Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Linux è la cura
#1
Rainbow 
Il gioco di parole è inevitabile Smile
Università di Palermo, virus a Medicina. Il Preside prescrive Linux
(Fedora + LibreOffice)
Cita messaggio
Grazie da:
#2
E' una bella notizia. O forse no.
Ora dirò una cosa  controproducente per il nostro mondo.
Linux si sa è meno colpito da virus, e questo dipende anche dalla poca diffusione a livello pubblico, lavorativo e commerciale.
Ma se la cosa comincia a prendere piede e tutti o molti utilizzeranno questa piattaforma la mia paura è che presto anche Linux sarà preso come bersaglio.

Io vorrei lasciare a Windows il primato.
Sicuramente è un discorso,il mio, puramente egoistico ma questo è quello che mi è balzato alla mente con questa notizia.
La vita è come uno specchio:ti sorride se la guardi sorridendo.
Un giorno senza rischio è non vissuto.....
Cita messaggio
Grazie da:
#3
Vero, però, forse, è anche vero che essendo i SO linux liberi ci sono più occhi che vigilano, rispetto a un SO proprietario.
mandi...Eugenio
Cita messaggio
Grazie da:
#4
Il primato è destinato in ogni caso a rimanere proprieta di Microsoft , non è solo questione di più occhi che vigilano nei SO liberi.
1) Windows continua a crescere a dismisura versione dopo versione e qui vale l' inevitabile regola che quanto più cresce in dimensioni il SO , quanti più errori residui , sia da sviluppo che da sue successive revisioni il SO si porta dietro , e non è incremennto proporzionale ma decisamente esponenziale.
2) In linux il problema infezione a carattere virale non si pone , la stessa architettura dei SO linux ed unix derivati non lo consente e considera il codice virale codice inerte e totalmente inutile, non sa proprio che farsene.
Pur tuttavia va presa in seria considerazione che non esistono SO invulnerabili , e l' infezione virale è di per se il minore fra tutti i guai che può regalarti la rete. Qualunque errore residuo rende inevitabilmente vulnerabile qualunque SO, ed ormai di conseguenza anche in linux le probabili vulnerabilita si possono di conseguenza valutare in termini numerici di migliaia. Poche si , rispetto ai SO di microsoft , ma comunque ormai troppe anche per linux. Linux non è affatto la cura a tutti i guai che affliggono il mondo dell' informatica , possiamo paragonarlo a quel che in medicina sono le cure contro malattie infettive neppur poi tanto gravi. Dopodi cher non c' è SO che tenga , o i mezzi di difesa che qualunque SO ti da li usi , oppure sei comunque vulnerabile .
Cita messaggio
Grazie da:
#5
Ok
Era un pensiero che è scaturito spontaneo e ho voluto dirlo.
In realtà l'aspetto, della vulnerabilità o meno di un sistema, è  secondario, ed  incide solo marginalmente sulla scelta di un SO, anche se l'articolo in questione è incentrato su questo.
La cosa importante è quella che si utilizzi software libero e che "almeno per adesso" non ha padroni.
La notizia è sicuramente positiva.
La vita è come uno specchio:ti sorride se la guardi sorridendo.
Un giorno senza rischio è non vissuto.....
Cita messaggio
Grazie da:
#6
Ricordiamoci sempre di Dave:

"In questo angolo, abbiamo firewalls, criptazione, programmi antivirus, ecc... e in questo angolo, abbiamo Dave!!!"

"ERRORE UMANO"


Allegati Anteprime
   
Cita messaggio
Grazie da:
#7
da non dimenticare anche due tra i "virus" più diffusi che sono causa del 90% dei problemi indifferentementesia su windows o linux
PEBKAC
ID10T
Cita messaggio
Grazie da: Blackstar


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)