Consenso all'uso dei cookies

Perchè passare a Linux
Forum Majorana Informatica Benvenuti

Forum Majorana Informatica Videoguide Uso

Guida Pratica - Come passare al Software Libero, Open Source e Free, senza traumi per aziende e privati

Utilità web gratuite ordinate per categoria

Corso facile di informatica gratuito
Ubuntu Primi Passi - Videoguide italiane

BLOG FAQs
Ubuntu 10.04 errore per chiave Medibuntu
mercoledì 05 maggio 2010

Perché Ubuntu 10.04 Plus-5 Remix mi dice che la chiave Medibuntu non è disponibile?



Ubuntu 10.04 Lucid

Domanda 

Quando effettuo l’aggiornamento di Ubuntu 10.04 Plus-5 Remix mi compare un errore, meglio un avviso del tipo:

W: GPG error: http://packages.medibuntu.org Lucid Release: Le seguenti firme non sono state verificate perché la chiave pubblica non è disponibile: NO_PUBKEY 2EBC26B60C5A2783

 Come faccio ad inserire la chiave pubblica?

 

Risposta

La cosa è semplicissima, segui le indicazioni in riportate di seguito.

 



Come risolvere il problema


 

Nella versione Ubuntu 10.04 Plus-5 Remix, è stao inserito il repository di Medibuntu. Qualche voltà si può avere problema con la chiave pubblica. Basta semplicemente scarica il sottostante file:

Si tratta di un file .deb, quindi basta fare doppio click su di esso per installalo. In questo modo verrà inserita la chiave pubblica ed il problema è risolto.


Medibuntu Logo

 

Se volete inserire il repository di Medibuntu che serve per installare codec e software per multimedia, non presenti in Ubuntu (nelle mie versioni Plus è già presente), vi basta scaricare il file sottostante (si tratta di uno script):

Basta fare doppio click su di esso e scegliere l'opzione: Esegui nel terminale.

NOTA: se lo script non viene lanciato, ma si apre solo l'editore di testi Gedit, fate click col destro sul file repository-medibuntu.sh, quindi scegliete Proprietà. Si apre una nuova finestra. Click sulla linguella Permessi ed in basso inserite una spunta nel quadratino Esecuzione  [ ]  Consentire l'esecuzione del file come programma. Click su Chiudi.

 


 

Ultimo aggiornamento ( domenica 07 giugno 2015 )
 
Ubuntu 10.04 Plus5 errori aggiornamento
mercoledì 05 maggio 2010

Perché Ubuntu 10.04 Plus-5 Remix mi da errori durante l'aggiornamento?



Ubuntu 10.04 Lucid

Domanda 

Utilizzo Ubuntu 10.04 Plus-5 e quando effettuo l’aggiornamento mi compare l’errore:

http://www.geekconnection.org /remastersys /repository/karmic/Packages.gz 404 Not Found

Come posso risolvere il problema?

 

Risposta

Non si tratta di un errore. Semplicemente di un problema momentaneo. Il repository di Remastersys non funziona perché, in questi giorni il loro sito (server) è fuori uso. L’autore dice che sarà riparato al più presto.  Sotto, comunque, è indicato come risolvere il problema

 



Come risolvere il problema


 

In Ubuntu 10.04 Plus-5 Remix, ho inserito il repository per Remastersys (software per creare l'immagine ISO della propria versione personalizzata di Ubuntu). Indico un metodo per evitare gli avvisi di errore (vedi figura sotto) senza cancellare il repository che potrebbe essere utile in futuro e comunque appena il server (di Remastersys) viene rimesso a posto. 


Errore repository Remastersys

Errore repository Remastersys

 

Bisogna andare in:

Sistema / Amministratore / Sorgenti software

In Ubuntu 10.10 Ufficiale non trovate più Sorgenti software al percorso indicato sopra (mentre lo trovate ancora nella mia Plus6). Pertanto potete seguire questo percorso:

Applicazioni / Ubuntu Software Center / Modifica / Sorgenti software

Altro percorso possibile:

Sistema / Amministrazione / Gestore pacchetti / Impostazioni / Repository

Dopo avere inserito la password, si apre la relativa finestra, fare click sulla linguetta Altro software che contiene anche il repository:

http://www.geekconnection.org /remastersys /repository/karmic/

Nella figura che segue viene indicato il repository:


Repository di Remastersys

Repository Remastersys da disattivare

 

Basta fare click sul quadratino indicato dalla freccia rossa (nella figura in alto) e togliere la spunta, se presente.  Quindi fare click su Chiudi. Adesso l'errore non si presenterà più ed in futuro o comunque appena il server di Remastersys si rimette in funzione, potete rimettere la spunta.

Ovviamente quanto detto ha una portata più generale, ossia, se il problema dovesse presentarsi con altri repositories, possiamo sempre togliere, momentaneamente, la spunta sul repository interessato dall'errore. Il repository non abilitato (o eliminato), non permetterà l'aggiornamento del software cui si riferisce, nel momento in cui effettuiamo l'aggiornamento.   

Se non siete riusciti  ad installare Remastersys, per i problemi prima indicati, potete risolvere con questa guida:

Remastersys salva Ubuntu in DVDAvete installato Ubuntu 12.10 o versioni precedenti e lo avete personalizzato (aspetto grafico, nuovi programmi, ecc...). Ora vorreste salvare questa vostra versione personalizzata di Ubuntu, magari per reinstallarlo in caso di bisogno o distribuirlo agli amici. Remastersys è quello che serve per creare la ISO per DVD del vostro Ubuntu personalizzato. Ecco la guida ...

Remastersys salva il tuo Ubuntu su DVD


 


 

Ultimo aggiornamento ( domenica 07 giugno 2015 )
 
Ubuntu 10.04 fare funzionare k3b ed altro
mercoledì 05 maggio 2010

Perché in Ubuntu 10.04, K3b, Amarok, Audacity ed altro non funzionano?



Ubuntu 10.04 fare funzionare k3b ed altro

Domanda 

Dopo avere installato diversi programmi per KDE, quali k3b, Amarok, ed altri, non riesco ad utilizzarli in quanto si chiudono indicando errori. Lo stesso succede anche utilizzando Ubuntu Plu-5 fai da te. Esiste una soluzione?

 

Risposta

La soluzione è semplicissima. Il problema, spesso, consiste nel fatto che la cartella .kde risulta bloccata o con permessi limitati. Basta seguire i semplici passaggi sotto indicati.

 



Come risolvere il problema


 

Per prima cosa dovete controllare se vi sono cartelle bloccate (catenaccio o altri simboli) all'interno della Cartella home. Da Ubuntu in alto a sinistra, click su Risorse / Cartella home. A questo punto, da tastiera date:

Contrl+h

per rendere visibili le cartelle nascoste che sono quelle col punto davanti al nome. Cercate se vi sono cartelle bloccate col simboli strani (catenaccio o altri), tipo quelli riportati nell'immagine sotto:

Cartelle bloccate

Se le trovate, dovete cancellarle, ma essendo bloccate vi sarà impedito. Ecco allora come procedere.

Chiudete tutte le applicazioni, aprire il terminale (Applicazioni  / Accessori / Terminale) ed incollate (o digitate) il comando:

sudo nautilus

Come indicato nella prima figura in basso. Verrà chiesta la password (se avete problemi click qui):  Si apre un Esploratore di file. Attenzione in quanto, adesso, è possibile fare qualsiasi cosa, quindi non cancellare file di sistema. Non resta che andare in

File system / home / nomeutente

per nomeutente s'ntende il nome con cui si è fatto il log-in in Ubuntu, in pratica il nome dell'account. Nell’esempio, dell'immagine, sotto la cartella che interessa  è anto  (il nome dell'account) e sta per nomeutente sopra indicato.

 

Cartella nascosta .kde

 

A questo punto, da tastiera dare:

Contrl+h

per rendere visibili le cartelle nascoste che sono quelle col punto davanti al nome. Cercare la cartella .kde (col punto davanti) e cancella. Chiudi tutte le finestre. Adesso dovrebbero funzionare tutti i programmi.

