Consenso all'uso dei cookies

SITO1 -- SITO2 -- Forum1 -- CercaGlobale -- Informativa su Cookie e Privacy


//Removed by EUCookieLaw Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
installare in dualboot senza dispositivi
#1
Star 
alcune volte mi è capitato di leggere problematiche relative alle penne usb per avviare in live una distribuzione.
vediamo come superare questo problema. io parto da un HD con installato seven. tralascio la parte di come ricavare uno spazio per poter eventualmente installare, diventerebbe troppo complicato parlare di tutto.
per fare questo mi servirò di due programmi scaricabili gratuitamente:

easybcd ( si scarica senza bisogno di registrazione )
https://neosmart.net/Download/Register

winrar
https://www.winrar.it/prelievo.php

Per fare questa operazione, dobbiamo creare una partizione in Fat32. io la creo con il programma di win > crea e formatta partizioni disco < la dimensione dipende dalla iso, io faccio 5 GB, riavvio il sistema perchè la riconosca.
Ora in questa partizione, incollo la ISO del sistema che voglio avviare in live.
usando winrar decomprimo la iso ed estraggo i file sempre nella stessa partizione.
lui me li estrai in una cartella, la devo eliminare. taglio i file contenuti e li incollo dentro la partizione. elimino poi la cartella vuota.
adesso nella partizione, ho la iso ed i file che essa contiene.
avvio ora easybcd precedentemente installato, lui è in grado di riconoscere l'installer della iso.

seleziono la iso nel suo percorso, salvo, controllo i sistemi che riconosce, salvo.

abbiamo fatto tutto quello che serve. ora non resta che riavviare seven, apparirà la pagina di scelta di easybcd, noi selezioneremo il nostro ubuntu ( ubuntu se abbiamo cambiato il nome altrimenti apparirà Voce NeoSmart ISO )

Ho provato con:
Ubuntu 15.10
PCLinuxOS-XFCE
Ubuntu 14.04 Plus-Remix

questa ultima ISO è creata con Systemback. nessun problema con nessuna delle distribuzioni.
Ho fatto un filmato:
https://copy.com/KaaziVvs0U4B3eH8
la parte centrale è la solita di come installare una plus creata con systemback, la parte finale si vede come elimino sempre con easybcd la scelta di ubuntu  ( quello della iso su partizione fat 32 ) e come elimino lo spazio della partizione e lo inglobo in seven.
se qualcuno ha problemi con usb da avviare in live e non ha il lettore in grado di leggere un dvd, ora sa che può.
una precisazione, questa procedura è valida su sistemi installati in legacy mode, ossia con avvio su mbr.
con sistemi gestiti da efi tutto questo non vale.

questo il video da visualizzare a schermo intero con l'installazione di PCLinuxOS ( remix di tuxino ):

Cita messaggio
Grazie da: bilodiego , eu66
#2
Che genialata Tongue, ottimo dxgiusti !!!

P.s.
Per chiarirmi, è fattibile anche con iso ufficiale di ubuntu o creata con remastersys? Visto che hai testato anche con ubuntu 15.10,
Non richiedermi l'amicizia, siamo già amici  Big Grin il mio blog LinuxEasy  Tux

Cita messaggio
Grazie da:
#3
si come ho detto, iso ufficiale oppure iso "systembak" funziona.
ora resta di trovare un modo semplice da ubuntu...... ma stò tribulando. non voglio editare il fstab ecc., deve essere di facile esecuzione.
Cita messaggio
Grazie da:
#4
Da ubuntu potrebbe essere anche più semplice secondo questo topic della wiki di ubuntu che riporta il fatto che Grub2 è in grado di fare il boot di molte distro, da installare eventualmente su HD. Forse però potrebbe non funzionare con distro che non hanno la stessa struttura logica di ubuntu.

Comunque si tratta solo di installare un pacchetto grml-rescueboot e installare le iso dentro /boot/grml.

