Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Versione
#1
Immagino che la nuova versione di Ubuntu, la 16.04 LTS
non sia remixata, revisionata da voi dell'Istituto
Majorana intendo? E' giusto
Cita messaggio
Grazie da:
#2
Se la vai a prendere direttamente dai mirror di Ubuntu , fuori dubbio che sia la versione autentica , se scarichi una Remix , tale è e tale reesta . Ma non è affatto detto , anzi tutt' altro che in versione autentica sia migliore , per il semplice piu e semplici motivi

1) Le reemix come pure le derivate non ufficiali nascono dal supporto originale , dopo averne adeguato le esigenze software alle propre ed averne aggiornato lo stato del SO al giorno in cui vengono poste on line. Ed il loro fine specifico è quello di renderle disponibile a chi ha esigenze eguali o quantomeno simili a quelle ci chi ricrea il supporto.
Ne consegue che essendo oggetto di più avanzato stato di aggiornamento , se la remix soddisfa le esgigenze perquanto concerne il software che preinstallano per default diventano ampiamente preferibili alla ormai vecchia iso originale. Anche in Ubuntu 16.04.1 installato oggi da supporto originale si rende necessari un dist-upgrade immediato postinstall comprendente di fatto il SO intero.
Cita messaggio
Grazie da:
#3
Forse mi sono espresso male, sono d'accordo su tutto quello che hai detto,
del resto anch'io ho fatto delle piccole modifiche sul mio 14.04.01 LTS,
quello che volevo sapere è solo che negli aggiornamenti compare sempre
la scritta che se si vuole aggiornare è disponibile anche la nuova versione
di Ubuntu 16.04.01 LTS.
La mia domanda si riferiva a quello, cioè se quello era remixato,
so bene che quelli che rivedete voi sono migliori se non altro perchè
sono per lo più in Italiano. Grazie
Cita messaggio
Grazie da:
#4
Mai usato le remixate...per motivi di tempo...e sono sempre state in italiano...Wink
Cita messaggio
Grazie da:
#5
direi che con 16.04 fare una remix è diventato quasi inutile, lei ha già molto. cosa fare poi per completarla è proprio poca cosa.
Cita messaggio
Grazie da:
#6
Ciao,

ho letto in qualche post qui sul forum che quando si passa da una versione all'altra di Ubuntu, è meglio installare da capo, specialmente se si usano le remix o se si sono fatte parecchie personalizzazioni e modifiche.
Suppongo perché quello che viene proposto dall'aggiornamento è la versione ufficiale.
Io ho provato ad aggiornare dal 12.04 Classic REmix del prof Cantaro al 14.04 ma non è riuscito. Alla fine ho installato Ubuntu 14.04 Mate.
Se ti dà fastidio la finestrella del gestore aggiornamenti con la proposta di passare da Ubuntu 14.04 a 16.04 fai così:
http://www.istitutomajorana.it/forum2/Th...LTS-Ubuntu
Cita messaggio
Grazie da:
#7
Evidentemente oggi proprio non riesco a farmi capire, comunque ringrazio
lo stesso Marilù. Non era questo che intendevo, so bene quello che devo fare
per passare da una distro ad un altra.
Io volevo solo sapere se la versione 16.04 LTS è stata remixata
dal dott. Cantaro o chi per lui oppure no.
Cita messaggio
Grazie da:
#8
ti ho già risposto. per la specifica > Cantaro o chi per lui la risposta è no! questo a nome mjorana. poi da prancofait magari qualche cosa trovi, non so, prova a guardare.
Cita messaggio
Grazie da:
#9
https://faitfranco.wordpress.com/categor...-derivate/
Cita messaggio
Grazie da:
#10
(10-12-2016,20:21 )dxgiusti Ha scritto: direi che con 16.04 fare una remix è diventato quasi inutile, lei ha già molto. cosa fare poi per completarla è proprio poca cosa.

Non sono d' accordo . Le iso originali non preinstallano nulla in più di quel che hanno sempre installato , anzi , è stato mantenuto in preinstalazione il solo LibreOffice , a tutto il resto devi provvedere te , per quanto semplice possa essere disponendo di Ubuntu-software-center.
La ragione delle remix non è inoltre legata essenzialmente al software che viene preinstallato dal SO ,ma quella di poter offrire un supporto installazio con stato avanzanto recente e non di lunghi mesi prima con la conseguente necessità di intervenire fin dal primo riavvio postinstal con eccessivamente corposi ed estenuanti operazioni dist-upgrade potenzialmente scoraggianti per utenti al primo approccio col SO.
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)