SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
impaginazione libro - gestire numeri di pagina
#11
Fermo restando quanto già suggerito circa l'utilizzo di un word processor per creare libri, venendo alle tue richieste un controllo del formato/numerazione pagina lo puoi attuare anche attraverso la formattazione paragrafo.
Formato - Paragrafo - tab flusso di testo - Interruzioni
Puoi così far partire uno specifico paragrafo (o quello dopo) con un nuovo stile di pagina (che chiaramente può essere il medesimo della precedente) e con una nuova numerazione. Tieni presente che inserendo una nuova numerazione devi comunque alla fine ricontrollare tutto perché è assoluta e se cambia il numero di pagine precedenti ti sballa tutto.

Progettare prima gli stili pagine e paragrafi è comunque essenziale per un lavoro così complesso.
Bye,
Token
Cita messaggio
Grazie da:
#12
(28-07-2018,12:19 )token Ha scritto: Progettare prima gli stili pagine e paragrafi è comunque essenziale per un lavoro così complesso.
...ed è proprio quello che LaTeX ti evita di fare: è tutto già perfettamente progettato per la tipografia professionale, se ci scrivi un libro tu devi solo scrivere il contenuto, se inserisci un'immagine devi solo dire "dove", al resto ci pensa il programma,.. e così via per qualunque cosa possa venirti in mente, a partire dalla creazione di indici, glossari, bibliografie, elenchi ecc. ecc.

@frondizi
il problema è che... non hai capito il problema!
La scelta del formato dei caratteri non è a tuo carico con questo tipo di programmi; il solo compito dell'autore è decidere se un pezzo di testo è in una sezione, o in una sottosezione che a sua volta appartiene ad un certo capitolo.
La lentezza dell'elaborazione è dovuta al fatto che l'impaginazione guarda al documento prodotto nella sua interezza: se tu modifichi anche una sola parola, per rispettare tutte le regole tipografiche il documento viene in ogni caso rivisto per intero; così se scrivi un libro di 1000 pagine e tu cambi una virgola, la "compilazione" dle documento viene rifatta per intero; per accelerare il prcesso infatti si preferisce definire un documento "master" che punta le varie sezioni del libro; poi si crea un file di testo per ogni capitolo, così, per esempio, un libro di 20 capitoli è fatto da almeno 21 file, che possono essere compilati separatamente per vedere il risultato (basta dire al documento master di non includere i capitoli ancora in lavorazione o già completati).
Ovviamente puoi anche scegliere di mettere tutto in un solo file ma non è conveniente; inoltre ogni singolo aspetto del documento è personalizzabile: non ti piace il font? lo cambi! non vuoi il corpo 11? lo cambi.

P.S.
MikTeX funziona benissimo anche se inizialmente si perde un po' di tempo perché è necessario eeguire il download di (possibilmente) tutti i pacchetti che servono a TeX, sono alcune centinaia (compreso il supporto a tutte le lingue), per un totale di circa 6 GiB di spazio disco occupato.

Il problema di fondo sai qual è?
Che in realtà non vuoi imparare ad usare LaTeX. Ma se cominci e vedi cosa ci puoi fare non potrai più tornare indietro, è troppo superiore a qualunque word processor proprio perché non è un word processor.
Il mio blog: ZEROZEROCENT.BLOGSPOT.COM
Supporto su Informatica Libera
LEGGE DI MURPHY: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE, LO FARA'
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: