SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Non pagamento della "penale" per passaggio da Telecom-Alice a Wind-Infostrada
#21
Ho seguito le varie argomentazioni, ma alla fine mi toccherà pagare.

Comunque vorrei riassumere la questione in questi termini, ovvero posso dare per esperienza solo questo consiglio: se siete utenti Alice, e siete stanchi di farvi "ladrare" 40 €uro al mese (come minimo) controllate bene sui siti dei vari ISP quando inserite il vostro numero di telefono per la copertura della linea, se riceverete la linea DIRETTAMENTE dal provider in questione, ovvero sarete utenti in ULL (cercate con google la differenza con WHOLESALE, se non la sapete) e allora tutto "dovrebbe" essere ok.

Al contrario se la linea NON vi verrà coperta DIRETTAMENTE dal vostro ISP, ma sarà fornita (in soldoni) sempre da Telecom che non fa nient'altro che cedere una parte della banda a terzi (appunto Wind, Tiscali ecc.) con i quali stipula accordi commerciali, perciò sarete utenti WHOLESALE, andrete sempre incontro a rallentamenti nella navigazione ecc. nelle ore di punta!.

E' chiaro che MammaSantissima Telecom NON SI DARÀ MAI LA ZAPPA SUI PIEDI: PERTANTO TELECOM DARÀ SEMPRE LA PREFERENZA AI SUOI UTENTI, E POI VERRANNO GLI ALTRI, PERCIÒ VOI!.


di conseguenza valutate bene il passaggio. Per me va bene così: navigo di mattina e la sera tardi come un missile (anche più veloce di prima) e nelle ore di punta si rallenta tutto.
D'altronde ho pagato per ben 12 anni la Telecom ed Alice ed ora con i tempi che corrono ho detto, basta!


Fu.. all 'em, we gotta get on with this, dicevano i Pink Floyd in "Not now John" da "The Final Cut" ed allora......


In ogni caso esiste il software NE.ME.SYS che una volta scaricato (previa registrazione) ed installato da qui:
https://www.misurainternet.it/nemesys_intro.php

su qualunque OS (anche se loro per GNU/Linux intendono solo Ubuntu, forse Linux Mint non esiste - eppure è in assoluto la distro più usata ora, basta consultare distrowatch.com), e preparato pc e router, vi dirà come stanno le cose! Ovvero dal sito poi scaricherete dopo 24 h (se non tre giorni purtroppo) di lavoro del pc il risultato in .pdf.

Questo .pdf contiene i risultati che dovrete confrontare con la Carta Servizi (quanto scritto poi nel contratto) del vostro ISP sui minimi di banda ADSL da loro garantiti.

Questo E' ATTUALMENTE L'UNICO SISTEMA IN ITALIA CHE HA VALIDITÀ LEGALE, PER CHIEDERE AL VOSTRO ISP IL RISPETTO DEI LIMITI MINIMI IN DOWNLOAD E IN UPLOAD, ED EVENTUALMENTE CHIEDERE LA RESCISSIONE DEL CONTRATTO SENZA PAGARE PENALI DI SORTA!

Glielo potete inviare tramite raccomandata A.R. oppure con la PEC.

Tutto questo per dire che il privato deve fare tutta 'sta trafila per vedersi riconosciuti i propri diritti, visto e considerato che  o paghi sempre la Telecom (per chi se lo può permettere ancora) oppure uno paga meno (ora io pago 28 €uro al mese per l'ADSL e le telefonate con 20 centesimi di scatto alla risposta verso tutti i cellulari in Italia e i fissi di Europa Occidentale, Canada, e USA compresi SENZA limiti di tempo) mentre prima pagavo ogni singola telefonata e ben 40 €uro al mese!. E a me 144 €uro all'anno stanno bene in tasca, piuttosto che "regalarli" alla Telecom.

Spero che tutto questo possa servire a qualche altro utente.

Grazie e alla prossima.
Ciao.
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: