Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Dischi SATA 2 e SATA 3
#1
Buon giorno,
vorrei sapere se è vero che un disco Sata 2 su un pc dove è già presente un disco Sata 3 ne rallenta le prestazioni. 
La scheda madre ha una porta Sata 3 e 4 porte Sata 2, questo mi fa pensare che non dovrebbero disturbarsi i due protocolli; mi sbaglio?
Grazie

utente.
Cita messaggio
Grazie da:
#2
Si, se i dischi devono interagire tra di loro, la velocità massima sarà dettata dal disco più lento.
Questo andava per gli IDE, ma sarà senz'altro applicabile per logica ai SATA.
Cioè, il SATA3 non potrà trasferire dati ad una velocità non supportata dal SATA2, altrimenti le conseguenze sono immaginabili.
Il SATA2 non possedendo la velocità del SATA3, la trasferirà come dettato dalla sua interfaccia.

Quindi è vero, il computer rallenterà e questo sarà avvertibile con programmi impegnativi, mentre l'utente comune se non userà programmi molto pesanti, non ne dovrebbe risentire.
Cita messaggio
Grazie da:
#3
(01-06-2016,16:18 )supertuxkart Ha scritto: Si, se i dischi devono interagire tra di loro, la velocità massima sarà dettata dal disco più lento.
Questo andava per gli IDE, ma sarà senz'altro applicabile per logica ai SATA.
non è applicabile la stessa logica: la velocità max dei canali (E)IDE è di per sé limitata per vincoli tecnologici sul canale fisico, e nel caso degli (E)IDE invece 2 dischi potevano essere sullo stesso canale che poteva essere usato da un solo disco alla volta il che limitava la velocità globale (oltre che i limiti tecnici del canale).
invece SATA è una connessione a canale unico: 1 cavo per disco;
la velocità del SATA-2 è di circa 286 MiB/sec (velocità "al netto" dei dati, quella lorda è di circa 357 MiB/sec) mentre con SATA-3 siamo a circa 575 MiB/sec (netta, invece lorda sono 715 MiB/sec); nessun HDD esistente arriva a queste velocità, nemmeno a quella del SATA-2.

In sintesi al livello pratico non ci sarà nessun rallentamento nel caso degli HDD convenzionali (attualmente i più prestanti arrivano al massimo a 200 MiB/sec ma in condizioni ideali di totale deframmentazione e dati perfettamente contigui, ma la realtà è molto diversa!);
diverso il discorso se uno dei "dischi" è un SSD, che deve essere connesso perlomeno a SATA-3.
Il mio blog: ZEROZEROCENT.BLOGSPOT.COM
LEGGE DI MURPHY: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
VERSIONE QUANTISTICA DELLA LEGGE DI MURPHY: TUTTO VA MALE CONTEMPORANEAMENTE
Cita messaggio
Grazie da:
#4
Ciao BAT,
in pratica dici che gli HD meccanici non ne risentono, in quanto per motivi legati alla costruzione, attualmente non sono in grado di raggiungere la velocità massima offerta dall'interfaccia SATA II e III, quindi salvo le condizioni di cui sopra, i rallentamenti non sono avvertibili.

Che invece potrebbero essere avvertiti se un SSD fosse connesso a SATA III e l'HD meccanico su SATA II e III.

E se l'HD meccanico fosse sul SATA III e l'SSD su SATA II, la differenza non sarebbe abissale.
Dico bene ?
Cita messaggio
Grazie da:
#5
Grazie a tutti. Trovo interessante l'osservazione di supertuxkart

E se l'HD meccanico fosse sul SATA III e l'SSD su SATA II, la differenza non sarebbe abissale

e mi sembra verosimile, vi risulta?

Utente.
Cita messaggio
Grazie da:
#6
L'SSD DEVE essere su SATA-3 perché ll loro velocità è di molto superiore anche al massimo teorico consentito da SATA-2;
se metti un SSD su SATA-2 lo limiti a causa della velocità non adeguata del canale per questi dispositivi, anche se l'SSD continuerebbe ad essere nettamente più veloce di qualunque HDD meccanico.
Quindi un SSD va messo su SATA-3 e sopra ci vanno installati il/i sistema/i operativo e le applicazioni (cioè i programmi);
invece i dati (immagini, suoni, musica video) si parcheggiano sull'HDD;
in questo modo il sistema è molto più reattivo perché tutto quello che deve essere caricato in memoria per l'esecuzione è sull'SSD;
invece i dati non devono essere eseguiti, solo caricati (per esempio se hai un video da 4 GiB tipicamente lo visualizzi senza modificarlo, per cui può stare sull'HDD anche perché quando si carica un video il sistema lo legge "a pezzi", non carica certo 4 GiB di video nella RAM").

Più in generale, essendo i canali SATA indipendenti l'uno dall'altro, le prestazioni di un dispositivo su un canale sono indipendenti da quelle di un altro dispositivo su un canale diverso. Sta all'utente organizzare programmi e dati in modo opportuno.
Il mio blog: ZEROZEROCENT.BLOGSPOT.COM
LEGGE DI MURPHY: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
VERSIONE QUANTISTICA DELLA LEGGE DI MURPHY: TUTTO VA MALE CONTEMPORANEAMENTE
Cita messaggio
Grazie da:
#7
Grazie a tutti per le informazioni. Una cosa ancora vorrei sapere: suppongo che anche questi supporti possano essere partizionati ed inoltre leggo che deveno essere "allineati"; cosa vuol dire?

Grazie

Utente.
Cita messaggio
Grazie da:
#8
L'allineamento sugli SSD è una procedura da fare solo se si ripristina un'immagine di sistema proveniente da un HDD meccanico, altrimenti le prestazioni dell'SSD subiscono un brusco calo a causa di una cattiva organizzazione dei file.
Per questo motivo è meglio reinstallare dal principio i sistemi operativi sugli SSD e non ci sarà bisogno di nessun riallineamento 8operazione che tra l'altro non sempre riesce come si deve)
Il mio blog: ZEROZEROCENT.BLOGSPOT.COM
LEGGE DI MURPHY: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
VERSIONE QUANTISTICA DELLA LEGGE DI MURPHY: TUTTO VA MALE CONTEMPORANEAMENTE
Cita messaggio
Grazie da:
#9
Ciao BAT,

io uso regolarmente Acronis per fare backup e ripristino, se capisco bene:
a) installo il sistema e non è necessario alcun allineamento
b) ripristino il sistema da una immagine acronis e l'allineamento è necessarGrazie

Utente.
Cita messaggio
Grazie da:
#10
a) giusto
b) no: se l'immagine è quella di un sistema operativo installato su SSD, anche se il file immagine lo crei su un HDD la sorgente è l'SSD per cui l'allineamento rimane, a patto di usare un buon SW di imaging (e Acronis True Image probabilmente è il migliore).
In altri termini è la sorgente che conta, ma conta anche il programma di creazione dell'immagine:
Acronis True Image quando necessario esegue il riallineamento automatico dei dati, mi sembra che sei a posto in tutti i casi (a patto di avere una versione di Acronis sufficientemente aggiornata, diciamo almeno la versione 2014 - o superiore)
Il mio blog: ZEROZEROCENT.BLOGSPOT.COM
LEGGE DI MURPHY: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
VERSIONE QUANTISTICA DELLA LEGGE DI MURPHY: TUTTO VA MALE CONTEMPORANEAMENTE
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)