SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Programmazione ISO, prima lezione
#2
La prima riga o header serve per definire il pezzo da lavorare, DX è la lunghezza, DY la larghezza,DZ la profondità, AB l'area di lavoro rispetto all'origine, C impostazione ciclo continuo, T opzioni maccaniche, R numero di ripetizioni, MM unità di misura, def il file di attrezzaggio.
Le tre righe di codice successive utilizzano PAR per definire un parametro che potremmo utilizzare successivamente, si differenzia dalla variabile L in quanto ha valore assoluto.
Il primo per esempio attribuisce 250 a forivel, per cui nel campo velocità di penetrazione potremmo digitare o forivel o 250 ottenendo lo stesso risultato.
A cosa serve? Se successivamente dovessi voler cambiare la velocità a 100 è sufficiente cambiare il valore al parametro e a tutti i campi relativi alla velocità verrebbe attribuito il nuovo valore.
Nella prossima riga abbiamo REF che permette di cambiare i riferimenti DX e DY presenti nell'header, in questo caso restano uguali.
Ora troviamo la XG0 o G0 che definisce le quote di inizio fresature: X100 e Y 0.
Xl2P o G1 è la fresature lineare, il campo X indica 0, per cui la fresa si muoverà da 100 a 0 .
Continua...
Cita messaggio
Grazie da:


Messaggi in questa discussione
RE: Programmazione ISO, prima lezione - da utente222 - 22-11-2014,15:48

Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: