Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Diffusione di GNU/Linux...
#1
Music 
Segnalo un articolo che mi è sembrato interessante
«Nel lontano 2011 scrissi un articolo dal titolo Diffusione di GNU/Linux: di chi è la colpa? dove analizzavo le cause della mancata diffusione dei sistemi operativi GNU/Linux in ambito desktop. Sono passati ormai cinque anni da quel post e le cose non sono ahimè cambiate e i principali problemi continuano a restare» >>> Leggi tutto

Considerazioni che in gran parte condivido...
Cita messaggio
Grazie da:
#2
Mi piacerebbe sapere dove l'autore ha trovato i dati per parlare, ad esempio, di "flessione".

A me risulta che gli unici dati pseudo-"realistici" (stravirgolettato, intendiamoci) riguardanti l'utilizzo di linux anche in base alle distribuzioni sono quelli di Steam, che invia gli upload dai propri server a seconda del SO del client.
Cita messaggio
Grazie da:
#3
Anche il browser invia i dati del sistema operativo ed è molto più rappresentativo come campione
https://www.netmarketshare.com/operating...pcustomb=0
Cita messaggio
Grazie da: Gabrio , Gabrio
#4
Non esistono , e neppur sono mai esistiti dati rappresentativi validi . Per motv molto semplici

1) oltre il 90 % dele installazioni linux su desktop , sono gestite ed utilizzate in dual boot con Windows
2) la statistica è sempre e comunque effettuata su campioni di utenza base ristretti e di comodo per chi la cmmissiona , e qui in modo particolare casca l' asino che ne rende totalmente falso e rappresentativo di un bel niente per tutte le parti ogni risultato .
3) linux non ha problemi licenza d' uso che obbligano l' utente ala registrazion della licenza stessa , e qui si vanifica ogni possibile statistica in merito a chi non fa uso della grande rete , e sono tutt' altro che pochi spece nei paesi emergenti in via di sviluppo , ma anche da noi.

Ritengo più realistiche le statistiche che danno tutti i principali SO in forte crescita e si da il caso che at tirare le percentuali più elevate non sia affatto Windows 10 che per Microsoft rischia invece di dimostrarsi disastro anche peggiore del fu 'Vista'.
Cita messaggio
Grazie da:
#5
La situazione in Italia secondo Statcounter a Novembre 2016: Win 10 primo sistema operativo, Linux al 2,51 (che non è poco!)
   
Cita messaggio
Grazie da:
#6
Windows mantiene solo artificialmente il primo posto poiche viene preinstalato dagli stessi produttori su tutti i prodotti , sono quindi milioni di nuove licenze che per termini stessi di garanzia , vengono mantenute attive anche a prodotto venduto da parte dell' utente finale, anche se poi l' ostacolo viene superato o con l' installazione linux in dual boot o con la sua virtualizzazione in windows stesso (risorse permettendola) . Quel 2, 1 % per linux non ha un bel niente di realistico. come del resto non lo ha neppure la stessa forchetta poiche tutti i SO nessuno escluso stanno godendo da tempo di crescita verticale , indipendentemente dalle condizioni di mercato internazionale tutt' altro che favorevole.
Su tablet e mobile in genere la presenza di windows è totalmente inconsistente , inferiore ormai anche all' 1 % , per ammissione della stessa Microsoft , non a caso si è liberata di quel che fu incauto acquisto di Nokya restituendola alla precedente proprietà per molto meno di quanto aveva speso per il suo acquisto , solo 2 anni e mezzo fa. Nokya da gennaio ritorna ad Android su tutta la linea di nuovi prodotti.
Cita messaggio
Grazie da:
#7
non è una "provocazione" ma cosa è cambiato dalla data odierna al tuo articolo.  Undecided

credo nulla .ancora oggi è possibile il dual-boot con windows10.

mi chiedo ,ma il s.o "preinstallato" è il male o"linux" a troppe anime la seconda credo che sia una realtà unificare lo sforzo verso 1 singola disrtibuzione è la soluzione,@ no! chi lo vuole è cosi. con pregi e difetti :-) il resto è pura utopia un codice opensurce è accesibile a chiunque e questo garantisce la democrazia credo


Cita messaggio
Grazie da:
#8
(06-12-2016,19:58 )francofait Ha scritto: tutti i SO nessuno escluso stanno godendo  da empo di drescita verticale , indipendentemente dalle condizioni di mercato internazionale tutt' altro che favorevole

Stiamo parlando di quote di mercato la cui somma deve essere per forza di cose pari a 100. Il numero di installazioni è una cosa diversa.