La sto provando ora con la Mint 17.3 ufficiale e una remix con systemback.
Cita messaggio
Grazie da:
#5
Grande dxgiusti !! Smile  

Per Linux avevo trovato la soluzione: http://www.istitutomajorana.it/forum2/Th...drive-e-CD
[Immagine: http://i61.tinypic.com/migwsz.jpg]  [Immagine: http://i65.tinypic.com/2rp9u80.jpgGrazie al cielo esiste Linux
Cita messaggio
Grazie da:
#6
Ciao Teo,
l'avevo già letta la tua soluzione, ma mi sembra più comodo con grml-rescueboot che non richiede nessuna modifica manuale da parte dell'utente, né la creazione di partizioni ad hoc et similia.

L'ho provata e funziona con la Mint17.3, ma l'installer di systemback è diverso.
Quando potrò guardo se c'è verso di far partire anche quella.
Cita messaggio
Grazie da:
#7
ciao teo. l'idea nasce appunto dal tuo post. solo volevo una cosa semplice senza usare la shell, dove chiunque potesse fare.
ora ho bisogno di te.
sempre in questa ottica, facilità e solo con finestre grafiche vorrei vedere se partendo da ubuntu o altro si possa fare.
grubcustomizer è il programma che dovrebbe.......... permettere l'avvio, ma non parte.
sbaglio sicuramente qualche cosa ma cosa?
le mie nozioni sono quelle che sono, ecco perchè > ho bisogno di te <.
a risentirci.
Cita messaggio
Grazie da:
#8
Eeeehh. Mi stai sopravalutando !!
Ci darò un' occhiata appena posso anche se mi par d'aver letto che supertuxkart abbia trovato una soluzione Tongue
[Immagine: http://i61.tinypic.com/migwsz.jpg]  [Immagine: http://i65.tinypic.com/2rp9u80.jpgGrazie al cielo esiste Linux
Cita messaggio
Grazie da:
#9
(29-12-2015,21:12 )supertuxkart Ha scritto: Ciao Teo,
l'avevo già letta la tua soluzione, ma mi sembra più comodo con grml-rescueboot che non richiede nessuna modifica manuale da parte dell'utente, né la creazione di partizioni ad hoc et similia.

L'ho provata e funziona con la Mint17.3, ma l'installer di systemback è diverso.
Quando potrò guardo se c'è verso di far partire anche quella.

Stavo provando questa soluzione ed in effetti direi che si rivela abbastanza semplice da utilizzare, basta installare il pacchetto grml-rescueboot il quale creerà una cartella in /boot, precisamente la /boot/grml.

Arrivato a questo punto bisogna solo copiare la ISO che vogliamo avviare in questa cartella e dare un update-grub per ritrovarla nel GRUB, tuttavia ho incontrato qualche difficoltà a far partire alcune ISO.

- Mint è partita perfettamente e sono riuscito a provarla in live, quindi immagino che Ubuntu e tutte le sue derivate non dovrebbero avere problemi.

. Una ISO Debian creata con Systemback si avvia ma poi si pianta il caricamento e non procede più.

- Ho messo una ISO di Parted Magic ( che fa sempre comodo ) ma non ne ha voluto proprio sapere di avviarsi. Stessa cosa con il cd d' emergenza di Kaspersky basato su Linux.

Ho testato il tutto su Debian.
[Immagine: http://i61.tinypic.com/migwsz.jpg]  [Immagine: http://i65.tinypic.com/2rp9u80.jpgGrazie al cielo esiste Linux
Cita messaggio
Grazie da:
#10
Dimenticavo una cosa importante..

Il nome della ISO non deve contenere i trattini ( - ) o spazi vuoti e in caso di più parole meglio mettere un underscore ( _ ) o unirle  altrimenti durante l' update-grub il terminale restituisce un errore e l' operazione fallisce.

Linux Mint-17.2.iso      --> NO
Linux_Mint_17.2.iso    --> SI
LinuxMint.iso                --> SI
[Immagine: http://i61.tinypic.com/migwsz.jpg]  [Immagine: http://i65.tinypic.com/2rp9u80.jpgGrazie al cielo esiste Linux
Cita messaggio
Grazie da:


Vai al forum: