Consenso all'uso dei cookies

PerchŔ passare a Linux
Forum Majorana Informatica Benvenuti

Forum Majorana Informatica Videoguide Uso

Guida Pratica - Come passare al Software Libero, Open Source e Free, senza traumi per aziende e privati

Utilità web gratuite ordinate per categoria

Corso facile di informatica gratuito
Ubuntu Primi Passi - Videoguide italiane

BLOG Informatica
Ordiniamo gli Archivi
lunedý 17 dicembre 2007

Questo articolo contiene una Video Guide del Prof. Ing. Antonio Cantaro

 

FASE 2: ORDINIAMO LE CARTELLE E LE NOSTRE RISORSE

 

Vi dicevo prima che molti computers hanno il desktop pieno, fino all’inverosimile, di icone di ogni genere. La cosa non finisce qui, solitamente anche la cartella documenti è inondata da files di ogni sorta e dimensione. Dovete abituarvi a tenere il desktop e la cartella “Documenti” sempre vuoti o quasi. Entrambi vi debbono servire solamente per depositarvi, temporaneamente, i files che andranno poi sistemati nelle cartelle di archiviazione definitive, in modo da non creare mai confusione ed affollamento. Sarebbe bene tenere gli archivi in una partizione diversa da quella dove è istallato il sistema operativo (per intenderci il disco C:\). Meglio ancora de in un altro hard disk. Preciso cosa sia una partizione. Esempio di archiviazioneSe abbiamo un solo hard disk, possiamo per esempio dividerlo virtualmente in parti indipendenti. Pur avendo materialmente un solo disco è come se avessimo creato due dischi virtuali. Quindi oltre al disco C:\ avremmo pure il disco D:\- In sostanza se dovessimo reistallare il sistema operativo, verrebbero cancellati i dati esistenti della sola partizione principale che lo contiene (C:\). L’altra partizione (D:\) dove avevamo sistemato le nostre risorse resterà intatta anche dopo la reistallazione del sistema operativo. Si possono creare diverse partizioni, ma già due sono sufficienti, a meno di esigenze particolari (ad esempio istallare più sistemi operativi od altro). Imparate quindi a crearvi degli archivi fuori dalla partizione principale. Tali archivi saranno costituiti da cartelle e sottocartelle adeguatamente sistemate per contenere, con ordine le nostre risorse. Tanto più è ben strutturato l’archivio (cartelle e sottocartelle), tanto più rapidamente troverete quello che cercate. Un esempio di struttura per un archivio scuola, lo vedete nella figuara a lato. Più in generale, si possono creare delle cartelle principali che saranno il vero corpo dell’archivio: documenti, musica, foto, filmati, ecc…- Ogni cartella principale conterrà delle sottocartelle. Ad esempio nella cartella musica possiamo inserire delle sottocartelle tipo : classica, leggera, cantautori, folk, ecc…- Ognuna di queste sottocartelle potrà contenerne altre. Ad esempio, la cartella  cantautori potrebbe contenere altre cartelle tipo: Battisti, Cocciante, ecc… - State tranquilli che se andrete a cercare un brano lo troverete pressoché istantaneamente. Ovviamente sarete voi ad organizzare l’archivio secondo le vostre esigenze ed in base al materiale da sistemare.  

             Vi suggerisco di guardare la video guida: ORDINIAMO LE NOSTRE COSE

Ultimo aggiornamento ( lunedý 17 marzo 2008 )
 