Per ulteriori notizie si rimanda alla pagina: Ubuntu cancellare cartelle e file bloccati

 


Ultimo aggiornamento ( domenica 07 giugno 2015 )
 
VirtualBox funziona pure con Ubuntu 9.10
martedì 05 gennaio 2010

Perché Ubuntu 9.10 non viene caricato da VirtualBox?



Ubuntu e VirtualBox

Domanda 

Ho cercato di caricare, su VirtualBox, l'immagine ISO di Ubuntu 9.10, da me creata con Remastersys, ma mi da errore e non la carica. Ho provato pure con Ubuntu Plus4 e mi torna sempre lo stesso errore.  Ho provato con precedenti versioni di Ubuntu e va tutto bene. Forse VirtualBox non supporta Ubnutu 9.10?

 

Risposta

Dopo l'uscita di Ubuntu 9.10, il Kernel viene aggiornato alla versione PAE. Infatti, dopo l'aggiornamento di Ubuntu 9.10, nella schermata iniziale troverai Kernel...generic-pae. In effetti VirtualBox supporta anche questo tipo di Kernel ma bisogna inserire una semplice spunta sull'apposita opzione.

 

Questa domanda se l'è posta  l'amico Alessandro Della Fontana e, dopo qualche ricerca, ha trovato la soluzione.



Come risolvere il problema


 

Qualora, caricando con VirtualBox, l'immagine ISO di Ubuntu si dovesse ottiene questo errore:

Errore VirtualBox per Ubuntu

 

Basta aprire VirtualBox e fare click su Porte seriali, nella parte destra della finestra.

VirtualBox scheramata principale

 

Si apre la relativa finestra dove fare click su Sistema, nella parte sinistra.

VirtualBox porte seriali

 

Adesso facciamo click sulla linguetta Processore (cerchiata in rosso nella sottostante figura).

VirtualBox processore

 

Non ci resta che inserire una spunta nell'opzione Abilita PAE/NX (cerchiata in rosso nella sottostante figura).

VirtualBox abilita PAE - NX

 

Abbiamo finito. Lanciando nuovamente VirtualBox, possiamo caricare, senza problemi, la ISO di di Ubuntu 9.10 

Ubuntu 9.10 sotto VirtuaBox

 

Ultimo aggiornamento ( domenica 07 giugno 2015 )
 
Ubuntu fare funzionare il nostro hardware
sabato 05 dicembre 2009

Ubuntu driver hardwareDiversi costruttori di componenti hardware non realizzano i driver per Linux o non ne fornisco il codice aperto. Quindi, una delle domande più frequenti posta dagli utenti Ubuntu-Linux, è: come posso trovare ed installare i driver  per fare funzionare i miei componenti hardware? A questa domanda daremo alcune risposte ...


Ultimo aggiornamento ( sabato 22 agosto 2015 )
Leggi tutto...
 
Ubuntu cancellare cartelle e file bloccati
martedì 11 agosto 2009

Ubuntu come cancellare o spostare cartelle e file bloccati? 

 

Cartelle bloccate

Domanda 

Ho copiato da un mio CD nei  Documenti di Ubuntu, una cartella contenente dei file. Ora vorrei cestinarla perché  non mi serve, ma Ubuntu non me lo permette. Come devo fare? Trovo  antipatiche queste "frontiere chiuse" (limitazioni), anche per  la cartella sistema, cosa che in Windows non si verifica.

 

Risposta

Ubuntu, grazie ad una  ottima gestione dei “permessi”,  non consente di modificare cartelle e file di sistema o che non siano di proprietà dell’utente o per i quali non si dispone dei permessi richiesti (amministratore). Potrebbe sembrare una scocciatura, invece è una gran cosa (sicurezza). Ti faccio un esempio: vai in Windows ed entra nella cartella system32 o in una qualsiasi cartella di sistema. Poi seleziona quello che vuoi e cancella, rinomina o sposta. Puoi fare quello che ti pare, non avrai impedimenti di sorta. Dopo, però, riavvia il sistema: Windows = morto. Tutto da reinstallare. Quello che tu  hai potuto  fare tranquillamente, può farlo, anche un virus, un activeX o qualsiasi malintenzionato entrato per il tramite di internet. Non mi sembra un gran pregio, direi, semmai, che si tratta di una grossa vulnerabilità. Se un virus entra in Linux e vuole cancellare una cartella di sistema, non può farlo in quanto gli  verrà chiesta la password, così come viene chiesta a te. La differenza è che tu, la password,  la conosci, il virus no.  Ma Linux non è un despota, se vuoi, tu sei il padrone e puoi anche cancellare le sue cartelle o file di sistema, ma almeno ti chiederà la password, che se è ben impostata, saprai solo tu e sarà quasi impossibile scoprire. Quindi, ciò che  tu vedi come “antipatiche le frontiere chiuse”, sono una sicurezza per il tuo sistema.

 

Esempi di cartelle bloccate col simboli strani (catenaccio o altri), tipo quelli riportati nell'immagine sotto:

Cartelle bloccate


Procedimento

Se proprio ci tieni a potere fare quello che vuoi e senza limitazioni, sempre che tu sia certo di quello che vuoi fare, allora, apri il terminale e digita (funziona anche il copia ed incolla):

sudo nautilus

Ti verrà chiesta la password, digitala con attenzione. Anche se ti sembra che, il terminale, non la prende continua a digitarla fino alla fine e poi dai invio da tastiera. Anche questo è fatto per una questione di sicurezza, ossia per evitare che qualcuno, nelle vicinanze, possa scoprire  di quante cifre è composta la password.  A questo punto si apre l'esploratore dei file, ma, adesso, avrai tutti i privilegi di amministratore, quindi stai molto attento in quanto puoi cancellare o spostare qualsiasi file o cartella (directory), anche se indispensabile per il sistema.

1 - Per cancellare qualcosa dalla cartella Documenti, vai in

Risorse / Computer / File system / home / tuo-nome-utente / Documenti

tuo-nome-utente è quello che hai dato all'installazione, ossia quello che usi per il log-in in Ubuntu, ovvero quello che trovi in alto a destra vicino al calendario. Un volta in Documenti seleziona quello che vuoi ed elimina.

2 - Per cancellare qualcosa dalla scrivania, vai in:

Risorse / Computer / File system / home / tuo-nome-utente / Scrivania

3 - Lo stesso per le altre cartelle e file della tua Home, qualora risultassero bloccati e non cancellabili.

4 - Nel caso non riuscissi a svuotare il cestino per la presenza di file particolari, vai nella cartella

Risorse / Computer / File system / home / tuo-nome-utente /

A questo punto, da tastiera Control+h e le cartelle nascoste (quelle con un punto prima del nome), che prima non potevi vedere, saranno visibili. Quindi cerca ancora per (attento al punto prima di local):

.local / share / Trash / files

Il contenuto è quello del cestino, seleziona ed elimina quanto non riuscivi, prima, ad eliminare. Mi raccomando la massima attenzione con Nautilus utilizzato con i privilegi di amministratore, un errore potrebbe compromettere l’intero sistema. Non cancellare o spostare nulla se non sei più che sicuri di quello che si sta facendo.

 

Per ulteriori notizie si rimanda alla pagina: Ubuntu 10.04 fare funzionare k3b ed altro

 


Ultimo aggiornamento ( domenica 07 giugno 2015 )
 
Ubuntu terminale non accetta password
lunedì 10 agosto 2009

Perchè in Ubuntu il terminale non mi fa digitare la password?

 

Password da terminale

Domanda 

Nel terminale ho dato un comando preceduto da sudo, ma alla richiesta della password non mi da la  possibilità di digitarla, non la prende proprio e sembra tutto bloccato. Come mai? Cosa posso fare?

 

Risposta

Il terminale di Ubuntu, per una questione di sicurezza,  non fa vedere nulla quando si digita la password. Questo per evitare che qualcuno che si trova vicino,  riesca a capire, se non altro, di quante cifre è composta la nostra password. Quindi quando il terminale ti chiede la password, anche se ti sembra che non succede nulla, in effetti sta succedendo tutto, ossia anche se apparentemente sembra che la password non venga recepita, in effetti Ubuntu la sta prendendo perfettamente.  Quindi devi solo digitare tutta la password completa, con attenzione (anche se non vedi nulla) e poi dare invio da tastiera. Vedrai che il terminale accetterà la password se correttamente digitata.

 

Se poi non vogliamo rinunciare agli asterischi che compaiono mentre si digita la password, allora seguite questa semplice guida:

Ubuntu terminale asterischi e password 

 


 

Ultimo aggiornamento ( domenica 07 giugno 2015 )
 
Fonts come aggiungerli in Ubuntu ed altro
domenica 26 luglio 2009

Come aggiungere i Fonts in Ubuntu e nelle applicazioni

Guida alla partizione /home

Domanda 

Piano, piano sto iniziando ad usare Ubuntu (ver. 9.04) compreso OpenOffice. Mi sento ancora un pochino spaesato ma sto imparando. Desidero sapere come fare per installare i fonts True Type, ne ho molti, li avevo nel sistema di Windows e la stessa cosa vorrei fare con questo sistema operativo affinché sia con OpenOffice, con Thunderbird, ecc..., li possa usare. Moltissimi lavori che ho archiviato hanno questi font e mi dispiacerebbe perdere le composizioni.

 

Risposta

Vuoi vedere come si installano i fonts? Semplice e veloce!!! Da Ubuntu vai in Risorse ed apri la Cartella home.  Ti sembrerà che ci siano poche cartelle. In effetti vi sono anche tante cartelle nascoste. Per renderle visibili , da tastiera: Control+h. Adesso potrai vedere tutte le cartelle ed i file nascosti, sono quelli il cui nome è preceduto da un punto. Cerca la cartella  .fonts   (col punto davanti). Se hai Ubuntu  Plus2 o Plus3 la trovi, se invece hai  Ubuntu ufficiale non la trovi e quindi la devi creare. Una volta dentro la  Cartella home, vai in File,scegli Crea cartella e nominala  .fonts (col punto davanti). Hai finito, copia tutti i font che vuoi ed incollali dentro la cartella .fonts. Adesso i nuovi fonts li troverai sia in Ubuntu che in tutte le applicazioni (OpenOffice, Gimp, ecc..).  Se non li vedi immediatamente riavvia il computer e li avrai disponibili. Consiglio, non esagerare con il numero dei font, se sono tantissimi rallentano un pochino il sistema (lo stesso succede con Windows). Credo proprio che più facile e veloce di così non sia possibile.

 

Risposta 2

Un altro metodo per visualizzare, installare e disinstallare i font TTF, su Linux Ubuntu, in modo grafico (cioè senza intervenire con i comandi da terminale), consiste nell'utilizzare una utilità chiamata FontMatrix. Trovate una pratica guida al sito di aiutamici: FontMatrix

 


 

NOTA - Qualcuno mi ha chiesto dove si trovano i fonts di Windows. Ecco il percorso per Windows XP:

C:\WINDOWS\Fonts\



 

 

Ultimo aggiornamento ( domenica 07 giugno 2015 )
 
Finestre non si ridimensionano - Ubuntu
giovedì 18 giugno 2009

Le finestre non vogliono ridimensionarsi in Ubuntu

 

Guida alla partizione /home

Domanda 

Non riesco a ridimensionare le finestre della applicazioni aperte sulla scrivania, vedo la trasformazione del cursore pronta per il ridimensionamento ma la finestra non s’ingrandisce e non si rimpicciolisce.

 

Risposta

Vai in Sistema / Preferenze / Gestore configurazione CompizConfig e si apre la finestra del Gestore. Nella parte di sinistra fai click su Gestione finestre. Adesso, sulla parte di destra metti la spunta in Ridimensiona finestre. Chiudi il Gestore e le finestre dovrebbero ridimensionarsi.

 


Ultimo aggiornamento ( sabato 20 giugno 2009 )
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Pross. > Fine >>

Risultati 91 - 105 di 108

Ubuntu 14.04 Italiano Plus - Remix - 3D