Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
creare usb avviabile
#1
Wink 
Mi capita di leggere problematiche relative a come inserire l'immagine del sistema, la .iso dentro una usb.
Parliamo di immagini di ubuntu o sue derivate o remix, l'operazione può diventare semplice, senza l'ausilio di programmi esterni.
Come operazione preliminare raccomando tramite gparted, di ricreare la tabella partizioni msdos della penna e di creare una nuova partizione primaria FAT32 ( mettiamo anche un nome alla penna, a piacimento ).


Inseriamo ora la nostra usb, il sistema rilevandola la monterà in automatico. Dal terminale digitiamo:
Citazione:sudo fdisk -l
invio, pswd, invio. questo per essere certi di come viene identificata la nostra ( esempio: dev/sdh, oppure altro ).
Nel comando ho messo > sudo <, se operate con altre distribuzioni, dovete semplicemente diventare amministratori, esempio con PCLinuxOS il comando sarà > su <. Ora che sappiamo come è identificata la nostra usb, dal gestore, la home_nostro_nome, smontiamo ( no espelli ma smonta ) la stessa.
A questo punto portiamoci nella cartella dove abbiamo la nostra distribuzione.iso, ed apriamo il terminale nella stessa e scriviamo:
Citazione:sudo su
invio, pswd, invio. saremo amministratori, scriviamo dopo il cancelletto:
cat nome_esatto.iso >/dev/sdx
dove la x corrisponde alla lettera prima rilevata con fdisk -l, invio. pochi attimi ed avrete la vostra penna avviabile con la distrubione da avviare  in live oppure installare su qualsiasi computer.
Cita messaggio
Grazie da: bilodiego , eu66 , esabatad
#2
e che bisogno ci sarebbe di formulette magiche dal momento che usi gparted ?
dopo aver reinizializzato mbr , ricrei le partizioni che vuoi sempre da gparted , è la sua funzione , creare e gestire le partizioni senza bisogno di formulette magiche dal terminale.

.
Cita messaggio
Grazie da:
#3
Le iso di ubuntu , per essere trasferite su qualsivoglia supporto sia pendriver che hardisk neppur ne han bisogno di programmi esterni , ne di suppoti dvd o pennine , e neppure di unetbootin che esterno in ubuntu non lo è proprio , è da sempre direttamente disponibile dalle repositry ufficiali.
Basta ed avanza gnome-disk-utility , a convertire l' unità di destinazione in clonecdrom ci pensa da se. Se hai disponibile libera un' unità hd che sia interna o esterna libera non utilizzata o che comunque noon contiene nulla di importante , di pendriver e nasterizztore non c' è alcun bisogno, e sia il trasderimento del' iso che la successiva installazione da SO in livemode sono molto più veloci che da cdrom o pendriver.
Cita messaggio
Grazie da:
#4
Potresti gentilmente chiarirci come si fa,ho sperimentato che gnome-disks posso creare un immagine disco di una live su pen drive avviabile, e quindi ripristinarla su una altra, purchè più capiente, perchè l'immagine di una pendrive di 4gb crea un immagine disco più grande di 4gb.
Come fai a trasferire una live.iso su pendrive che sia avviabile e convertita,come fai a convertire l' unità di destinazione ?Insomma non ho capito e non so come con gnome disk gestisce il file .iso. di una live.
Ho provato ha trasferire una live.iso con la funzione ripristina immagine,sulla pendrive ma mi fa solo copia del contenuto della iso e non è avviabile ne gestibile, mi aspettavo che funzionasse tipo come quando si avvia una live.iso in virtualbox.
Non richiedermi l'amicizia, siamo già amici  Big Grin il mio blog LinuxEasy  Tux

Cita messaggio
Grazie da:
#5
io con dischi se ripristino immagine su penna usb di una .iso esempio xubuntu plus, mi crea la penna avviabile del sistema.
Cita messaggio
Grazie da:
#6
Grazie At
Avevo provato con la iso di lubit e non era avviabile(non so se era un problema di pendrive)con la iso di xubuntu plus è andato a buon fine, ora sto provando con ubuntuplus.majorana fatto con sistemback.
Non richiedermi l'amicizia, siamo già amici  Big Grin il mio blog LinuxEasy  Tux

Cita messaggio
Grazie da:
#7
Ho provato tre volte con la iso ubuntu-1404-plus-remix-64.iso.
Niente da fare il risultato è quello che allego.

 p.s. ho provato con un altra iso della mia xubuntu ma fatta con systemback stesso risultato negativo, mentre la iso creata con remastersys funziona.


Allegati Anteprime
       
Non richiedermi l'amicizia, siamo già amici  Big Grin il mio blog LinuxEasy  Tux

Cita messaggio
Grazie da:
#8
[Immagine: https://francofait.files.wordpress.com/2....png?w=535]
da disk utiliti - evidenziare l' unità di destinazione e selezionare come operazione 'ripristino immagine'

[Immagine: https://francofait.files.wordpress.com/2....png?w=535]
caricare l' iso da trasferire sull' unità di destinazione

[Immagine: https://francofait.files.wordpress.com/2....png?w=535]
poi premere avvia ripristino

Nello screenshoot ho inserito la prima iso capitata sotto tiro relativa a pclinuxos - al quale però a differenza di Ubuntu e debian gnome-disk-utiliti rimane assai antipatico -
non serve altro . Come unita di destinazione in gnome disk utiliti - ripristino immagine non è valdo alcun supporto cdrom/dvd , sono ammessi solo supporti pendriver e unità disco - interni o sterni usb

Sempre dalla stessa funzione , è invece possibile ricreare un' immagine .iso da supporto cdronm/dvd , nel qual caso daremo una cartella utente come indirizzo di destinazione , ed il cdrom-dvd del quale necessita la ricostruzione del file.iso come indirizzo origine . Anche questa operazione è svolta molto velocemente.

Qualora come in figura , invece di pendriver si faccia uso di un' harddisk che interno o esterno non cambia nulla , tenere presente che con la clonazione cd su harddisk e ripristino di immagine.iso , tutti i dati presenti sull' unità sono da considerarsi persi , quindi , non utilizzare unità sulle quali avete dati o documenti da conservare.
Cita messaggio
Grazie da:
#9
Mille grazie, come avrai notato dal mio post sopracitato il meccanismo l'ho capito,ma rimane il fatto che con le iso fatte con systemback falliscono e si presenta la problematica di cui ho allegato le immagini sopra.
Non richiedermi l'amicizia, siamo già amici  Big Grin il mio blog LinuxEasy  Tux

Cita messaggio
Grazie da:
#10
Le iso ubuntu fatte con l'' attuale versione che dovrebbe essere aggiornata a breve falliscono in ogni caso , ma non ne ha colpa ne gnome disk , ne altre utiliti interne . L' autore del progetto ha temporaneamente concetrato tutto il tempo necessario sulle versioni per Debian Jessie , sulle cui distribuzioni , funziona difatti alla grande in tutte le versioni , ed in tutte le remix ufficiali o no incluse le mie
Conseguenza logica serve un pò di pazienza e tener d' occhio il sito del progetto che non è in PPA ma qui.

http://sourceforge.net/projects/systemback/

Per quanto riguarda Remastersys , visto che a quanto sempbra anche i sorgenti sono stati liberati , se ne stà occupando , Salvatore Rotilio , attivo in Facebook ma anche utente registrato qui sul forum , e sembra che con molta pazienza qualcosa si possa fare , anche se probabilmente con qualche limite. (l' impossilità di utilizzare fs squash con xcompress in remastersys è già di per se un grosso limite per la creazione di remix personalizzate , e finora neppure l' ultimo)

https://www.facebook.com/groups/Monfy.Mate/
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)