Ordiniamo il Desktop di Windows
lunedý 17 dicembre 2007

Questo articolo contiene quattro Video Guide del Prof. Ing. Antonio Cantaro

 
      FASE 1: ORDINIAMO IL DESKTOP

    Conosco una persona laureata in informatica che ha tantissimo materiale nel proprio computer, però quando gli serve qualcosa, chiama sempre me per averla inviata o la cerca in internet (pensate quale perdita di tempo). Questo perché si spaventa a cercala nella tremenda confusione del suo computer. Immaginate un appartamento dove abbiamo messo tutti gli oggetti in una stanza ammucchiati alla rinfusa. Avremo un cumulo enorme di cose in piena confusione: penne, stoviglie, biancheria, posate, abiti, giocattoli e quant’altro. Sapreste trovarmi una matita o l’ultima bolletta del telefono pagata? Sicuramente sarebbe nel mucchio, ma quanto tempo occorrerebbe per trovarla? Non parliamo poi delle imprecazioni (per dirla pulita). Spesso il desktop (o la cartella “documenti”) viene usato come la stanza dell’esempio di prima. Ogni programma istallato, ogni documento elaborato, ogni casa scaricata da internet viene buttata li, nel mucchio. Ho visto computers che, solo a guardare il desktop, facevano  venire il mal di testa: centinaia di icone messe alla rinfusa e nel caos totale. Il desktop è la nostra scrivania, non riempiamola di scartoffie. Una scrivania deve essere mantenuta pulita, solo pochi oggetti di corredo, fissi ed utili. Il mio desktop ha solo l’icona del cestino e qualche volta una o due icone di programmi che sto, in quel  momento, provando. Impariamo allora ad organizzarci, ecco alcuni suggerimenti, fateli vostri ed abituatevi. Dopo farete tutto automaticamente e non tornerete più indietro, all’età del caos.

1 – Ripuliamo completamente il desktop, esso dovrà contenere il cestino, al massimo pochissime altre icone di programmi usati frequentemente. Io vi consiglio di lasciare solo il cestino. Vi suggerirò un metodo per avere tutto a portata di mano e ben ordinato. Basta realizzare una barra a scomparsa al margine alto del desktop. Il procedimento è semplice.

a - Ripuliamo il desktop di tutto il materiale che sistemeremo in modo adeguato dentro le nostre cartelle d’archiviazione.

b - Portiamo sul desktop i collegamenti a programmi o cartelle o files che ci interessano particolarmente (vedi sotto, video guida - parte 1).

c – Creiamo una nuova cartella sul desktop (valido solo per Windows XP), mettiamo dentro i nostri collegamenti e trasciniamola fino al bordo superiore del desktop. Si creerà una barra con tutto quello che avevamo messo nella cartella del desktop (vedi sotto, video guida - parte 2).

d – Configuriamo la nostra barra ordinando la posizione delle icone, aggiungiamo il disco “C:/” ed i Programmi (fare clic col destro su una zona vuota della barra e scegliere “Barre degli strumenti”, quindi “Nuova barra degli strumenti…” e ciccare sul disco  “C:/”  od altro che interessa. Attenzione la cartella con i programmi istallati la troverete in:

 

C:\Documents and Settings\All Users\Menu Avvio\Programmi

 

(vedi sotto, video guida - parte 3 e 4)

 

 


 

VideoGuide (valide solo per Windows XP)

         Per meglio fare capire quanto detto sopra, ho realizzato un tutorial, ossia una video guida divisa in quattro parti. Guarda la video guida e capirai meglio come realizzare la barra a scomparsa, quanto la stessa potrebbe esserti d’aiuto per lavorare bene col tuo computer ed ancora, scoprirai altri trucchetti . Se hai un collegamento lento dovrai avere un poco di pazienza nel caricare le guide, ma ne vale la pena. Di seguito trovi i link alla guida in quattro parti. 

             VIDEO GUIDA - ORDINIAMO IL DESKTOP 

-   parte 1Creiamo i collegamenti

-   parte 2Creiamo la barra

-   parte 3Configuriamo la barra

-  parte 4File e cartelle nascoste

 

 


 

Ottenere la Barra pe Windows 7 e successivi

 

Windows 7 - Utilissima Barra ApplicazioniIn Windows XP era facile creare una seconda barra delle applicazioni (Taskbar). Purtroppo in Windows Seven  questa possibilità viene negata. Però, con un piccolo programmino gratuito, possiamo creare la seconda barra delle applicazioni, anche a scomparsa. Utilissima per lanciare i programmi più utilizzati o aprire i documenti più frequentemente visualizzati, con un solo click a portata di mouse. La barra è personalizzabile, discreta e non invasiva. L'ho personalmente testata, con successo, in Windows 7 ed in Windows 10. 

Windows 7 - Utilissima Barra Applicazioni

 


 

Ultimo aggiornamento ( venerdý 06 marzo 2015 )
 
Deframmentizzare il Disco
lunedý 17 dicembre 2007

              Questo articolo contiene una Video Guida del Prof. Ing. Antonio Cantaro

             Fase 6: Deframmentizzare il Disco

Per ben capire cosa significhi avere un disco deframmentizzato, sarà bene seguire questo paragone.

