Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Vogliamo il VERO "Made in Italy"
#1
Nel programma delle Iene hanno invitato tutti quelli che ne sentono la necessità a firmare la petizione sotto linkata, se volete..... Tutto Bene  Tutto Bene  Tutto Bene  Tutto Bene

LINK
Roberto Bologna
GUIDA CUCINA
Cita messaggio
Grazie da: Ubunter
#2
non condivido. le solite inchieste populistiche. tutti contro a quanto si importa ( magari con motivazioni serie ) ma quello che esportiamo? il nostro agroalimentare con l'estero stà andando a gonfie vele. l'autarchia l'abbiamo già sperimentata.......... mai dimenticare la storia.
Cita messaggio
Grazie da:
#3
@ludaluda
Firmato !
[Immagine: http://i61.tinypic.com/migwsz.jpg]  [Immagine: http://i65.tinypic.com/2rp9u80.jpgGrazie al cielo esiste Linux
Cita messaggio
Grazie da:
#4
Si, ma la petizione quale sarebbe scusate? Vogliamo il VERO made in italy? E che petizione sarebbe? Chi non lo vuole il vero made in italy? Ma soprattutto dov'è la proposta di legge? (intendo il testo)
Altrimenti si fa solo demagogia, perché questa non è una petizione, è una perdita di tempo.
Cita messaggio
Grazie da:
#5
Undecided  non vedo cosa c'entra l'autarchia con il fatto che  su tanti prodotti ci sono etichette subdole che ci ingannano facendoci credere che il prodotto sia italiano quando non l'ho è. Se i cittadini non si smuovono facendo sentire la loro voce  campa cavallo che i nostri politici si attivino (spetta a loro!)per fare una proposta di legge ad hoc , per far si che non vi siano equivoci sulla reale provenienza di tutti i prodotti indipendentemente che siano italiani o esteri.
Non richiedermi l'amicizia, siamo già amici  Big Grin il mio blog LinuxEasy  Tux

Cita messaggio
Grazie da:
#6
non si può! rendiamoci conto della situazione. facciamo parte di una comunità, l'europa dove valgono determinate regole frutto di trattati condivisi. non è che domani uno dice io non ci stò più........ e tutto cambia. esempio se per l'europa è corretto produrre formaggio con la farina di latte, quello si fa anche se il latte non si sa dove è stato munto. noi reclamiamo, facciamo il formaggio e lo dichiariamo "prodotto in italia" e lo esportiamo. funziona cosi. stessa cosa per l'olio ecc.ecc.
Cita messaggio
Grazie da:
#7
Concordo con bilodiego la questione non sono le importazioni. Il problema è spacciare per made in italy qualcosa che di fatto non lo è solo perchè così rende di più in barba ai consumatori. E secondo me nell'agroalimentare made in italy dovrebbe essere in primis ciò che viene coltivato e allevato in Italia.
Cita messaggio
Grazie da:
#8
anche io lo vorrei ma questo non è possibile.
Cita messaggio
Grazie da:
#9
Si tratta di tutelare meglio i nostri prodotti, non disdegno di usare anche prodotti o cibo dall'estero, ma devo esser sicuro della loro provenienza e non spacciato come prodotto italiano, se voglio vino francese, tale deve essere, se voglio olio pugliese non è giusto che mi venga rifilato un olio dalla spagna o dall'egitto con etichetta contraffatta, ci vuole solo chiarezza sul commercio, che sia made in italy o in germany etc.
Se vuoi vedere cosa che non hai mai visto devi fare cose che non hai mai fatto.
Cita messaggio
Grazie da: eu66
#10
Sarebbe bello, ma impossibile da attuare. In tutti quei fatiscenti capannoni tra Osmannoro e Prato in cui lavorano 1000 cinesi in 300 metri quadri, si produce il "made in italy", ed è tutto legale, perché "prodotto in Italia", anche se con manodopera NON italiana e con materia prima importata da chissà dove. Allora se vietiamo le importazioni di questa "materia prima", perché mai quel Paese d'origine non dovrebbe vietare il nostro export? E poiché l'export è materia di Diritto nazionale, e non privato, questo equilibrio si ripercuote a tutti i livelli, agroalimentare incluso. Prima hanno ammazzato il comparto con le quote latte, adesso che le hanno tolte il colpo di grazia, perché produrre più latte implica maggiori consumi, maggiori consumi maggiore import di foraggio e insilato da dove? Romania, Moldavia, Ucraina, Czech Republic, Polonia, e questo è il made in italy. È sbagliato pensare che la filiera debba partire dall'alto, dal produttore, deve partire dal basso, dalla consapevolezza del consumatore, perché una legge sul made in italy, seria, non si farà mai perché non si può fare. Non c'è riuscita la Svizzera, può riuscirci l'Italia?
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)