(06-12-2016,20:07 )thepiratebay Ha scritto: lo sforzo verso 1 singola disrtibuzione è la soluzione,@ no!

La distro unica non piace neppure a me. Ma il livello attuale di frammentazione forse è diventato eccessivo e limita molto le possibilità di Linux come sistema di uso generale. Per avere un'idea basta guardare questa mappa...
Cita messaggio
Grazie da:
#9
unificare gli sforzi verso un' unica distribuzione e solo idiozia . la standardizzazione non crea innovazione , quando un qualsiasi nuovo prodotto diventa standard , di nuovo ed innovativo non ha più niente. Inoltre linux non è un SO ma solo un kernel , e questo è si uguale per tutte le distribuzioni .
Linux non aveva e fortunatamente ancora non ha alcuna ambizione a porsi come base per SO ad uso giocherellone col quale i problemi si aggirano con un veloce ma regolarmente inutile formattone e successiva reinstallazione . Quelle che realmente possono essere considerate migliori distribuzioni , se ne vuoi farne uso proficuo impongono la loro più profonda possibile conoscenza, e per chi la acquisita realmente un dual boot con windows non ha alcuna ragione d' essere , se non per tenere estese le proprie conoscenze. Linux alla resa dei conti di più difficile non ha nulla , anzi tutt' altro . Da sempre il SO in assoluto piu articolato e complesso è il SO di Microsoft , non linux , e neppure MacOSX ed unix
Cita messaggio
Grazie da:
#10
(06-12-2016,20:32 )Blackstar Ha scritto:
(06-12-2016,19:58 )francofait Ha scritto: tutti i SO nessuno escluso stanno godendo  da empo di drescita verticale , indipendentemente dalle condizioni di mercato internazionale tutt' altro che favorevole

Stiamo parlando di quote di mercato la cui somma deve essere per forza di cose pari a 100. Il numero di installazioni è una cosa diversa.

(06-12-2016,20:07 )thepiratebay Ha scritto: lo sforzo verso 1 singola disrtibuzione è la soluzione,@ no!

La distro unica non piace neppure a me. Ma il livello attuale di frammentazione forse è diventato eccessivo e limita molto le possibilità di Linux come sistema di uso generale. Per avere un'idea basta guardare questa mappa...

Le quotedi mercato si possono stabilire solo su prodotti che fanno mercato , non su prodotti privi da vincolo di mercato , come sono i SO in opensource e l' intero comparto opensource in generale.

Il numero di reali distribuzioni presenti attualmente sta tutto sulle dita di una sola mano , non solo non è mai aumentato , ma in quest' ultimo decennio è semplicemente e fin troppo drasticamente diminuito , brutto segno di  grave mancanza di nuove idee . Non ha il benche minimo senso considerare distribuzioni reali: ne derivate , ne ancor meno semplici remix , in entrambe i casi , non solo fanno generalmente uso dello stesso software , ma anche degli stessi server repository della distribuzione origine (vedi derivati Ubuntu  o Debian  come pure Arch , non danno origine (in  particolar modo le soluzioni remix ) ad alcuna dispersione poiche sono in gran parte  opera della stessa commuty .  Per realizzare una remix poi non serve cognizione alcuna esiston software che te la restituisco scodellata in pochi minuti e pochi click di mouse , non solo non frammentano ma  consentono ed invogliano ad avvicinarsi a linux con semplicità. Se fossero liberamente consentite anche da microsoft con il suo SO , molto probabilmente  avrebbe on line molte più sue remix di quante ne abbiano tutti gli altri SO messi assieme. detto questo non sono fanitico di parte di qualsivoglia SO , sul mio desktop attuale riassemblato da alcuni giorni , sia Windows 10 , che la principale distribuzione di quotidiano uso sono presenti su ssd 250gb dedicati separati ed indipendenti , e con gli attuali 16 gb di ram non sono certo oggetto di risorse carenti.
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 2 Ospite(i)