 Supponiamo di invitare a casa un amico. Sicuramente gli chiediamo se gradisce un caffé. Al suo si, cominciamo a preparare il caffé. Siamo in cucina, però la caffettiera è nel ripostiglio, andiamo a prenderla e torniamo. Il caffé è in camera da letto, andiamo a prenderlo e torniamo. I cucchiaini sono nel salotto, andiamo a prenderli e torniamo. Le tazzine sono nell’ingresso, andiamo a prenderle e torniamo. Lo zucchero è nello studio, andiamo a prenderlo e torniamo. Non pensate che in queste condizioni fare un semplice caffé diventa una cosa faticosa e lunga? Certo se avessimo avuto tutto il necessario in un unico mobile della cucina, fare un caffé sarebbe stato una cosa semplice e veloce.

        Orbene, nel nostro disco rigido (hard disk), inizialmente, quando è  "pulito", i dati vengono memorizzati, ordinatamente, in maniera sequenziale (uno finisce e l’altro comincia). Tuttavia, quando si cominciano a cancellare alcuni dei file già memorizzati si creano degli spazi vuoti nel disco fisso (a macchia di leopardo). In queste condizioni, quando andiamo a memorizzare nuovi dati i nostri file verranno salvati, in parte, all'interno di tali spazi vuoti, in parte, in altre zone del disco. Il risultato è che un singolo file può risultare spezzato in numerose parti, per l’appunto frammentato. Un disco molto frammentizzato impone alle testine movimenti numerosi ed ampi, con conseguente riduzione sia della velocità del computer, sia della vita dello stesso disco (usura prematura). Per migliorare le prestazioni del disco e diminuirne le sollecitazioni è bene effettuare, quando serve, un'operazione di deframmentazione. Mentre le versioni dell'Utilità di deframmentazione dischi offerte in Windows 9x/ME lasciavano alquanto a desiderare, in Windows 2000/XP Microsoft ha introdotto una versione ridotta del pluripremiato Diskeeper che, in effetti, funziona egregiamente. Ogni tanto, aprite l'Utilità di deframmentazione dischi di Windows, da XP a 7 (Seven) la trovate in:

Start / Tutti i programmi / Accessori / Utilità di sistema / Utilità di deframmentazione dischi

quindi, selezionate il disco C:\ , o altri, se ne avete e cliccate su Analizza. Se le zone rosse sono tante ed estese, conviene fare click sul tasto Deframmenta. Armatevi di pazienza perché secondo le dimensioni dei dati e del loro stato di deframmentazione, l’operazione potrebbe richiedere parecchio tempo. Se invece effettuate la deframmentazione in maniera periodica, occorreranno solamente pochi minuti. Dunque, la deframmentazione periodica del disco fisso è un'operazione che è bene non dimenticarsi di effettuare. Potete farne a meno solo se utilizzate Linux e non WIndows. Di seguito è possibile visionare la video guida.

Video guida: Deframmentazione Disco 

Ultimo aggiornamento ( lunedý 29 agosto 2011 )
 
Computer sovraccaricato inutilmente
lunedý 17 dicembre 2007

    Questo articolo contiene sei Video Guide del Prof. Ing. Antonio Cantaro

  

   Fase 4: Computer sovraccaricato inutilmente

    Provate ad avvicinarvi ad un computer ed osservate la barra in basso del desktop (si chiama barra delle applicazioni), sicuramente troverete molte icone, sia a sinistra, vicino al pulsante “star” (avvio rapido), sia a destra (vicino all’orologio di windows), per alcune delle quali, forse, sconoscete la funzione. Tanto più programmi istalliamo sul nostro computer, tante più icone avremo. Come già detto nell’articolo precedente “Programmi Inutili”, disinstallando i programmi inutili, alcune di queste icone spariranno automaticamente. Ovviamente non dobbiamo eliminare tutte le icone di destra e di sinistra ma dobbiamo lasciare solo quelle necessarie.

    Esiste una grandissima differenza tra le icone di sinistra (quelle vicino a “Start”) e quelle di destra (vicine all’orologio di Windows), le prime rappresentano solo dei collegamenti ai programmi, le seconde indicano programmi (applicazioni) in esecuzione ed in attività. Pertanto quelle di sinistra creano solo confusione ma non appesantiscono il sistema, quelle di destra, oltre alla confusione sovraccaricano, spesso, il sistema rallentandolo inutilmente. Ogni autore di software vuole apparire in primo piano quindi, sovente, istallando un programma lo stesso creerà le icone di avvio rapido (quelle di sinistra) e lancerà lo stesso programma all’avvio di windows (icone di destra). Se tanto è buono per programmi utilizzati sempre (antivirus, modem, ecc…), risulta dannoso per programmi utilizzati raramente.  Andiamo con ordine ed eliminiamo le cose inutili lasciando solo quanto necessario.

