Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Porteus Xfce 3.2.2 X586 & X86_64 [RIMOSSA]
#1
Buongiorno a tutti, oggi voglio presentare una mia personale remix di Porteus che è una Slakware-based piuttosto interessante, non mi dilungherò a riportare notizie che potete facilmente trovare sul sito ufficiale (qui) dove troverete info precise sulla distro e sulle sue peculiarità(oltre che riconoscere il lavoro degli sviluppatori).
Non ho fatto nulla di eccezionale, mi sono limitato a localizzare la iso e le ho dato (o almeno questa era la mia intenzione) un aspetto più amichevole nel suo già bel DE  Xfce con l’aggiunta di un browser e di un gestore di posta elettronica.
Si,perché con mia grande sorpresa all’avvio della live di Porteus i pacchetti necessari per le suddette attività NON sono presenti ed ho fondati sospetti che navigare e scaricare posta da terminale sia nelle possibilità di un utente medio o di un principiante. Scappo
Ma tant’è,hanno scelto così,misteri degli sviluppatori..

Crearsi la propria remix è semplice con l’ausilio di uno script presente nella root e non serve nemmeno sforzarsi di fare lunghe e noiose letture in rete. E’ sufficiente esplorare il Porteus Setting Centre dove è indicato praticamente tutto il funzionamento della distro.
Personalmente quando si parla di prestazioni non ho mai creduto molto ai numeri quanto piuttosto al tempo che intercorre tra un click del mouse e l’apertura di un browser o un'altra applicazione e credo che queste remix (nelle rispettive versioni x32 e x64) non siano poi così pesanti. Chi le testerà mi saprà dire la sua.
Per gli amanti dei numeri la versione x32 con Firefox aperto ha restituito un valore di circa 448 mb di ram occupata,la versione x64, nelle stesse condizioni, circa 530.

Note: Porteus usa USM come gestore grafico degli aggiornamenti, nel caso notaste rallentamenti o blocchi degli update editate il file usm.conf dalla stessa interfaccia grafica e modificate il server di default di Slackware con uno più vicino. I pacchetti si scaricano come moduli da installare o caricare al boot, con qualche lettura (da fare qui ed anche qui) questo meccanismo svelerà la sua utilità e semplicità.
Al boot su pc il sistema può arrestarsi sulla schermata Always Fresh, non è un bug, leggendo le info a schermo vedrete che basta solo premere enter e proseguire.
Dopo l’installazione può capitare che il boot si blocchi al prompt, basta loggarsi e digitare startx e tutto torna in ordine. E’ il cosiddetto respawning sul quale non ho trovato molta letteratura ma non è nulla di grave.
Nel caso vogliate modificare il grub basta editare nel percorso  /mnt/sdax/boot/syslinux/porteus.cfg il nome della distro, lo sfondo di default (a dire il vero quello che è presente è un po' triste..) e tradurre le voci del menu compreso il significato corrispondente. Non c’è da dare alcun comando di update, si modifica il file e si salva.
Ovviamente la distro è testabile in Virtualbox ed è già ottimizzata come risoluzione, le iso avviabili vengono benissimo con Rufus 2.15 ma non ho particolari motivi per dire che non possano venire bene anche con altri software.
Qui il link per la versione da 32 bit
Qui il link per la versione da 64 bit
Le iso sono compresse con Winrar e contengono all’interno un Leggimi con i valori delle password ed il codice MD5.
Ricordo che nel caso si incorra nel blocco IP da parte di Mega in molti casi sarà sufficiente spegnere e riaccendere il vostro modem/router e riprendere a scaricare.

                
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)