Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Windows 10 vuole la guerra? .. E guerra sia
#1

Windows 10 pare abbia dichiarato guera alla nostra privacy. Aggiornamenti obbligatori, lettura della posta e dei nostri documenti, concessione ad altri del nostro WiFi, localizzazione e tante altre cose ancora. Abbiamo disattivato queste imposizioni ed ecco che con gli aggiornamenti tutto torna come prima. Contrattacchiamo con Mostonet Privacy Suite 3.12 è la prima suite integrata di carattere difensivo e gratuita in grado di garantire privacy e pulizia in Windows 10. Utilizzabile sia in ambito lavorativo, sia in ambito domestico. Fornita, anche, di scanner anti-malware di emergenza, utile nel caso si abbia il sistema operativo infettato. Disponibile per Windows, sia in versione installabile, sia in versione portable e sia in versione aziendale. Mostonet Privacy Suite è la prima suite progettata con l'obiettivo di garantire la privacy dell'utente in ambiente Windows 10, sia a 32 bit, sia a 64 bit ... continua ...
Cita messaggio
#2
Suite installata e avviata su windows 8.1, nessun problema, perfino la guida integrata è in italiano.
Win 10? Nonostante la grancassa di Microsoft non penso di installarlo. Da quando ho Linux, mi sembrerebbe di installare un vecchio motore diesel dentro un astronave... ;-)
Cita messaggio
Grazie da:
#3
Buongiorno, volevo sapere se  vi siano ncompatibilità note con avast free.
Complimenti per la suite, veramente ottima
Cita messaggio
Grazie da:
#4
Tutti e solo inutili palliativi , il problema microsoft non si risolverà mai continuando ad utilizzarne i sui prodotti , ma eliminandoli completamente e tutti SO in primis dai propri computer .
Finchè ci si ostinerà nel volerli usare , microsoft può continuare a crescere indisturbata facendo bello e cattivo tempo a suo piacere.
Cita messaggio
Grazie da:
#5
(21-11-2015,10:29 )francofait Ha scritto: Tutti e solo inutili palliativi , il problema microsoft non si risolverà mai continuando ad utilizzarne i sui prodotti , ma eliminandoli completamente e tutti SO in primis dai propri computer .
Finchè ci si ostinerà nel volerli usare , microsoft può continuare a crescere indisturbata facendo bello e cattivo tempo a suo piacere.

Veramente MS ha già perso. E' quasi irrilevante nel mobile, ed arranca nei server e nel cloud. Nel 2014 i dispositivi Android venduti soono stati quasi 4 volte quelli Windows (http://www.gartner.com/newsroom/id/2954317), una distanza che continuerà a crescere nei prossimi anni. Adesso Google deve solo trovare la chiave giusta per infilarsi nei sistemi aziendali e la partita sarà chiusa definitivamente.

Tuttavia non c'è da stare allegri. Si rischia di cadere dalla padella nella brace.
Chi sa capire tutto è molto infelice (Maksim Gor'kij)
[Immagine: http://www.istitutomajorana.it/forum2/at...p?aid=7740]
Cita messaggio
Grazie da:
#6
Nel mobile  non ha mai contato  nulla, meno del 2 % del mercao globale    , nel ramo server poco più , nel cloud è tutto discutibile , ma nelle postazioni fisse  impera , nell' uso giornaliero è l' utilizzo su postazione fissa , sia a livello casereccio che e tantpiù professionale quello che più conta. . Il server serve se esistono client che ne fanno uso , altrimenti no server a niente.  Il mobile bene vada concede ridotte e ben delimitate possibilità  di lavorare in condizioni di mobilità . Il cluod fa testo solo a se stesso  ed è scommessa sulla quale tutti i grandi e principali competitor operano  in stretta collaborazione con giganteschi investimenti che da soli non potrebbero permettersi. Nel progetto Azure  di microsoft , i principali colossi linux  ci  sono di fatto tutti .
Microsoft non ha perso niente , non è mai stata al primo posto fra le grandi aziende dell' informatica , oscilla da sempre fra la quarta e la quinta posizione , capitalizza e fattura meno della metà di RedHat .
Cita messaggio
Grazie da:
#7
(21-11-2015,11:32 )francofait Ha scritto: Nel mobile non ha mai contato...

Il ragionamento che facevo è di prospettiva ovviamente. Le attuali distinzioni tra Pc tradizionali e device mobile sono destinate a scomparire rapidamente perché disorientano gli utenti e aumentano i costi delle aziende. Non è un caso che lo smartphone con Ubuntu dovrebbe essere un convertibile che una volta arrivati a casa si connette ad una dock e si usa come un computer.

Non sono neppure dell'idea che le postazioni fisse contino di più anzi... Ci sono servizi come Instagram che hanno 600 milioni di utenti e non si possono usare da PC. Google, Facebook e decine di altre aziende danno ormai priorità al mobile, mentre per il desktop non sviluppano quasi più nulla (ricoradate Google Desktop, Google talk, Gear...). La stessa LibreOffice lavora ormai da tempo per fornire il servizio nel cloud e sotto forma di app per Android.

Ciò che a me personalmente dispiace è che in questo scenario Linux continui ad essere assente (si, Android usa il Kernel ma fatico a pensarlo coma una distro...). Siamo tutti li a deliziarci di quanto siano belli e potenti i nostri desktop senza renderci conto che con ogni probabilità resteremo marginali anche nel prossimo futuro. Ed è un peccato perché Linux è nato per la rete.
Chi sa capire tutto è molto infelice (Maksim Gor'kij)
[Immagine: http://www.istitutomajorana.it/forum2/at...p?aid=7740]
Cita messaggio
Grazie da:
#8
Nell' uso come postazione fissa , smartphone e gadget vari che si voglia servono a ben  poco , non si lavora  su schermi di dimensione ridotta  , illusorio pensare di farci grafica di alto livello  ad uso professionale , e neppure gestire con profitto attività produttive. Una volta a casa , il lavoro eseguito in mobile su fisso va ripreso su una  postazione vera e di tutto rispetto . Linux di marginale non ha nulla , basta decidersi  a capire che windows per la stessa microsoft  con la versone 10  è al capolinea  , Azure  fa  già attualmente perno su kernel linux  sul quale farà perno anche la futura generazione di SO MS. Smart  ed inutilgadget vari  possono essere sufficenti  solo  al piccolo utente semionto , che di internet e rete in genere ne ha bisogno solo per chattare, inviare o ricevere mail e telefonare o perder tempo in stupid-games .
Marginale Linux lo è solo da noi in italia , in nessun altro paese al mondo MS vanta una capacità di mercato come in Italia , eterna ultima rota del carro.
Cita messaggio
Grazie da:
#9
Una volta installato "Mostonet Privacy Suite v3.19" non devo fare nient'altro? Grazie
Cita messaggio
Grazie da:
#10
(21-11-2015,12:40 )francofait Ha scritto: illusorio pensare di farci grafica di alto livello
La grafica professionale non la fai neppure con un PC di fascia media, ci vuole hardware dedicato (credimi ne so qualcosa...). Resta il fatto che l'utente normale non fa grafica professionale...

(21-11-2015,12:40 )francofait Ha scritto: il lavoro eseguito in mobile su fisso va ripreso su una  postazione vera e di tutto rispetto
Con Google Drive o con una delle decine di app office per Android si creano documenti di tutto rispetto. Al massimo bisogna collegare una tastiera...

(21-11-2015,12:40 )francofait Ha scritto: Linux di marginale non ha nulla
Linux è marginale nei numeri, la stima più generosa gli atribuisce il 5% del mercato desktop. Non è mica un'offesa. Anche Ferrari e Ducati sono marginali come volumi di vendita senza che questo ne riduca il prestigio.

(21-11-2015,12:40 )francofait Ha scritto: Marginale Linux lo è solo da noi in italia
L'Italia è tra i primi 15 paesi al mondo per l'adozione di Linux http://royal.pingdom.com/2011/05/12/the-...top-linux/. Non saremo i migliori ma neppure gli ultimi della classe.
Chi sa capire tutto è molto infelice (Maksim Gor'kij)
[Immagine: http://www.istitutomajorana.it/forum2/at...p?aid=7740]
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)