 

    Icone di sinistra

    Abbiamo già parlato dei collegamenti nella  precedente guida “Ordiniamo il Desktop”. Le icone di sinistra sono solo dei collegamenti ai programmi quindi possiamo decidere quali di questi collegamenti sono per noi necessari. Ricordate che avevamo creato la barra in alto (articolo appena citato) e quindi, qui, abbiamo bisogno di poche ma utili icone. Guardate come possiamo manipolare queste icone.

    1 – Bloccare o nascondere. Basta fare clic col destro in una zona libera della barra e mettere o togliere la spunta su “Blocca barra delle applicazioni” . Le icone di sinistra si possono espandere, comprimere o bloccare. Se dopo il clic destro, invece, selezioniamo Proprietà, possiamo mettere la spunta in “Mostra avvio veloce”. Se togliamo la spunta spariscono tutte le icone. Io metto la spunta in tutte le sette caselle. Vedi la video guida poco più sotto.

    2 – Togliere o inserire.  Per eliminare un’icona basta fare clic col destro sopra la stessa e scegliere elimina. Per inserire un’icona basta avere un collegamento sul desktop e trascinalo (tenendolo premuto col tasto sinistro del mouse) nella zona sinistra della barra. Vedasi la video guida qui di seguito.

Video guida: avvio veloce

    Icone di destra

    Per queste icone l’intervento è meno semplice ma più importante. Abbiamo detto che le icone di destra indicano un programma in esecuzione. Non tutti i programmi in esecuzione sono importanti, anzi vi sono programmi che usiamo raramente ma, invece, girano fin dall’accensione del computer. Sono i programmi che vengono avviati con Windows.  Prima di tutto, vediamo quali sono quelli che è bene lasciare in esecuzione e quali quelli da eliminare. Attenzione facendo clic col destro su queste icone non esiste la possibilità di cancellarle, al massimo è possibile chiudere il programma ad esse collegato, per poi ritrovarcele al nuovo riavvio di Windows. Per capire meglio quali programmi lasciare faremo un esempio. Supponiamo che vado a comprare del pane per poi tornare a casa. Se vado a piedi porterò con me, i soldi, un cappotto se c’è freddo, le chiavi di casa e quant’altro reputo utile (ad esempio un ombrello se c’è brutto tempo).  Quanti porterebbero con se il cannotto per il mare, il comodino della stanza da letto, l’attrezzatura completa da sci, il tavolo da cucina e così via? Sarebbe da stupidi sovraccaricarci di cose inutili. Il canotto lo porterò solo in estate se vado al mare. L’attrezzatura da sci in inverno se vado in montagna. Portarsi sempre tutto dietro comporterebbe uno sforzo enorme ed assolutamente non necessario. Lo stesso succede a Windows, tutte quelle icone di destra sono programmi che vengono caricati all’avvio del sistema operativo e che il computer ha sulle spalle in quanto sono in esecuzione. Certamente  per essere più leggero potrei  uscire da casa, a comprare il pane,  nudo e senza vestiti, così come potrei andare in internet senza un antivirus, in entrambi i casi durerei ben poco (nel primo caso mi porterebbero al manicomio, nel secondo mi riempirei il computer di virus e malware,almeno con Windows, con Linux  non succederebbe).  Morale della favola bisogna che windows carichi solo i programmi necessari e non gli altri.

    3 - Programmi necessari.  Sicuramente lasceremo, in quanto necessari, l’antivirus, i collegamenti per internet e ben poche altre cose, se volute espressamente da noi che magari utilizzano poche risorse (io lascio un catturatore d’immagini ed una clipboard che è un programmino che ricorda parole e frasi frequentemente utilizzate).

