazie da:
#33
Egregio Dr Vignoli,
Lei ha esposto in modo conciso, tecnico e coraggioso quanto c'era da far conoscere sull'argomento a tutti gli interessati.

Personalmente non sono un esperto di Informatica, anche se qualcosa la mastico da principiante, ma penso di aver un discreto intuito nel valutare certe situazioni.

Tempo addietro, nel Forum1, scrissi una riflessione quasi uguale (non uguale) alla seguente:

Quando mi capita di ascoltare o trovarmi di fronte a qualcosa che è manifestamente ingiusto concludo con un'amara riflessione:

Nei film western si racconta spesso di una persona prepotente (furbo organizzato) che cerca di appropriarsi indebitamente, ma con parvenza legale, di tutte le proprietà altrui e i più si arrendono passivamente a questo prepotente [Ti pago profumatamente (con il denaro degli utenti e con tante imposizioni e restrizioni aggiuntive), ma l'affare lo faccio io]. Molti pistoleri, in stretto o marginale rapporto con questo impostore (produttori di determinati prodotti, rivenditori e tecnici, cogliendo l’occasione del facile guadagno e approfittando della situazione, rendono inconsapevolmente un grande servizio a questo furbo organizzato. Ma la cosa peggiore è l'azione di copertura dello sceriffo disonesto (azione legalizzata) che si vende o resta indifferente per ignoranza o è addirittura affascinato dal saper fare di questo grande imbroglione. Ma c'è sempre qualcuno a cui non piace questa prepotenza e quindi non si arrende passivamente. Costui è il vero benefattore. E il popolo che fa? Per un motivo o per un altro resta indifferente! Ma se qualcuno degli indifferenti ha la fortuna di incontrare il vero benefattore si desta dal torpore e s’interroga finalmente sull’azione giusta, sull’inazione e sull’azione ingiusta.
La spiegazione di questa riflessione è nel commento alla Sua lettera allegata.

Con molta stima
Antonio VITOLO


Allegati
.doc   b_Commento Cittadinanza digitale.doc (Dimensione: 69 KB / Download: 18)
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: