SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
[Non Risolto] - PcLinuxOs-KDE - errori dopo aggiornamento e xserver
#1
Della serie quando ti capita sono dolori;
questo è il mio s.o.
   
ho fatto gli aggiornamenti proposti da update notifier e riavviato il sistema operativo.
Al riavvio lo schermo è diventato nero e dopo una serie di operazioni  a video di cui non ho potuto rendermi conto, mi compare questo messaggio, come in figura:
   
L'unico comando che ho potuto dare è un "reboot", ma ritorna sempre alla stessa videata.
Non sono un mago del terminale, ma chiedo se è possibile  "sistemare" la faccenda senza spargimento di sangue (reinstallazione).
suggerimenti?.
Grazie

edit:
Citazione:installa mc
non posso, non avendo accesso al sistema.
"Le avversità spesso ci piegano ma la ns. forza ci risolleva sempre.

Ubuntu 16.04 - Ubuntu 18.04 - MX-Linux 18.2 - Mint 19 Tessa
Cita messaggio
Grazie da:
#2
avvia da recovery, dopo il cancelletto:
apt-get remove simple-update-notifier
invio. rimuoverai il programma. terminato riavvia con reboot.
tempo fa avevamo parlato di come rimuovere ad ogni avvio i file in /tmp, questo purtroppo genera qualche problematica, tipo la tua.

se posso un consiglio, installa mc , con lui potrai anche da recovery una volta avviato andare nel percorso, creare, rinominare ecc. cartelle. mc è presente su tutte le distribuzioni.
Cita messaggio
Grazie da:
#3
Grazie per la risposta.
ho dato il comando per disinstallare il notifier, ma risponde così:
   
Allora ho riavviato e scelto failsafe mode e poi quando compare la riga di dialogo ho dato il comando startx; mi risponde:
   
oltre a questi:
   
   
   
cliccando infine su esci, torna alla riga di inizio dialogo, dove ho dato un  "reboot", senza esito ed un halt -p per arrestare il sistema.
Provando ad avviare in modo normale, l'esito è lo stesso.
cosa posso fare ancora?  Mi arrendo
"Le avversità spesso ci piegano ma la ns. forza ci risolleva sempre.

Ubuntu 16.04 - Ubuntu 18.04 - MX-Linux 18.2 - Mint 19 Tessa
Cita messaggio
Grazie da:
#4
hai dimenticato una parola >>>> apt-get remove simple-update-notifier
non hai messo simple
ripeti quanto scritto nel modo corretto. al termine non dare reboot ma exit , dovrebbe avviarsi.
Cita messaggio
Grazie da:
#5
scusa, ma avevo sbagliato a postare la foto.
in effetti il mio comando è stato:
Codice:
apt-get remove simple-update notifier
ma il risultato è esattamente lo stesso, come pure le altre risposte ai tentativi maldestri fatti.
Dando un exit dopo il comando di rimozione dell'update notifier, riparte, ma si ferma con le schermate di errore di connessione al xorg server di cui in precedenza.
Data la mia poca dimestichezza col terminale vi chiedo se esiste un modo per avviare in modalità grafica provvisoria. In questa maniera potrei disinstallare il driver ultimo (installato con l'aggiornamento) e ritornare al precedente driver proprietario 390, con il quale andava tutto liscio.

Una domanda sciocca, provare ad avviare con supergrubdisk?
"Le avversità spesso ci piegano ma la ns. forza ci risolleva sempre.

Ubuntu 16.04 - Ubuntu 18.04 - MX-Linux 18.2 - Mint 19 Tessa
Cita messaggio
Grazie da:
#6
scrivo nuovamente per chiudere il topic.
Ho provato in diverse maniera, ma sempre inutilmente. Le risposte erano sempre quelle postate in precedenza.
Evidentemente i nuovi aggiornamenti hanno provocato un danno tale da non consentire ad un maldestro utente come me di risolvere senza reinstallare.
Pertanto ho desistito e reinstallato tutti i s.o. che avevo, tramite immagini fattecirca un mese fa.
adesso è tutto in ordine, tranne PCLinuxOs che, dopo aver cercato di installarlo con il kernel 5, arrivavo ad un punto morto quando dovevo scegliere dove installare il suo bootloader, poichè mi dava solo alternative per i dischi principali (sda, sdb, sdc), ma non per la partizione sda5 dove ho installato il s.o.
Uso il grub di ubuntu 16.04, come elenco dei vari s.o. e non intendo cambiare.
Ringrazio per il supporto.
"Le avversità spesso ci piegano ma la ns. forza ci risolleva sempre.

Ubuntu 16.04 - Ubuntu 18.04 - MX-Linux 18.2 - Mint 19 Tessa
Cita messaggio
Grazie da:
#7
Ciao Andrea leggo solo ora la tua discussione e anch'io qualche giorno fà son stato costretto a reinstallare Pcloskde per problemi sorti dopo l'aggiornamento, e come te ho notato che non propone più la possibilità di installare l'avvio sulla propria partizione.
Io allora ho risolto così: ho fatto l'installazione di pclos lasciandogli installare il bootloader, poi ho avviato la distribuzione che voglio che lo gestisca e glielo riassegnato.
mandi...Eugenio
Cita messaggio
Grazie da:
#8
Ciao.
mi fa piacere (si fa per dire) che tu abbia notato gli stessi problemi avuti da me, significa che tanto tonto non sono.

In merito alla tua soluzione, si,  avevo valutato la possibilità di fargli installare il bootloader su sda, ma in sda ci sono anche Win10, Ubuntu 16.04 e ci sarebbe stato pure pclos 5, per cui andare a sovrascrivere l'mbr con pclos e poi risovrascrivere col grub di Ubuntu 16.04, non mi è sembrata una cosa tanto  "normale".
Da parte mia, sono anni che uso il grub di ubuntu, per gestire fino a 7 sistemi operativi, win compreso, e non ho mai avuto problemi di sorta.

Ma stranizza un pò il fatto che pclos 5 non consenta di installare il suo bootloader nella sua stessa partizione di installazione.  Qualche anno fa ho installato debian, che all'inizio faceva i capricci, ma poi in una delle scermate successive faceva installare il bootloader nella sua stessa partizione, forzando tale installazione (per la verità non mi ricordo più come ho fatto).
Peccato, perchè mi piace molto PcLOs e non vorrei abbandonarlo.
Speriamo che qualcuno "che ne capisce" possa arrivare alla soluzione e condividerla.
Approfitto per chiedere un'altra cosa.
ammettendo di installare Pclos in altro disco, dove esiste una partizione dati, sdb1 e crendo una seconda partizione per pclos (sdb2) potrei installare il suo bootloader in sdb ma, e questa è la domanda, il grub di ubuntu che si trova in sda lo vede? E soprattutto, essendo sdb1 una partizione dati, installando il bootloader di Pclos in sdba, resta l'accesso ai dati da altro s.o. ?
Credo che M3nhir abbia affrontato questa problematica. sarebbe interessante conoscere il suo parere in merito.
Ciao e grazie comunque
"Le avversità spesso ci piegano ma la ns. forza ci risolleva sempre.

Ubuntu 16.04 - Ubuntu 18.04 - MX-Linux 18.2 - Mint 19 Tessa
Cita messaggio
Grazie da:
#9
ciao andrea. attualmente come sei messo? lo chiedo in quanto il post iniziava con problemi grafici e termina con installazione boot.
Cita messaggio
Grazie da:
#10
Ciao Mario.
In realtà con pclos sono messo male perchè nel tetativo di installare plsos con kernel 5 è successo il patatrac. Quando mi ha indicato che potevo installare il bootloader solo su sda e non sulla partizione dove avevo installato il s.o., ho dato un annulla, ma si è compromesso l'intero disco, per cui il problema grafico è rimasto in aria ed il probema installazione si è rivelato un buco nero.
Non so quindi se e come modificare il titolo.
Giusto per la cronaca, ho ripartizionato ex novo l'intero disco sda, partizionandolo e reinstallando prima win10(immagine di sistema), poi Ubuntu 16.04(systemback) e lasciando una partizione libera per un terso s.o. su sda.
   
mentre in sdb ho:
   
Come scritto prima, vorrei non abbandonare pclos.
Tu ha qualche idea in proposito?
"Le avversità spesso ci piegano ma la ns. forza ci risolleva sempre.

Ubuntu 16.04 - Ubuntu 18.04 - MX-Linux 18.2 - Mint 19 Tessa
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)