    4 – Programmi inutili. Capita che istalliamo una enciclopedia, magari per consultarla una volta ogni sei mesi. Per quale motivo windows la deve caricare ogni volta che accendo il computer? Risulta inutile avere siffatto programma in esecuzione permanete, basterebbe aprire l’enciclopedia solamente quelle poche volte che ci serve e su nostro specifico comando. Vi renderete conto che molti programmi in esecuzione permanente non servono a niente ed appesantiscono il sistema. Valutate voi quali programmi non sono necessari. In caso di dubbi fate delle ricerche in internet. Vedasi la video guida qui di seguito.

Video guida: Icone di destra

    5 – Evitiamo l’avvio automatico. Una prima cosa da fare è quella di controllare la cartella “Esecuzione automatica”,  basta fare clic su Start / Tutti i programmi e la troverete. Controlliamo cosa contiene. Se in questa cartella esiste un collegamento ad un programma questo verrà avviato insieme con windows (quando si accende il computer). Quindi se vi trovate un programma non necessario, clic col destro ed “Elimina”. Per capire meglio, fate questa prova: Start / Tutti i programmi / Accessori, fate clic destro su Blocco note, quindi crea collegamento. Si creerà un collegamento a Blocco note che verrà denominato Blocco note (2), trasciniamolo dentro la cartella “Esecuzione automatica” (tenendo premuto il tasto sinistro del mouse). Se ora riavviamo il computer vedremo che Blocco note verrà aperto automaticamente con Windows. Lo stesso sarebbe successo  per qualsiasi altro programma (tipo una calcolatrice o altro),  al posto di Blocco note. Ricordiamoci ora di cancellare il collegamento a Blocco note che abbiamo inserito nella cartella “Esecuzione automatica”. Alla stessa maniera eliminiamo gli altri programmi che riteniamo non utili. Normalmente, con questo metodo riusciamo a togliere poca cosa.   Vedasi la video guida qui di seguito.

Video guida: esecuzione automatica

    6 – Opzioni programma. Un metodo che spesso funziona è quello di settare il programma per evitare l’avvio automatico. Apriamo il programma e cerchiamo “opzioni”, “options” , “Setting”, o similari.  Togliamo la spunta su “Avvia con Windows” o “Load on startup” o similari. Il programma non verrà avviato più in automatico. Vedasi la video guida qui di seguito.

Video guida: opzioni programma

    7 – mscongfig. Questo metodo è sconsigliabile a persone poco esperte in quanto potrebbero arrecare problemi al computer. Viene qui citato per diritto di cronaca:  Start / Esegui. Si apre una finestrella scriveteci: msconfig, quindi OK. Si apre una finestra, andate nella linguetta in alto a destra “Avvio”, apritela e troverete molti processi che s’avviano in automatico. Siccome i nomi non sono molto chiari, a meno che non sappiate bene di che si tratta, non manipolateli, altrimenti togliete la spunta alle applicazioni non desiderate. Vedasi la video guida qui di seguito.

Video guida: msconfig

    8 - Spybot - Search & Destroy. Si tratta di un programma gratuito che usiamo per la sicurezza e per la ricerca di spyware (malware). Questo è un metodo che vi consiglio tranquillamente. Il programma aiuta ad orientarci bene sui programmi ed i processi che si avviano automaticamente con Windows. Tanto con l’opzione “Esecuzione automatica” che troviamo nella sezione "Utilità" dello stesso programma. In questa maniera apriremo una finestra con l’elenco delle esecuzioni automatiche. Basta ciccare su una riga ed a destra troveremo una spiegazione sul processo evidenziato. Se non fossimo soddisfatti delle spiegazioni, per maggiori notizie, avendo già delle indicazioni fornite dal programma,  potremmo fare ulteriori ricerche in internet. Per scaricare, settare ed utilizzare il programma si rimanda alla sezione “Software Win Gratuito - Indispensabili", in particolare a Spybot - Search & Destroy. Oppure, se conoscete il programma,  guardate direttamente la video guida qui di seguito riportata, trattante l’argomento specifico.

Video guida: Esecuzione automatica

    Adesso abbiamo tolto molte cose che appesantivano inutilmente il nostro computer. Vedrete come sarà già più veloce di prima sia all’avvio che alla chiusura. Continuiamo con i prossimi capitoli per avere il massimo della “messa a punto” della nostra macchina.

Ultimo aggiornamento ( lunedý 17 marzo 2008 )
 
<< Inizio < Prec. 71 72 73 74 75 Pross. > Fine >>

Risultati 1111 - 1114 di 1114

Ubuntu 14.04 Italiano Plus - Remix - 3D